Lavorando la nostra vita

La figlia di un mio amico ha lasciato recentemente l'università ed è entrata nel mondo del lavoro, assumendo un lavoro d'ufficio temporaneo. Alla fine della sua prima settimana di lavoro, telefonò a casa in lacrime. "È orribile," si lamentò con sua madre, "non c'è tempo per fare altro. Sono così stanco quando torno a casa la sera che tutto quello che posso fare è guardare la TV. E poi devo alzarmi presto la mattina dopo e rifare tutto! Se è così che funziona, non voglio passare tutta la vita a farlo! '

Diamo per scontato che il lavoro debba essere una parte importante della nostra vita, anzi, per molte persone, è l'aspetto principale della nostra vita. Definiamo noi stessi, e le altre persone, dai nostri ruoli di lavoro -solo cosa fai? 'E misuriamo la nostra felicità in termini di successo in questi ruoli. Quaranta ore settimanali, 48 settimane all'anno, fino a 50 anni – senza contare i tempi di viaggio, e il tempo trascorso a riposare e riprendersi dagli sforzi delle nostre vite lavorative.

È davvero questo per cui siamo nati? E 'davvero questo che dovrebbe essere la vita?

Naturalmente, se sei fortunato, potresti avere un lavoro soddisfacente, che si adatta ai tuoi innati interessi e abilità e che trovi stimolante e stimolante. In tal caso, il tuo lavoro potrebbe fornirti quello che gli psicologi chiamano "flusso", uno stato di intenso assorbimento, che ti fa sentire coinvolto e vivo. Forse la maggior parte della gente non è così fortunata e fa lavori ripetitivi e noiosi. Ma direi che, anche se il tuo lavoro ti fornisce 'flusso', il lavoro dovrebbe essere solo un aspetto della nostra vita, piuttosto che la sua caratteristica di definizione. Lavorare 40 ore a settimana fa diventare le nostre vite strette e costrette, così da perdere di vista interi scenari di possibilità, di attività e di avventure, al di fuori di esso. C'è così tanto da imparare nella vita, così tanti modi diversi di svilupparsi, così tante esperienze da assorbire, così tante attività da godere (compreso il non fare nulla), ma mentre passiamo così tanto tempo a lavorare è difficile trovare tempo ed energie per queste.

La storia del lavoro

Lavorare come sappiamo è un'attività relativamente moderna. Per tutta la storia della razza umana fino a poche migliaia di anni fa, gli esseri umani vivevano come cacciatori-raccoglitori. Il loro "lavoro" principale era semplicemente quello di trovare cibo, e forse sorprendentemente, non dovevano lavorare particolarmente duramente per farlo. Gli antropologi stimano che i cacciatori-raccoglitori dovessero passare solo quattro ore al giorno alla ricerca di cibo – il resto del tempo era il tempo libero. La vita è diventata davvero difficile solo quando i nostri antenati hanno iniziato a coltivare. La macinazione del cibo dal terreno era molto più laboriosa della caccia, o la raccolta di frutti da alberi o piante da terra. E poi venne la rivoluzione industriale, quando gli esseri umani furono imprigionati in fabbriche e fabbriche per quasi tutte le loro ore di veglia, trattati come nient'altro che oggetti di lavoro, lavorando in condizioni spaventose per gli spaventosi salari, e di solito morendo in giovane età. Tanto per il progresso!

Le condizioni di lavoro sono infinitamente migliori ora, naturalmente, almeno nelle parti del mondo economicamente più sviluppate. Ma direi che non siamo andati abbastanza lontano in una direzione positiva. Stiamo ancora vivendo con l'eredità della rivoluzione industriale, e in balia di un'idea sbagliata che il lavoro ci definisce e dovrebbe essere la ricerca primaria delle nostre vite. Viviamo ancora come oggetti economici il cui valore principale è quello che possiamo produrre.

Ma qual è l'alternativa, potresti chiedere? Se non lavorassimo tanto, le nostre economie fallirebbero e vivremmo tutti nella povertà. Ma questo non è necessariamente il caso. Nell'Europa continentale, l'orario di lavoro è significativamente più breve di quello negli Stati Uniti e nel Regno Unito e la produttività è effettivamente più elevata. Paesi come l'Olanda e la Danimarca hanno in realtà un successo più economico degli Stati Uniti o del Regno Unito. E non a caso, hanno anche livelli più alti di benessere. Lavorare di meno non significa fallimento economico, potrebbe essere il contrario. Può essere che le ore di lavoro più lunghe rendano le persone stanche e risentite, e quindi meno produttive.

E in ogni caso, forse abbiamo bisogno di riconsiderare la nostra intera relazione con l'economia. È chiaro che la popolazione mondiale non può continuare a produrre e consumare beni materiali al ritmo attuale, specialmente ora che paesi come la Cina e l'India stanno diventando più economicamente sviluppati. Gli effetti ambientali sono semplicemente troppo severi – il nostro pianeta sta già soffrendo la tensione e non sarà in grado di sopportare molti più danni. Prima o poi, potremo tutti ridurre il consumo di beni materiali (molti dei quali sono solo oggetti di lusso superflui, dopotutto). Ciò di per sé richiederebbe meno attività economica, dal momento che questi prodotti non avrebbero bisogno di essere prodotti. Le società che erano più egualitarie e più sensibilmente controllate, potrebbero essere in grado di far fronte a tale transizione.

L'enfasi moderna sul lavoro è completamente sproporzionata e dannosa per il nostro benessere. Una cosa è certa: se trascorri quasi tutte le tue ore di veglia, non importa se sei un uomo d'affari milionario o un analista finanziario, non sei molto diverso da un operaio in un industriale del XIX secolo città – un oggetto economico, la cui vita ha valore solo in termini di lavoro che produci. L'unica differenza è che hai la libertà di cambiare e rendere la tua vita più significativa e appagante.

Steve Taylor PhD è un docente di psicologia presso la Leeds Metropolitan University, nel Regno Unito. È l'autore di Back to Sanity: Healing the Madness of the Mind Mind . stevenmtaylor.com

Segui Steve su Facebook

Segui Steve su Twitter

Solutions Collecting From Web of "Lavorando la nostra vita"