L'attentato di Boston e la guerra contro il male

L'attentato a Boston ha generato una risposta pubblica che è giusta su così tanti livelli. Una volta che la notizia della tragedia è finita nella nostra coscienza con un altro tonfo nauseante, con gli echi dell'11 settembre e di Oklahoma City ancora troppo freschi, la gente di tutto il paese ha reagito come una persona oltraggiata nei confronti del perpetratore non identificato, mostrando compassione e solidarietà per il popolo di Boston.

Boston Marathon Bombing

Maratona sanguinosa del terrore

Gli astanti in quelle strade della città si precipitarono verso il caos, invece di allontanarsi dal pericolo, cercando di vedere come avrebbero potuto aiutare quelli in difficoltà, mentre le vittime stordite affrontarono la distruzione con una sorta di silenziosa dignità. Non c'era nessuna divisione. Nessun stato rosso o stato blu; Repubblicani o democratici, liberali o conservatori. Solo americani, uniti contro un orrendo atto di terrorismo.

E se l'attacco alla maratona di Boston fosse avvenuto con una pistola? Senza dubbio, le persone verrebbero immediatamente insieme nel loro dolore e sdegno contro l'aggressore. Ma all'interno di un ciclo di notizie di 24 ore il clamore per il controllo delle armi da parte di opinionisti e politici sarebbe stato assordante mentre l'attenzione si spostava rapidamente dall'individuo malato che perpetra il male, a una reazione emotiva verso un oggetto: la pistola stessa.

Gli esseri umani prendono le decisioni con due processi fondamentali: la logica e l'emozione. La maggior parte delle decisioni sono una combinazione di entrambi – un po 'di cervello accoppiato con sentimenti del cuore o dell'intestino. Questo è il modo tipico in cui si imposta una linea d'azione o si giunge a una conclusione. Ma il giusto equilibrio è fondamentale. Numerosi studi hanno dimostrato che una forte emozione può interferire con il processo decisionale logico e influenzare vari giudizi sociali.

Boston Marathon Disaster

Boston Marathon Bomb Attack

Ma ricerche più recenti indicano che l'emozione da sola non è il colpevole: è la mancanza di quella che io chiamo "chiarezza emotiva" che è la chiave. Coloro che riescono a capire empiricamente e riconoscono di essere emotivamente prevenuti, e lo tengono in considerazione nel prendere decisioni, prendono le decisioni migliori. Coloro che sono così trincerati nelle loro posizioni da non poter vedere il ruolo che le emozioni stanno giocando spesso fanno scelte sbagliate.

Il controllo della pistola è diventato un problema emotivo del peggior tipo in cui non vi è alcun riconoscimento di pregiudizi su entrambi i lati. Prendi l'attuale retorica a Washington su diverse misure di controllo delle armi da fuoco fallite ieri. Il presidente Obama l'ha definito "un giorno abbastanza vergognoso per Washington", ha detto Gabby Gifford, ex-vittima della violenza armata e senatore degli Stati Uniti, "ha fatto vergognare se stessi e il nostro governo". Da quando in America è giusto implicare perché qualcuno ha un punto di vista diverso è moralmente corrotto o si è esaurito o merita la vergogna? Questo è il potere della denigrazione (o deificazione) della pistola. E finché non verrà affrontata questa distorsione emotiva verso un oggetto inanimato, non ci sarà soluzione o compromesso.

Questo non è accaduto con l'ultimo attacco scolastico, quando un uomo ha pugnalato più di una dozzina di persone in un campus universitario nell'area di Houston. Nessuno era angosciante se vietare o no i coltelli nei campus. Invece, l'obiettivo era quello di ottenere il cattivo e portarlo alla giustizia, e giustamente.

La migliore risposta possibile all'attacco a Boston è quella che abbiamo visto. Noi come popolo siamo diventati fermamente uniti contro un nemico comune che uccide e rende innocenti. Che si tratti di un atto di terrorismo domestico o straniero, qualunque sia il movente di questo individuo malato, e indipendentemente dai mezzi di distruzione, continuiamo a lottare per la giustizia e usare tutti i mezzi necessari per trovare i perpetratori malvagi di questo atto. Questo è ciò che è giusto per l'America, dove perseguiamo ostinatamente giustizia e preserviamo la nostra libertà e democrazia a tutti i costi.

Ora, se solo potessimo prendere la stessa determinazione e riconoscere che le armi non sono buone o cattive. Gli uomini malvagi sono il problema. Che si tratti di una pistola, un coltello o una bomba, è la persona che commette l'atto, e non i mezzi di distruzione, che deve essere il nostro obiettivo primario. Le persone buone che si uniscono contro il male non è solo la risposta razionale, è ciò che l'America rappresenta.

Solutions Collecting From Web of "L'attentato di Boston e la guerra contro il male"