L'automazione assume incarichi e il reddito di base universale può aiutare

imagesource.com
Fonte: imagesource.com

Durante i suoi 15 anni in qualità di presidente dell'Unione internazionale dei dipendenti dei servizi, Andy Stern era una figura controversa. Ha subito la sua parte di critiche da dentro e fuori dal sindacato. Non c'è stato, tuttavia, alcun dubbio sul suo successo nel rendere SEIU il sindacato più grande e in più rapida crescita nel paese e una potente macchina politica che è stata determinante per ottenere l'elezione di Obama e l'Affordable Care Act approvato. Durante il mandato di Stern come direttore organizzativo e presidente nazionale, introdusse e implementò strategie di organizzazione e contrattazione a livello industriale per contrastare la realtà mutevole dei datori di lavoro che stavano diventando grandi e internazionali. Portò SEIU fuori dall'AFL-CIO e formò una nuova federazione sindacale chiamata Change to Win, perché sentiva che il movimento operaio tradizionale era troppo conservatore riguardo all'organizzazione e limitava il suo potere rifiutando di consolidare le unioni più piccole in quelle più grandi e più potenti. La mossa fallì, come ammette lo stesso Stern, a causa della mancanza di volontà politica e della strategia di condivisione.

Con il segretario-tesoriere Anna Burger, Stern ha sviluppato piani per un servizio / call center a livello nazionale che centralizzerebbe le funzioni di back-office dei locali, oltre a servire molti dei loro contratti al fine di liberarli per crescere e approfondire le loro relazioni con i membri . Ha anche assunto una società di design di fama internazionale, IDEO, per aiutare i leader SEIU a capire perché i loro membri non erano più impegnati con il loro sindacato. IDEO era famoso per l'utilizzo di ciò che chiamavano "empatia del consumatore" per progettare oggetti come il primo topo di Apple, il tubo per dentifricio in piedi e migliori carrelli per la spesa e banchi di scuola elementare. Si sono inseriti nella vita quotidiana dei membri SEIU e hanno cercato di capire la loro relazione con la loro unione dal punto di vista dei membri. Queste iniziative hanno avuto i loro critici, ma hanno anche rispecchiato e rafforzato la reputazione di Stern come pensatore indipendente e leader nel movimento operaio.

Il mio incontro con Stern è stato il risultato dei suoi sforzi per ripensare il ruolo e la struttura dei locali. Stern ha assunto un gruppo interdisciplinare di agenti del cambiamento – io stesso tra questi – per aiutare i locali a ripensare il loro funzionamento, rafforzare la loro leadership, riconnettersi in modo più profondo con i loro membri, consolidare le loro funzioni di back office e renderle più efficienti. Abbiamo anche cercato di aiutarli a sviluppare visioni e processi di pianificazione a lungo termine che non erano familiari in molte culture sindacali locali perché erano abituati a stare sulla difensiva ea pensare a breve termine. Ci ha detto, "So quello che sappiamo, ma non so cosa non sappiamo e voglio che tu ci aiuti a capirlo." Prese in prestito liberamente da pensatori e professionisti nel settore privato, accademico, psicologico e il mondo dello sviluppo organizzativo e dell'organizzazione della comunità per provare, nelle sue parole, "a guidare il SEIU nel 21 ° secolo". Lo fece perché poteva vedere che l'arco storico dei sindacati li stava portando a una potenziale irrilevanza. Che ci sia riuscito o meno è una questione di opinione e di dibattito. Ciò che non è in discussione è che Stern ha rotto gli schemi di un leader sindacale tradizionale ed era disposto a sperimentare, rischiare e ad anticipare le tendenze future.

Da quando ha lasciato SEIU nel 2010, Stern ha studiato la natura mutevole del lavoro in America con lo stesso spirito di innovazione e pensiero del futuro. Nel suo nuovo libro, Raising the Floor: come un reddito di base universale può rinnovare la nostra economia e ricostruire il sogno americano , Stern sostiene che la tecnologia sta sostituendo posti di lavoro ad un ritmo accelerato, e che questa tendenza è permanente e minaccia la nostra società con enormi perdite di posti di lavoro nei prossimi decenni nei settori dell'economia blu e dei colletti bianchi. La sua premessa è che questo tasso di cambiamento è storicamente senza precedenti e riflette un "punto di inflessione" – un cambiamento paradigmatico permanente nel modo in cui il lavoro è e sarà organizzato a prescindere da qualsiasi cosa abbia a che fare con il ciclo economico. "Stiamo andando da una scogliera", dice Stern, e gli approcci liberali tradizionali non possono fermarci. L'unica soluzione che ha senso è una persona radicale che sta guadagnando sempre più trazione oggi, cioè un reddito di base universale in cui ogni persona riceve una quantità fissa di denaro all'anno, un "piano" sul quale gli individui possono accumulare ricchezza mediante impegnarsi in ulteriori lavori (non c'è un tetto, solo un pavimento) o che può essere usato come una coperta di sicurezza per coloro che vogliono la libertà economica di esplorare la crescita personale o attività per il tempo libero.

