L'attività di medicalizzazione dell'infanzia

Duff Wilson, New York Times
Fonte: Duff Wilson, New York Times

"Nessuna categoria terapeutica è più accettante del marchio di condizione rispetto al campo dell'ansia e della depressione", ha scritto Vince Parry una decina di anni fa nella rivista specializzata Medical Marketing and Media. Parry, un insider del settore, ha definito il suo articolo "The Art of Branding a Condition." L'ansia e la depressione erano particolarmente suscettibili al "condition branding", ha detto ai pari, perché "la malattia mentale è raramente basata su sintomi fisici misurabili e, quindi, è aperto alla definizione concettuale. "

L'arte del branding – di allineare con successo una condizione con un prodotto farmaceutico – si riduce a tre strategie chiave:

  • elevando l'importanza di una condizione esistente
  • ridefinire una condizione esistente per ridurre lo stigma
  • lo sviluppo di una nuova condizione per costruire il riconoscimento per una necessità del mercato insoddisfatta.

Il candido articolo di Parry è stato una buona anticipazione sull'eccellente articolo di ieri di Aaron E. Carroll: "Chiamare un problema di salute ordinario una malattia porta a maggiori problemi". Il dott. Carroll, professore di pediatria alla Scuola di Medicina dell'Università dell'Indiana, ha esposto le conseguenze di Le strategie di Parry – sulla salute pubblica, i budget sanitari allungati e un quadro crescente di tassi diagnostici ampiamente in espansione nei disordini le cui soglie di età sono state abbassate per i giovanissimi, in alcuni casi in modo drammatico. La giustificazione per questo corso si basa su un argomento ancora controverso, in gran parte non testato, per un intervento farmacologico precoce, con un riferimento "precoce" all'età, piuttosto che all'inizio della malattia. Ciò naturalmente consente alle medicine di iniziare in età sempre più giovani e per molti più bambini (sempre più piccoli).

La dott.ssa Carroll scrive della considerevole pressione al ribasso sulla soglia di età per le diagnosi infantili di malattia da reflusso gastroesofageo (malattia da reflusso gastro-esofageo), anche se la malattia attuale (distinta dai sintomi comuni) è "rara" tra quella fascia di età. "Circa il 50% dei bambini sani sputa più di due volte al giorno", scrive Carroll. "Circa il 95% di loro smette completamente di farlo senza trattamento. Quando una maggioranza di bambini ha (e ha sempre avuto) una serie di sintomi che vanno via da soli, non è una malattia – è una variazione del normale ".

Man mano che le soglie d'età per tali malattie diminuivano, e le campagne promozionali prendevano il sopravvento, "sempre più bambini con reflusso erano etichettati come aventi una" malattia ". L'incidenza di una diagnosi di GERD nei neonati è triplicata dal 2000 al 2005. "Non sorprende che questo pediatra abbia affermato che" molti di questi bambini vengono ora trattati con farmaci chiamati inibitori della pompa protonica (PPI): "Tra il 1999 e Nel 2004, "scrive," l'uso di una forma liquida a misura di bambino di PPI è aumentato di oltre 16 volte. "

Considerando una così grande espansione delle prescrizioni in soli cinque anni, per i bambini a quell'età e molto più giovani, vale la pena ricordare Parry sulla creazione di GERD adulti . La malattia è stata ideata, si vanta, per accompagnare una massiccia campagna promozionale per la ranitidina della droga.

Uno dei modi più semplici per sopravvalutare la gravità di una condizione medica, ha ammesso Parry, è quello di abbagliare il pubblico con acronimi. Nel caso di GERD, il pubblico ha precedentemente ritenuto che i rimedi da banco sarebbero adeguati per affrontare il bruciore di stomaco. Quindi la campagna di marketing aveva bisogno di elevare … ridefinire … sviluppare la condizione ribattezzata, per convincere medici e pazienti altrimenti. Altri acronimi e enfasi quasi identiche sono stati ideati per promuovere l'IBS (sindrome dell'intestino irritabile), ED (disfunzione erettile), PMDD (disturbo disforico premestruale) e SAD (disturbo d'ansia sociale), come ho mostrato a una lunghezza molto maggiore in Timidezza: Come Il comportamento normale divenne una malattia.

"Il problema più grande" con la massiccia sovradiagnosi e overmedicazione del GERD infantile, conclude Carroll, "è che la stragrande maggioranza di questi bambini non era" malata ". Abbiamo appena dato loro una diagnosi ufficiale. Questa etichettatura di pazienti con una "malattia" può avere conseguenze significative, sia per la salute delle persone che per il budget sanitario nazionale ".

Scusa, ma i medici, soprattutto i pediatri: qualunque cosa sia successa a " Primo, non fare del male" ?

christopherlane.org Seguimi su Twitter @christophlane

Riferimenti e collegamenti:

Carroll, Aaron E. "Chiamare un problema di salute ordinario una malattia porta a maggiori problemi." New York Times : 3 giugno 2014.

Lane, Christopher. 2007. Timidezza: come il comportamento normale è diventato una malattia . New Haven: Yale University Press.

"Bambini che meditano: perché la polemica continua a risvegliare il" rilevamento precoce "." Psicologia oggi : 2 settembre 2010.

"L'OCSE avverte l'eccesso di prescrizione di farmaci antidepressivi." Psicologia oggi : 22 novembre 2013.

"Gli americani vengono sottoposti a un'aggressiva diagnosi eccessiva." Psicologia oggi : 20 settembre 2011.

"I farmaci comportamentali somministrati ai bambini di quattro anni richiedono l'inchiesta – nel Regno Unito". Psicologia oggi : 19 marzo 2011.

"Denominazione di un disturbo: il caso del disturbo d'ansia sociale." Psicologia oggi : 11 giugno 2012.

Parry, Vince. "The Art of Branding a Condition." MM & M: Medical Marketing and Media (maggio 2003): 44-46.

Solutions Collecting From Web of "L'attività di medicalizzazione dell'infanzia"