L'autismo è davvero un "disturbo da empatia"?

flicker.com
Fonte: flicker.com

Alcuni anni fa, ho pubblicato un articolo su questo blog sull'empatia, chiamato "Empatia – l'abilità che ci rende veramente umani". In retrospettiva, vorrei aver dato all'articolo un titolo diverso. Ho avuto un commento arrabbiato da una persona che ha detto che era autistico e ha scritto "Non posso essere umano. Sono nello spettro dell'autismo. Dal momento che è l'empatia che rende tutti voi "veramente umani", non posso essere umano, poiché la mia empatia è o compromessa o mancante. "

È opinione comune che le persone con autismo manchino di empatia. Un ricercatore che ha contribuito a diffondere questa convinzione è il professore britannico di psicopatologia dello sviluppo, Simon Baron-Cohen, che ha visto l'autismo come un "disturbo dell'empatia". Secondo Baron-Cohen, una delle caratteristiche dell'autismo è la "cecità mentale", che significa che non puoi metterti nei panni di qualcun altro, non puoi "leggere" i volti e il linguaggio del corpo di altre persone, e quindi non puoi dire quello che stanno pensando o sentendo. Di conseguenza, le persone con autismo hanno difficoltà a rispondere in modo appropriato nelle situazioni sociali. Possono sembrare senza emozioni e scortesi.

Tuttavia, molte persone con autismo – e le loro famiglie – sono confuse da questa convinzione, poiché sentono che spesso sperimentano e assistono all'empatia. A volte dicono che sembrano "sentirsi" con le altre persone in misura ancora maggiore del normale. Un mio amico ha un figlio giovane che è nello spettro autistico, che è certamente empatico nel senso che ha reagito con forza alle sofferenze degli altri. Diventa angosciato quando le persone intorno a lui sono sconvolte e mostra felicità quando sono felici.

E in effetti, molti ricercatori hanno iniziato a mettere in discussione l'assunzione di una mancanza di empatia nell'autismo. Ci sono stati suggerimenti che non è l'empatia stessa a essere compromessa nelle persone con autismo, ma solo le abilità di comunicazione sociale, o la capacità di comprendere, descrivere o esprimere le proprie emozioni (1).

Empatia superficiale e profonda

Quindi è corretto definire l'autismo come un "disturbo di empatia"? La risposta è che può dipendere dal modo in cui definisci l'empatia. Secondo Simon Baron-Cohen, empatia significa "leggere l'atmosfera emotiva" e "sintonizzare i pensieri e le sensazioni dell'altra persona". Un altro eminente psicologo britannico, Paul Gilbert, lo definisce come "guardare attraverso gli occhi di un altro". Da queste definizioni , può essere valido dire che le persone con diagnosi di autismo mancano di empatia.

Tuttavia, questa è in realtà una definizione molto limitata di empatia. Si riferisce solo a ciò che io chiamo empatia "superficiale". L'empatia superficiale è simile a quella che gli psicologi chiamano talvolta "empatia cognitiva". È la capacità cognitiva di mettersi nei panni di un'altra persona, o di farsi un'idea di come si sentono in base al loro comportamento, alle loro espressioni facciali e alla loro parola. Questo è il tipo di empatia che viene "misurata" nei test in cui viene chiesto alla gente di guardare le immagini di volti o occhi e indovinare quale emozione stanno esprimendo.

Ma c'è anche quella che chiamo "empatia profonda", che è simile a ciò che viene talvolta chiamato "empatia affettiva". Questa è l'abilità non solo di immaginare, ma di sentire realmente ciò che le altre persone stanno vivendo. È la capacità di entrare effettivamente nello "spazio mentale" di un'altra persona in modo che tu possa percepire i loro sentimenti ed emozioni. In un certo senso, la tua identità si fonde con la loro. La separazione tra te e loro svanisce. Il tuo "auto-confine" si scioglie, così che in un certo senso – o in una certa misura – tu diventi loro. L'empatia profonda è la fonte della compassione e spesso conduce a comportamenti altruistici, radicati nel desiderio di alleviare la sofferenza che possiamo percepire negli altri.

In una certa misura, questi due tipi di empatia sembrano essere indipendenti. Una persona può avere un alto livello di empatia superficiale e un basso livello di profonda empatia, e viceversa. Ad esempio, un politico di successo può avere un alto livello di empatia superficiale, nel senso che può leggere l'atmosfera emotiva, sapere istintivamente come rispondere a situazioni o linguaggio del corpo e dire alle persone ciò che vogliono sentire. Ma possono anche avere un basso livello di profonda empatia, che consente loro di comportarsi spietatamente, sfruttando e maltrattando gli altri per raggiungere le loro ambizioni. (Il comportamento sfruttatore è possibile solo se c'è un'assenza di profonda empatia, il che significa che non puoi percepire la sofferenza che infliggi agli altri.)

E potrebbe essere che, per le persone nello spettro autistico, questa equazione sia invertita: potrebbero non essere bravi a empatia superficiale, ma non sono affatto compromessi in termini di profonda empatia.

Steve Taylor Phd è un docente di psicologia presso la Leeds Beckett University, nel Regno Unito. www.stevenmtaylor.com

Solutions Collecting From Web of "L'autismo è davvero un "disturbo da empatia"?"