L'auto-compassione è auto-indulgente?

www.istock.com
Fonte: www.istock.com

Quando stai lottando per rimanere motivato, sentirti paralizzato dalla paura o guardare dritto in faccia al fallimento, come ti spingere in questi momenti? Lascerai perdere il tuo critico interiore e ti farai parlare a stento? O ti allunghi con auto-compassione e parli a te stesso come farebbe un amico saggio e gentile?

Devo confessare che per gran parte della mia vita ho lasciato che il mio critico interiore si scatenasse come mezzo per cercare di ottenere risultati. Dopotutto, in quale altro modo avrei dimostrato di essere abbastanza bravo, abbastanza intelligente o degno di essere rispettato, stimato o amato?

Ultimamente però mi sono stancato di tutta la paura che continua a scatenare, e così tanto per il suo orrore ho iniziato a giocare con l'auto-compassione invece. E mentre inizialmente mi preoccupavo che essere gentile con me stesso in questi momenti potesse rendermi morbido o lasciarmi andare via con cose che non dovevo, in realtà mi ha lasciato sentirsi più forte e più fiducioso nel continuare ad affrontare gli obiettivi che mi contano di più .

Quindi considerarti un nemico o un alleato il modo migliore per liberare il potenziale del tuo cervello al lavoro?

"È facile pensare che se non ti critichi regolarmente, ti libererai di te stesso", ha spiegato la psicologa Kathleen Cator e l'insegnante di auto-compassione quando l'ho intervistata di recente. "Tuttavia, la ricerca mostra che quando si è coinvolti nell'autocritica è probabile che sia più auto-assorbito, più ansioso e stressato, meno probabile che veda le cose chiaramente e sia meno produttivo sul lavoro".

Questo perché gli studi stanno scoprendo che il tuo cervello interpreta le tue aspre critiche interiori nello stesso modo in cui fa una minaccia esterna. Attiva la tua lotta, il volo o la risposta al congelamento aiutandoti a difenderti, a sfuggire alla minaccia o se ti senti troppo sopraffatto per dissociarsi dalla situazione. Di conseguenza, i neuroscienziati hanno scoperto che l'auto-punizione che accompagna l'autocritica spesso disimpegna i tuoi obiettivi e mina la tua performance.

"Al contrario, auto-compassione significa trattare te stesso come faresti un buon amico", ha detto Kathleen. "Se pensi a un momento in cui hai mostrato compassione nei confronti di un amico, probabilmente hai notato che stavano lottando o stavano attraversando un momento difficile, teso con gentilezza e disponibilità ad ascoltare e offerto il tuo sostegno per aiutarli. L'auto-compassione trasforma semplicemente queste pratiche verso l'interno. "

Centinaia di studi hanno ora scoperto che riconoscendo le tue difficoltà o mancanze di auto-compassione, puoi calmare il tuo sistema fisiologico e sono meno inclini a lasciarsi alle spalle l'autocommiserazione, i confronti sociali e l'insicurezza. In effetti, l'auto-compassione è stata considerata un antidoto efficace per la tua mente autocritica che può aiutarti a imparare dai tuoi errori, essere più ottimista e fiducioso riguardo al futuro e migliorare le tue relazioni, la tua felicità e il tuo rendimento lavorativo al lavoro.

Come puoi praticare più auto-compassione?

Kathleen consiglia di provare queste tre pratiche.

  • Regalati una pausa di autocompassione – pratica i tre elementi di auto-compassione quando stai attraversando un momento difficile o commetti un errore. Per prima cosa, rallenta e nota come ti senti e riconosci che lo stress o l'ansia nel tuo corpo si sentono difficili. In secondo luogo, accetta di essere umano e come tutti gli altri che stai ancora imparando. Cerca di essere un po 'meno critico e più comprensivo verso la tua situazione. Infine, concediti alcune gentili parole di incoraggiamento.

Se trovi difficile sapere cosa dire a te stesso, porta in mente a qualcuno che ti interessa davvero e pensa a cosa diresti loro. Usa parole rassicuranti come: "Sono qui per te"; oppure "Sai che stai facendo del tuo meglio"; o "cosa posso fare per supportarti al massimo in questo momento di bisogno?"

  • Premi il pulsante di ripristino – quando devi interrompere l'auto-critica da ranting! Usa il tocco per lenire il tuo sistema fisiologico dandoti un abbraccio, mettendo una mano sul tuo cuore o semplicemente tenendo il polso con la mano opposta per almeno sette secondi e respirando lentamente.

Questo scatena l'ossitocina ormonale che ti fa piacere, sei il flusso sanguigno che aiuta ad abbassare i livelli di cortisolo e migliorare la concentrazione e la concentrazione.

  • Scrivi una lettera auto-compassionevole a te stesso – pensa a qualcosa che suscita i tuoi sentimenti di insicurezza o non essere abbastanza bravi. Ora ricorda un amico immaginario che è incondizionatamente saggio, gentile e compassionevole, che può vedere tutti i tuoi punti di forza e di debolezza, comprese quelle cose che davvero non ti piacciono di te stesso. Scrivi una lettera a te stesso sulle inadeguatezze a cui ti stai giudicando dalla prospettiva di questo amico immaginario.

Cosa ti direbbe questo amico? Come ti incoraggerebbero in un modo premuroso, incoraggiante e di supporto per apportare i cambiamenti che devi apportare? Dopo aver scritto la lettera, posarla e poi tornare ad esso in un secondo momento. Nota come ti lascia sentire questo tipo di gentilezza.

Come puoi mostrarti poco più auto-compassione sul lavoro?

Solutions Collecting From Web of "L'auto-compassione è auto-indulgente?"