L'automazione minaccia di spostare i lavoratori non è una nuova osservazione. Infatti, Stern cita liberamente economisti e leader politici che hanno sollevato allarmi su questa tendenza decenni fa. Ma l'era digitale, i progressi dell'intelligenza artificiale e i nuovi e sofisticati sistemi di software per computer hanno accelerato questo processo in modo esponenziale. Stern ha viaggiato in lungo e in largo per intervistare tecnologi, amministratori delegati aziendali, ricercatori accademici e attivisti che organizzano in vari punti del panorama digitale. Tutti sottolineano non solo la crescente capacità dei dispositivi digitali e delle piattaforme software di rimpiazzare le persone direttamente, ma i potenti incentivi che le aziende oggi devono svolgere al di fuori del proprio lavoro o utilizzare sofisticati software per analizzare le funzioni lavorative e reclutare freelance per eseguirli, sostituendo così lavoratori a tempo pieno che hanno contato sul proprio lavoro, compresi i benefici a carico del datore di lavoro, per una vita intera.

Non più, sostiene Stern. Quel legame e la promessa implicita tra datore di lavoro e dipendente sono stati interrotti per sempre.

Stern costruisce attentamente il suo caso per l'apparizione di questo punto di flesso su sei capitoli. Ad esempio, il McKinsey Consulting Group ha studiato la questione dell'automazione in un'era digitale e nella sua pubblicazione di punta, il McKinsey Quarterly, ha concluso che fino al 45% dei posti di lavoro di oggi potrebbe essere automatizzato nei prossimi 20 anni. Due studiosi della Oxford University hanno condotto uno studio esauriente su 702 occupazioni degli Stati Uniti e nuove tecniche di automazione e hanno concluso che il 47% dei posti di lavoro negli Stati Uniti rischia di essere eliminato a causa dei progressi nel software, nella robotica e nell'intelligenza artificiale. Stern cita il fatto che sulla strada ci sono già autisti che guidano e che con i progressi compiuti nell'intelligenza artificiale e nei veicoli a guida autonoma, è ipotizzabile che 3,5 milioni di camionisti possano essere sostituiti nei prossimi decenni e il trasporto la più grande occupazione in 29 stati. Morgan Stanley stima prudentemente che l'industria del trasporto merci potrebbe risparmiare fino a $ 168 miliardi all'anno sfruttando la tecnologia autonoma, di cui $ 70 miliardi derivano dalla riduzione del personale.

E, contrariamente a quanto pensavamo, i colletti bianchi e i lavori professionali non sono nemmeno immuni. Analisti di bilancio, segretari legali, redattori tecnici, funzionari di prestito, contabili, contabili, paralegali e bibliotecari, qualsiasi lavoro, nelle parole di Stern, "che può essere sostituito con un algoritmo o un software", è a rischio.

Considera l'esempio della diagnosi del cancro. Al Sloan Kettering Cancer Center di New York, il computer IBM, "Watson", famoso per aver battuto due maestri di scacchi e il miglior giocatore nella storia di Jeopardy! ai loro rispettivi giochi-è stato in grado di diagnosticare correttamente il cancro con un tasso di precisione estremamente alto. Questo ha senso se si considera che Watson può leggere velocemente 600.000 pagine di prove mediche, 1,5 milioni di pagine di cartelle cliniche e 2 milioni di pagine di riviste mediche. Può confrontare i sintomi, la storia e la genetica dei pazienti per diagnosticare e sviluppare un piano di trattamento preciso e di successo.

