Lasciar andare e stare bene

Per il nostro blog di Pathways Institute Ask the Expert , abbiamo chiesto ai genitori le loro storie, con l'idea che sarebbe utile che i genitori sentissero dagli altri genitori le loro lotte e trasformazioni. Abbiamo chiesto: che cosa significa per te questo viaggio di genitori genitoriali con differenze di apprendimento? Come ti ha trasformato? Questa è la risposta di uno dei nostri genitori. Ha chiesto di rimanere anonima per rispetto dei suoi figli.

Sono cresciuto in un sistema familiare alcolico in cui c'era una crisi dopo l'altra. Nel mezzo c'era una quantità discreta di torpore e una volta tanto bei tempi. Ho passato del tempo in terapia, dapprima cercando di ottenere il controllo della mia autodistruttività, quindi di arrendermi alla realtà di aver bisogno di aiuto. Ho imparato a pensare profondamente, a chiedermi e a prendermi il tempo di cui avevo bisogno per capire me stesso. Sono stato sfidato a capire che il dramma e il turbamento emotivo erano diversi dall'essere presenti e dal contatto reale con me stesso. Ho imparato a meditare e continuo a farlo ogni giorno – lo consiglio vivamente.

Quando ho compiuto 30 anni, non ero più terrorizzato dall'intimità. Mi sono sposato e da 32 avuto una figlia e un figlio. Non avrei potuto chiedere di più, ero veramente felice e mi sono sentito sulla strada giusta per la vita.

Poi, quando mio figlio era giovane, gli fu diagnosticata la dislessia. Mi è stato detto che dovrebbe andare in una scuola specializzata nell'insegnamento ai ragazzi dislessici. Era difficile da sentire, ma per fortuna la scuola era nella stessa città in cui vivevamo! Mi dissi: "Questa cosa della dislessia è solo un piccolo inconveniente. Le cose andranno bene. "Pensavo che mio figlio avrebbe battuto questa cosa chiamata dislessia e forse sarebbe stato il prossimo Steve Jobs, Charles Schwab o Sir Richard Branson.

Durante il primo anno di mio figlio nella scuola speciale, a mia madre è stato diagnosticato un cancro al seno in stadio 3 mentre si prendeva cura di mio padre che si trovava negli ultimi stadi della SLA. Credevo che sarei andato bene e che avrei potuto gestire tutto. Ma non potevo proprio. La mia famiglia si era fratturata e mi sentivo completamente fuori controllo su tutto e continuavo a voler urlare: "PERCHÉ QUALCUNO NON È CHI ASCOLTA E MI MANCA IN MEZZO?" In qualche modo, nel bel mezzo di tutto e in un momento di grazia, mi è stato ricordato di Al Anon qualcosa che avevo fatto prima e sono andato a un incontro.

Mi ci è voluto un po 'per essere chiaro in Al Anon e vedere la mia auto-giustizia rinfrescarsi, addolcirsi e lentamente staccarsi ascoltando la saggezza, la generosità di spirito e il grande umorismo dei membri del gruppo. Ho iniziato a rendermi conto che avevo bisogno di cedere "le persone, i luoghi e le cose" che non potevo controllare, e un cambiamento è avvenuto: le cose sono migliorate notevolmente per me con i miei fratelli e genitori.

Ma mentre le cose andavano meglio con la mia famiglia, mi sono reso conto che non avevo finito con il mio lavoro ad Al Anon. Ero ancora in una battaglia di volontà: la mia volontà contro realtà riguardo a mio figlio e dislessia. Mi resi conto che dovevo stare ad Al Anon anni dopo che la crisi della famiglia si era placata perché stavo trattando la dislessia come l'alcolismo e mio figlio come se fosse un alcolizzato. Stavo cercando di avere il controllo di una situazione incontrollabile.

