L'auto-compassione ti aiuta ad affrontare le sfide della vita

Cerchi regolarmente di motivarti con autocritica e proiezioni mentali su tutte le cose brutte che ti succederanno se non lo fai insieme? Anche se questo approccio può creare quell'impennata di adrenalina per rispettare la scadenza del lavoro, chiamare il prossimo potenziale cliente, andare in palestra o pulire la casa prima della visita dei suoceri, ha un costo. Finisci per sentirti male per te molto spesso. Si entra in modalità "lotta o fuga" costante, cercando di evitare le conseguenze immaginarie negative, che incasinano il cortisolo e altri ormoni dello stress. Ti senti sopraffatto e decidi di non giocare ai videogiochi o di postare senza pensieri sui social media, oppure ti ribelli e mangi, bevi o spendi troppo, creando così più auto-disgusto. Se questo suona familiare, forse hai bisogno di una sana dose di auto-compassione.

Cos'è l'auto-compassione?

Kristin Neff, la più famosa ricercatrice di auto-compassione, la definisce "un modo più sano di relazionarsi con se stessi". Invece di picchiarti con un bastone per fare le cose, estendi la gentilezza e la comprensione a te stesso. È come dire a te stesso "So che stai facendo del tuo meglio, ma la vita è dura e non lo fai sempre bene, perché sei solo umano." Ha anche una componente di autocoscienza consapevole, in cui riconosci le tue stesse emozioni, ma non esagerare con esse o usarle come scuse per non raggiungere i tuoi obiettivi.

Self-Compassion si concentra su bisogni insoddisfatti

Auto-compassione è come Mindfulness Plus . Essere consapevoli significa avvertire delicatamente ciò che stai pensando, sentendo e facendo in questo momento, piuttosto che operare su un pilota automatico. Si tratta di chiedere "È questo ciò che vuoi fare, o hai bisogno di guidarti dolcemente al centro?" L'auto-compassione si espande chiedendo: "Di cosa hai bisogno?" Spesso non lo facciamo le cose che dovremmo fare perché abbiamo bisogni emotivi conflittuali che non vengono soddisfatti, e il nostro risentimento nei confronti di questi ci sta ostacolando. Non possiamo semplicemente continuare a spingere noi stessi come se fossimo macchine; alla fine qualcosa sta per dare. Quando abbiamo bisogni insoddisfatti di riposo, divertimento, compagnia, riconoscimento, conforto, significato, cibo, sesso e così via, questi creeranno sofferenza emotiva che interferisce con la nostra capacità di essere orientati all'obiettivo. L'auto-compassione riconosce questa sofferenza e ci consente di prenderci del tempo per reintegrarci e ritrovarci in equilibrio emotivo così da poter veramente impegnarci per raggiungere i nostri obiettivi dichiarati e perseverare nei momenti difficili.

I benefici dell'autocompiacimento

La ricerca mostra che le persone che esercitano auto-compassione hanno una migliore salute mentale, meno ansia e depressione, e hanno altrettanto successo nel raggiungere gli obiettivi come quelli che non lo fanno. Uno studio a lungo termine ha dimostrato che l'autocompassione aiutava le persone a adattarsi meglio dopo il divorzio. Quando siamo delusi dalla vita, la nostra tendenza naturale potrebbe essere quella di chiederci cosa abbiamo sbagliato, ma dire a noi stessi, "Hai fatto il meglio che potevi dare a ciò che sapevi in ​​quel momento," può aiutarci a sentirci meglio con noi stessi e dacci il coraggio di iniziare a ricostruire le nostre vite.

Auto-compassione e mangiare emotivo

L'auto-compassione può anche aiutarci con il mangiare emotivo e altri tipi di comportamento compulsivo o di dipendenza. Uno studio ha mostrato che gli studenti universitari hanno chiesto di mangiare ciambelle, che hanno ricevuto un messaggio di autocompassione dallo sperimentatore (tutti a volte mangiano questa roba), erano meno propensi a mangiare troppo più tardi di fronte alle tentazioni. Coloro che non hanno ricevuto il messaggio potrebbero essere stati più inclini a demoralizzarsi e rinunciare ai loro obiettivi importanti. L'angoscia emotiva interferisce con la nostra sana concentrazione e può farci deragliare dai nostri obiettivi se ci investiamo troppo. Se la forza di volontà è come un muscolo, aggiungere l'auto-crudeltà al mix rende il peso troppo pesante da sollevare.

Perché l'auto-compassione funziona

Ironia della sorte, l'aspra autocritica sembra creare una ribellione interiore che ci fa desiderare di rinunciare ai nostri sani obiettivi. L'auto-compassione riconosce la realtà che è un momento malsano, non una vita malsana, e abbiamo una scelta su quale sarà il prossimo momento. E ci mostra che possiamo essere dalla nostra parte mentre percorriamo il sentiero.

Circa l'autore:

Melanie Greenberg, Ph.D. è uno psicologo clinico ed esperto di Mindfulness, Managing Anxiety e Depression, Success at Work e Mind-Body Health. Il dott. Greenberg offre workshop e impegni linguistici per la vostra organizzazione e coaching e psicoterapia per individui e coppie

Vuoi essere avvisato via e-mail quando Dr Greenberg pubblica un nuovo articolo su The Mindful Self-Express?

Iscriviti al link sottostante:

http://eepurl.com/EWWUv

Visita il sito web del Dr Greenberg:

Seguila su twitter @drmelanieg

Come lei su Facebook www.fb.com/mindfulselfexpress

Leggi il suo blog di psicologia oggi e blog personale

http://www.psychologytoday.com/blog/the-mindful-self-express

http://marinpsychologist.blogspot.com

Solutions Collecting From Web of "L'auto-compassione ti aiuta ad affrontare le sfide della vita"