Le ramificazioni di questa tendenza sono enormi. Poiché i posti di lavoro dei colletti bianchi si restringono, il "dividendo" che si accumulava in un diploma universitario non è più presente o si sta restringendo e le famiglie, per la prima volta, devono calcolare il ritorno sull'investimento dell'istruzione superiore dei loro figli, tutto nel mentre a guardare questi bambini accumulano enormi quantità di debito.

Avendo stabilito che c'è uno tsunami economico in arrivo, Stern affronta uno strato più profondo nella sua analisi identificando quelli che chiama due grandi "disaccoppiamenti", (1) il disaccoppiamento del reddito dalla crescita economica e (2) la separazione del lavoro dai posti di lavoro. Nel primo, racconta la storia che tutti i progressisti sanno, cioè che mentre la produttività è in aumento e il progresso tecnologico è estremamente robusto, i benefici vanno all'1% superiore o allo 0,1% piuttosto che alle persone lavoratrici e della classe media che sono vedendo il loro lavoro andare oltreoceano e il loro reddito ristagna. Sempre più cose possono essere prodotte usando sempre meno persone. Nella cosiddetta "corsa verso il basso", i lavoratori americani stanno perdendo terreno per l'automazione e per i concorrenti più economici all'estero. Più volte Stern ci ricorda che il contratto sociale del dopoguerra in cui i bambini vanno al college, ottenere un lavoro a tempo pieno, godere dei benefici (vinto dai sindacati), e guardare avanti per un pensionamento sicuro e la prospettiva di guardare i propri figli fare meglio di quello che hanno fatto, è stato definitivamente rotto.

Il secondo disaccoppiamento, quello del lavoro dal lavoro, è più insidioso e allarmante. Non è solo che la tecnologia sostituisce direttamente i lavoratori. I lavori, a loro volta, vengono suddivisi in parti o processi o componenti e ciascuno può essere automatizzato o altro crowdsourcing per freelance, impiegati o consulenti – i cosiddetti lavoratori "contingenti" o membri della "gig economy". “

La teoria è che le persone non sono più lavoratori, ma imprenditori indipendenti. Per alcuni, una tale ridefinizione del lavoro può sembrare promettere un aumento della libertà personale e creativa, ma ha un lato oscuro. Una volta che il lavoro viene separato da un lavoro, può essere più facilmente esternalizzato. Questi nuovi contingenti o "lavoratori della folla", come talvolta vengono anche chiamati, hanno poca o nessuna rete di sicurezza o potere nei confronti dei loro datori di lavoro. Mentre alcune persone apprezzano la libertà offerta dall'economia del gig, il fatto che il lavoro da 9 a 5 sia una cosa del passato lascia questi lavoratori in un luogo duro e incerto con salari più bassi e poco potere contrattuale.

Sempre più spesso, il mercato per prodotti di alta qualità e sofisticati è di portata internazionale. Quando persino gli americani ben istruiti competono per questo lavoro a cottimo contro scienziati, matematici e programmatori di tutto il mondo, accoppiando un vivere senza sicurezza del posto di lavoro, pensioni e altri benefici che venivano con occupazione a tempo pieno, la nozione comune che studiava matematica e la scienza al college assicura stabilità economica e mobilità ascendente non sembra più una verità ovvia. E mentre Stern intervista diversi attivisti che tentano di organizzare tali lavoratori, finora, è una battaglia in salita.

La rappresentazione di Stern del nostro attuale punto di inflessione economica è deprimente. Con l'erosione della tradizionale relazione datore di lavoro-dipendente, l'organizzazione sindacale tradizionale e la contrattazione collettiva, pur cruciali per proteggere i lavoratori nel presente, non possono essere la soluzione a lungo termine alla disoccupazione strutturale guidata dalla tecnologia del futuro. Con la scomparsa della tradizionale relazione datore di lavoro-dipendente, che ne è della contrattazione collettiva?

Stern sostiene che i progressisti devono avere una strategia a breve e lungo termine. Nel breve periodo, ci sono ancora battaglie assolutamente cruciali che devono essere combattute sul tradizionale campo liberale – ad esempio, ottenere un nuovo pacchetto di stimoli che includa la spesa per le infrastrutture, l'aumento del salario minimo, l'investimento nell'istruzione, la messa a punto e la semplificazione dei guadagni guadagnati credito d'imposta sul reddito e / o che impone una settimana lavorativa più corta per distribuire il lavoro e il reddito disponibili, ecc. Questi sono sforzi vitali volti a sostenere e aumentare le entrate per le persone povere, lavoratrici e borghesi che sono attualmente sotto assedio.

