L'ateismo è irrazionale

L'ateismo è irrazionale. Lì, l'ho detto. L'ho detto perché sfidare la razionalità dell'ateismo è stato di recente un tema scottante, incluso apparire come una grande domanda a Templeton e in un'intervista al NY Times. Il primo ha un'abile giustapposizione di prove scientifiche riguardanti le tendenze umane degne di considerazione, mescolate con la caratteristica (e corretta) richiesta di umiltà di Templeton. Quest'ultimo è un'intervista con un importante filosofo cristiano, e alcuni punti positivi sono fatti. Ma c'è ancora qualcosa da dire. Quindi, per essere più specifici: l'ateismo è dimostrabile, certamente e definitivamente irrazionale … Se per "ateismo" intendi un'affermazione di assoluta certezza che non c'è Dio o dei; ciò a cui il mio amico Pietro si riferiva come il suo "ateismo gnostico". Non conosco nessuno che sostiene di essere questa forma di ateo che non sarebbe d'accordo sul fatto che il passo finale verso lo gnosticismo sia almeno un po 'irrazionale.

Tuttavia, ci sono anche versioni razionali al 100% dell'ateismo; non agnosticismo, ateismo pieno. Uno è il risultato dello stesso processo razionale che mi porta ad affermare che non ci sono dinosauri viventi sulla terra oggi. Può sembrare una strana analogia con alcuni, ma solo poche centinaia di anni fa, c'erano molti che erano convinti che i dinosauri, i rettili giganti di taglia piena, fossero da qualche parte, in attesa di essere scoperti. Credevano che, a causa del postulato abbastanza razionale, nessuna specie si fosse estinta, poiché tutte le specie erano state appositamente create da Dio e avevano una funzione senza fine da servire. Quella gente sapeva perfettamente che i fossili esistevano e che alcuni fossili rappresentavano specie non visibili nella loro terra. Tuttavia, credevano che le specie che conoscevano solo attraverso i fossili erano là fuori, in una parte ancora sconosciuta del mondo. Sì, sto dicendo che le persone che credevano che avremmo trovato dinosauri ancora viventi erano razionali, e alcuni degli atei di oggi non lo sono.

Vedete, l'idea che tutte le specie siano rimaste da qualche parte sulla terra era un'ipotesi scientifica, un'ipotesi che richiedeva un'indagine. E, data l'ampiezza delle conoscenze europee in quel momento, era certamente possibile che le persone in possesso di questa convinzione sarebbero state mostrate corrette un giorno. Dato il numero di nuove specie scoperte attraverso l'esplorazione, e la quantità di terra che era ancora inesplorata, era ragionevole credere che sarebbe stata trovata una terra che conteneva specie che corrispondevano a tutte le ossa conosciute, una "Terra dei Perduti". Questo ha alimentato l'esplorazione, la raccolta, la catalogazione: la scienza! Buona, solida scienza. Certo, la terra ricercata non è mai stata trovata, e a questo punto la terra è praticamente fuori da aree inesplorate abbastanza grandi da nascondere grandi dinosauri. Come molte buone ipotesi scientifiche, questa era sbagliata. Come risultato di quelle indagini, argomenti che erano perfettamente ragionevoli 300 anni fa, non possono essere seriamente considerati da una persona razionale oggi.

La convinzione che i dinosauri sarebbero stati trovati non è un blip anomalo nella storia. Sono state fatte molte, molte, molte buone ipotesi scientifiche basate sull'esistenza di Dio e sulla verità letterale della Bibbia. Uno per uno si sono dimostrati sbagliati. O è stato dimostrato che il fenomeno postulato non esiste, o è stato dimostrato che non è necessario porre Dio come causa speciale del fenomeno in questione. Ad un certo punto, è diventato ragionevole giudicare che gli inquilini principali che portavano a quelle ipotesi erano sbagliati. Questo non vuol dire che non ci siano più ipotesi da testare, e certamente non vuol dire che manchino persone che stanno ancora indagando su tali ipotesi. Si tratta semplicemente di indicare uno dei modi perfettamente razionali in cui una persona può decidere di essere ateo: attraverso un appello a una preponderanza percepita delle prove.

