L'atto egoistico di gentilezza

In questo periodo dell'anno la gentilezza diventa quasi cliché. Diamo giocattoli ai bambini che altrimenti non li avrebbero. Carica sacchi con alimenti in scatola per gli affamati. Fai donazioni a coloro che ne hanno bisogno. E a volte – solo qualche volta – lasciamo che qualcuno affollasse davanti a noi in un negozio affollato, o sorridiamo, invece di combattere, con quel tipo che ha afferrato l'ultimo Chia Pet. In questo periodo dell'anno, a quanto pare, ci concentriamo di più sul fare del bene e sull'essere bravi. Certamente, non è una brutta cosa

Ma è tutta questa gentilezza, egoista? I ricercatori dell'Università della California, Berkeley, dicono che la gentilezza e le qualità correlate come l'empatia, la compassione e la compassione sono in realtà una forma di autoconservazione. Quelli che danno di più, ottengono di più. I più generosi tra noi hanno maggiore influenza e sono, per dirla in termini di seconda media, più popolari. Considerando che, i meanies che sono scontroso e scostante sono più probabilità di essere gettato alla deriva dalla nostra cricca. Dopotutto, è ovvio che se sto remando con la tua scialuppa di salvataggio, mi terrete a galla ancora un po '.

Quindi, la gentilezza è motivata dalla nostra genuina preoccupazione per gli altri o noi siamo bravi perché ci fa sembrare buoni e sostiene la nostra posizione nell'ecosistema? Probabilmente entrambi. Molti di noi amano davvero aiutare gli altri. Ci fa sentire bene, connessi, felici e ciò rende la vita più sana e soddisfacente. Ma non fa male che riceviamo anche altri premi – stato, cooperazione, influenza – che ci aiuteranno a sopravvivere e prosperare. Chi può lamentarsi? Se sei un bravo ragazzo, tutti i benefici per il tuo corpo.

Nonostante tutti i vantaggi, tendo molto spesso alla gentilezza solo quando è conveniente. Ciò non significa che io abbia cattive maniere. Dico i miei auguri e grazie. Tengo la porta aperta per le persone. I RSVP. Ma potrei essere più gentile, più spesso. A volte sono ostacolato da come farlo. A volte, non sto pensando abbastanza agli altri per riconoscere il bisogno. A volte, sono semplice, vecchio egoista.

Sto lavorando per essere più consapevole di chi mi sta vicino. Per rallentare e muoversi con pazienza e scopo. Per essere più gentile I miei atti di gentilezza non sono grandiosi o appariscenti – non sono il tipo. Non sono costosi – sono troppo economico. Ma quelle cose non sono richieste. Non devi sentirti in colpa per il fatto che il tuo gesto gentile non fosse così grande come direbbe Oprah che costruisce una scuola in Africa.

La gentilezza può essere un atto piccolo e semplice e avere comunque un impatto gigantesco. È più una questione di consapevolezza. Notare un bisogno e poi offrire consapevolmente un po 'di te stesso. È il momento in autostrada quando sorridi sinceramente e saluti il ​​tizio che ti interrompe invece di gesticolare in un modo diverso.

Ecco alcune altre idee per farti pensare:

  • Aiutare qualcuno a scaricare la spesa dal loro carrello.
  • Invia un pasto a un amico che ha un nuovo bambino.
  • Scrivi una nota d'amore al tuo partner.
  • Metti il ​​giornale del tuo vicino sul portico durante la tua passeggiata mattutina.
  • Guarda la pedina, il cassiere della banca, il cameriere o chi ti serve, negli occhi e dì "grazie".

La Random Acts of Kindness Foundation ha anche pagine piene di idee gentili e storie stimolanti.

Ricorda, l'atto non deve essere epico per fare la differenza. E, grazie all'evoluzione, è un modo in cui tutti possiamo vincere.

Solutions Collecting From Web of "L'atto egoistico di gentilezza"