Ma Stern crede fermamente che l'unica soluzione a lungo termine e radicale che ha una possibilità di impedire al nostro sistema economico di crollare irrimediabilmente è l'implementazione del cosiddetto Universal Basic Income, o UBI. Dare denaro alle persone indipendentemente dal fatto che lavorino o vogliano lavorare. Le persone possono scegliere di lavorare e guadagnare di più o no. Se il numero è impostato correttamente, mantiene le persone fuori dalla povertà. Permette alle persone maggiori scelte nella vita. Aiuta i lavoratori a contrattare con i datori di lavoro da una posizione di maggiore potere. Aumenta la domanda nell'economia e fornisce un "piano" sul quale le persone hanno la libertà di esplorare altre attività non remunerative nelle loro vite personali e pubbliche. Stern, al fine di stimolare il pensiero e la discussione, propone uno stipendio mensile di $ 1000 / persona, con aggiustamenti regionali del costo della vita e un pilota dell'inflazione. Dice "… con importanti progressi tecnologici che eliminano più posti di lavoro nella classe media, sono necessari nuovi sistemi di supporto universale. Mancando di buoni posti di lavoro e di lavoro soddisfacente, la prossima generazione vorrebbe costruire una vita al di fuori della povertà e del lavoro a basso salario, e dovremmo sforzarci di dare loro quell'opportunità ".

L'UBI non è nuovo e Stern non è il primo a discutere i suoi meriti. In effetti, è un concetto che è stato promosso per molto tempo sia dai liberali sia dai conservatori. Richard Nixon e gli economisti conservatori Friedrich Hayek e Milton Friedman ne hanno supportato una versione (Friedman voleva farlo attraverso il sistema fiscale con una "imposta sul reddito negativa", cioè chiunque con un reddito superiore a un certo livello paga qualcosa e tutti sotto quel livello ricevono qualcosa ), così come Martin Luther King e gli economisti liberali contemporanei come Robert Reich.

L'UBI sembra semplice e, dal suo punto di vista, avvincente, ma ha molti critici che sostengono che manderebbe in bancarotta il bilancio federale, mettere troppo a rischio la nostra rete di sicurezza sociale, dovendo soddisfare troppo i conservatori, e che si trova ad affrontare opposizione politica Un recente referendum nazionale in Svizzera su una versione di una proposta di reddito di base è stato decisamente sconfitto. Mentre sono sempre più dibattuti dagli economisti e dai politici, non c'è un solo politico negli Stati Uniti che ne parli oggi.

In Raising the Floor , Stern vuole correggere questo – per provocare il dibattito e portare il concetto di UBI nella corrente principale del pensiero liberale. Cerca di delineare i modi in cui l'UBI potrebbe essere economicamente accessibile e articola persino una strategia politica per costruire il tipo di coalizione bipartisan che sarebbe necessaria per farlo funzionare. Alcune delle idee sono, a prima vista, scioccanti. Ad esempio, crede che dovremmo eliminare gradualmente tutto il benessere attuale e trasferire i pagamenti che il governo attualmente impiega per tenere le persone fuori dalla povertà (con l'eccezione di Medicare e sicurezza sociale) al fine di aumentare una percentuale significativa dei costi dell'UBI. E può, a volte, innescare il cinismo del lettore per lo stallo di Washington quando suggerisce una tassa sul valore aggiunto e sulla ricchezza per raccogliere più fondi necessari.

In linea di principio, l'UBI ha qualcosa per tutti. Ovviamente, è nella sua implementazione che i problemi possono e sorgeranno. Il problema, però, è questo: se compri l'analisi di Stern sull'entità della catastrofe che si manifesta sotto forma di disoccupazione e sottooccupazione schizzate alle stelle, guidata dall'automazione, dall'intelligenza artificiale, dalla robotica e da altre nuove tecnologie, allora devi chiedersi se soluzioni tradizionali progressiste: unioni più forti, un sistema di tassazione e regolamentazione ridistributivo, un governo più attivista e una rete di sicurezza sociale più ampia e più efficace sono sufficienti per affrontare la sfida. Se la risposta è no, allora idee radicali come l'UBI iniziano a sfondare il nostro cinismo. In tal caso, dobbiamo a Andy Stern un debito di gratitudine.

Solutions Collecting From Web of "L'automazione assume incarichi e il reddito di base universale può aiutare"