"Prove?" Tu dici: "Un vaiolo su di te e sulle tue prove. La base della mia fede in Dio è FEDE, e la fede non ha bisogno di prove! ". Adatta te stesso, rispondo, ma questa è una base incredibilmente strana per credere, ed è una visione molto, molto, molto moderna. L '"uomo di fede" 300 anni fa avrebbe trovato una tale affermazione molto strana. Per lui, la prova di Dio era tutto intorno a noi. Dio ha spiegato gli avvenimenti quotidiani e le ipotesi basate sulla fede in Dio sono state estrapolate. Se quei test fossero buoni per gli standard moderni è un non-problema, erano buoni come tutti i test degli albori della scienza che ora vediamo con approvazione. La generazione spontanea è successo! Sono comparsi gli arcobaleni! Le malattie furono sanate, la siccità finì, le vittorie raggiunte! La lista continua. La fede dei nostri antenati non era "fede cieca", era fiducia in una decisione costruita attraverso l'esperienza, proprio come si sviluppa e si afferma la fiducia nell'affidabilità di un amico.

Molti hanno implicato, data la mancanza di prove conclusive in entrambe le direzioni, che l'agnosticismo potesse essere razionale, mentre l'ateismo no. Tuttavia, certamente non sto cercando di argomentare per l'agnosticismo. Mentre sto discutendo contro le affermazioni di conoscenza assoluta, non sto affermando che qualcuno dovrebbe dichiarare l'ignoranza. Mentre ci sono momenti in cui una persona potrebbe giustamente giudicare che non ci sono prove sufficienti con cui formarsi un'opinione su qualche argomento, questa non è una di quelle volte. William James ci dice che dovremmo essere più interessati alle decisioni forzate, viventi e importanti. In parole povere, queste sono decisioni in cui è difficile o impossibile essere neutrali, dove c'è la possibilità di andare in entrambe le direzioni e dove la decisione ha conseguenze reali su come viviamo le nostre vite. In tali situazioni, sostiene James, sedersi sul recinto è come negare l'importanza del problema. O, per dirla in altro modo, se il problema è davvero importante, allora non riuscire a fare una scelta potrebbe essere l'opzione meno razionale disponibile.

Mentre è vero che c'è un numero crescente di persone, le cosiddette "nones", per le quali la questione di Dio ha poca importanza, penso che l'atteggiamento blasé sia ​​difficile da tenere se si ha un buon senso della storia. È anche difficile da tenere se si ha un buon senso dei pretesti che sono alla base di molti dei dibattiti più accesi nella nostra società moderna. Anche se ho i miei sospetti sulle religioni organizzate su larga scala, considero virtuoso che viviamo in un mondo in cui alcune persone credono in cose alle quali non credo particolarmente, e questo include la nostra vita in un mondo in cui le persone credono varie divinità. Non mi piace la nozione di "fede cieca" a favore o contro qualsiasi argomento, ma non ho problemi con la fede stessa. È essenziale che spesso decidiamo di credere nelle cose quando sono disponibili solo prove parziali e le vite di altre persone coinvolgono esperienze molto diverse dalla mia vita. Proprio come è razionale essere atei, data una vita piena di certe esperienze, è razionale essere religiosi dato una vita piena di esperienze diverse, e in molte vite entrambe le scelte potrebbero dimostrarsi razionali. Quindi non ho alcun problema con le persone che hanno fede nell'esistenza di Vishnu e Ganesh, della Trinità, del Pantheon o degli Anunnaki. Non ho alcun problema con le persone che si impegnano in una ricerca onesta di prove che potrebbero supportare le loro convinzioni, che siano concrete, astratte, sperimentali, esperienziali o di prova in qualsiasi altra forma. Non ho problemi con esso, perché ho fiducia che un tale processo, alla lunga, porti alla verità. Non puoi essere più razionale di così.

Solutions Collecting From Web of "L'ateismo è irrazionale"