L'autostima e la creatività sono collegate?

Contributo di Priscilla Long, autore di Minding the Muse.

Migliorare l'autostima è una questione di fare passi regolari, non importa quanto piccoli, fissare obiettivi per raggiungere ciò che si intende raggiungere, vivere la vita che si aspira a vivere, vivere secondo i propri valori e secondo i propri sogni. È una questione di lavorare a piccoli passi regolari per creare l'arte che sogni di lasciare nel mondo una volta che te ne sei andato.

Coffeetown Press
Fonte: Coffeetown Press

Guardo indietro molto quando ero una giovane donna che sognava di diventare una scrittrice. Nei miei vent'anni, scrissi poesie; Ho scritto nel mio diario. Ho iniziato a ricercare l'organizzatore del lavoro Mother Jones e la storia dell'estrazione del carbone. Ero un attivista politico che lavorava per porre fine alla guerra in Vietnam, per "riportare i ragazzi a casa". Ho lavorato nel movimento delle donne (1969-1972) e successivamente nel movimento per la pace e la giustizia in Medio Oriente. Ero un lettore, avevo dei buoni amici e sono entrato nel mondo della stampa. Ero bravo in quello che facevo, ma sempre ansioso di piacere. Non avevo fiducia nella mia scrittura. Molti di noi non lo fanno in quella fase. Non potrei mettere la mia scrittura per prima.

Due libri di "auto-aiuto" sono stati trasformativi e forse sono caduti nella mia vita in un momento in cui ero ricettivo alla loro saggezza. Uno era The New Diary di Tristine Rainer. Trascorsi molte ore in un inverno oscuro, un tempo di desiderio e depressione, lavorando agli esercizi in quel libro di un libro. L'altro era diventato uno scrittore di Dorothea Brande. Brande richiede di scrivere per quindici minuti ogni giorno. Ho letto il suo libro nel 1980 e in quel momento, nonostante i precedenti scritti e le prime pubblicazioni, sono diventato un vero scrittore. O almeno così mi sembra. Ogni giorno da quando ho messo i miei quindici minuti. Di solito più, praticamente mai meno.

L'autostima non è una quantità fissa. Piuttosto è un sentimento, fluido e mutevole. Ma posso dire che nel corso degli anni, con un piccolo aiuto da parte dei miei amici, con un piccolo aiuto da un paio di buoni terapeuti, con un piccolo aiuto da un paio di buoni libri di auto-aiuto, mi sono evoluto in uno scrittore che ha costantemente alta autostima. Mi aiuta a essere produttivo, a lavorare fuori, a continuare a lavorare sul mio lavoro. Mi dà la capacità di recupero nel lavoro.

Hai ciò che serve per fare arte, se fai la scelta di prendere ciò che serve. Nessuno di noi sa se il nostro lavoro finirà per essere grande o non eccezionale, ricordato o dimenticato. Ma noi abbiamo il controllo di quel costante processo di lavoro che si genera credendo in noi stessi e nelle nostre vite e rispettando il lavoro che abbiamo intrapreso.

Sostenere il lavoro creativo richiede rispetto per se stessi, onorare la propria vita, e l'umiltà e la fede per andare avanti nonostante l'ambiguità del lavoro creativo e la mancanza di garanzie in merito al risultato artistico o al riconoscimento. Onora te stesso e il tuo lavoro come se il mondo dipendesse da esso.

Il mondo dipende da questo.

Nota: Questo è un estratto da Minding the Muse: Un manuale per pittori, compositori, scrittori e altri creatori (Coffeetown Press, $ 13,95, 128 pagine, ISBN: 978-1-60381-363-1).

Priscilla Long è un autore e scrittore di scienza, poesia, storia, fiction e saggistica creativa con base a Seattle. Gli altri suoi libri pubblicati nel 2016 includono Fire and Stone: Da dove veniamo? Cosa siamo noi? Dove stiamo andando? e attraversando: poesie . Long's MFA è dell'Università di Washington e lavora come Founding and Consulting Editor di www.historylink.org, l'enciclopedia online della storia dello stato di Washington.

Solutions Collecting From Web of "L'autostima e la creatività sono collegate?"