Mio figlio stava facendo progressi a scuola, ma era lento e nessuno mi stava dicendo che sarebbe stato il prossimo Steve Jobs. Gli esperti stavano dicendo che stava lottando per accettare la sua differenza di apprendimento, motivo per cui è così arrabbiato e ansioso tutto il tempo. Aveva bisogno di terapie, tutoraggio addizionale e enormi quantità di pazienza dai suoi genitori. Non ero molto bravo a pazienza; Mi arrabbiavo, arrabbiato e ansioso. Vorrei provare a forzare le soluzioni.

C'erano volte in cui mio figlio si comportava come un sopravvissuto al PTSD. Gli sarebbe stato assegnato un incarico in matematica e quando è arrivato a casa non riusciva a ricordare come fare i problemi. Scenderebbe nella rabbia, intensificherà, persevererà ed esploderà di rabbia, perché il suo cervello sta avendo un bruno-fuori e qualche volta un completo black-out. Mi farei prendere dal panico e penso, "Devo fare di più e di più, trovare persone che possano aiutarlo." Manderei un'email all'insegnante, sconvolgendo mio figlio e creando seri problemi nel mio rapporto con lui.

Con gratitudine, ad Al Anon ho imparato a non parlare con il bambino dislessico quando il bambino dislessico sta facendo i compiti. Ho imparato a respirare, a andarmene, a stare calmo, "Mi dispiace che i compiti siano così difficili per te." Ho imparato a calmarmi perché non c'è nulla che possa "fare" e, cosa più importante, ora ho fiducia che mio figlio va bene e andrà tutto bene anche nel bel mezzo della sua lotta. Nostro figlio ha l'aiuto di cui ha bisogno, è permesso esprimere in modo appropriato i suoi sentimenti e pensieri su quanto sia difficile avere la dislessia a volte, ed è amato, non importa quale. Ho iniziato a capire che non potrò mai proteggere entrambi i miei figli dalle sofferenze e dalle lotte che accompagnano la vita, incluso questo.

Ora sto imparando anche che ho bisogno di venire a patti con l'essere OK, anche se altri nella mia vita stanno lottando o soffrendo. Essere a posto non significa che non mi preoccupo delle lotte altrui, infatti ci sono momenti in cui sono coinvolto nel tentativo di risolvere i problemi di apprendimento di mio figlio e partecipare al processo di supporto o di trovare una soluzione. Significa solo che non devo unirmi alla sofferenza.

L'undicesimo passo di Al Anon è "Ricercato attraverso la preghiera e la meditazione per migliorare il nostro contatto cosciente con Dio quando lo abbiamo capito, pregando solo per la conoscenza della sua volontà per noi e il potere di portarlo fuori". La meditazione mi ha dato un'importante risposta e lo strumento di resilienza, e dove ho imparato e pratico il distacco. Il distacco non è disconnessione o disinteresse. Il distacco è la capacità di dire a me stesso: "Lascia andare. Non c'è niente da portare, niente da distrarre. "

Penso di non avere il permesso o il diritto di provare vera gioia, libertà o felicità se gli altri e in particolare se mio figlio stava lottando. Che tipo di genitore avrebbe una buona giornata mentre il loro bambino stava lottando con la lettura? Vorrei affondare nella GUILT. Ma ora mi rendo conto che non solo mi è permesso di essere libero dal senso di colpa e di sperimentare le cose buone della vita, mio ​​figlio che lotta per l'apprendimento ha bisogno di vedere che sto bene. In effetti merita di vedere che non sto affrontando le sue difficoltà di apprendimento psicologicamente ed emotivamente. Ha bisogno di sperimentarmi creando interazioni positive con lui. Altrimenti, se sono un disordine ansioso, un ciclo negativo verso il basso comincia a corrodere la nostra relazione – siamo su una nave che affonda insieme. Quando mantengo il senso dell'umorismo e il mio profondo senso di gratitudine, e continuo ad andare avanti, mi dà la sensazione che sia solo un adolescente e io sono solo sua madre, e tutto andrà bene. Gli dà speranza e l'equilibrio di cui entrambi abbiamo bisogno.

Solutions Collecting From Web of "Lasciar andare e stare bene"