Lasciando andare il caos del divorzio

Pixabay
Fonte: Pixabay

Ero a Manhattan la scorsa settimana e ho avuto un'illuminazione mentre aspettavo il treno numero 1 in centro. Ho visto un treno dei quartieri alti entrare nella stazione della metropolitana, caricare i passeggeri, e poi correre di nuovo fuori. Whirrrr! Le luci, il suono, la velocità crescente – il treno entrò nel tunnel buio e scomparve. Avevo del lavoro da fare, rapporti da rispettare, decisioni da prendere, come al solito.

Vorrei che le mie preoccupazioni si accelerassero come quel treno nel tunnel , pensai. Basta swoosh se stessi fuori dalla stazione .

Non mi è mai piaciuta la metropolitana quando vivevo a New York, la sporcizia, la folla e il rumore. Ma quel pomeriggio, il treno per eccesso di velocità è apparso una grande metafora visiva, l'immagine perfetta di come sarebbe stato vedere i propri pensieri e sentimenti negativi mentre entravano, sedersi tranquillamente sulla piattaforma immobile e guardarli correre di nuovo fuori .

Ci stavo pensando perché tenevo in braccio un tascabile con le orecchie di cane che stavo leggendo, The Untethered Soul: The Journey Beyond Yourself , del maestro buddista Michael A. Singer. Scrive sull'idea che il tuo vero sé è colui che osserva il tuo mondo interiore ed esteriore, non i dettagli specifici oi disturbi che vedi.

Nelle tradizioni di meditazione e consapevolezza, l'identificazione eccessiva con le nostre circostanze esterne o pensieri e sentimenti interiori è la causa di una grande quantità di infelicità. Ho certamente sperimentato questo nel divorzio.

Singer scrive del potere di fare un passo indietro, osservando sia il mondo esterno che il tuo monologo di chiacchiere interiore, e prendendo la decisione di liberarsi dalla distrazione del proprio "melodramma mentale":

"La coscienza è una forza tremendamente potente. Quando ti concentri su questi pensieri ed emozioni, diventano carichi di energia e potere. Questo è il motivo per cui i pensieri e le emozioni diventano più forti più l'attenzione che dai loro. . . Ci vuole solo un momento di sforzo cosciente per decidere che non ci andrai. Hai appena lasciato andare. "

L'idea che possiamo "lasciar andare" emerge in molte tradizioni. L'ebraismo ha una cerimonia "tashlich" all'inizio dei giorni del Sommo Santo. Lanciate il pane nell'oceano o nel fiume, o in un altro corpo d'acqua conveniente, liberando simbolicamente i vostri peccati e le preoccupazioni con esso. Molte religioni occidentali e orientali hanno un rituale di purificazione, un modo per lavare via le impurità prima della preghiera o qualche atto specifico.

Vediamo questa idea anche nella cultura pop. Penso a quella canzone del 1950 Pulitzer che ha vinto il musical Broadway South Pacific , "I'm Gonna Wash That Man Right Outa My Hair." In questa versione del mondo dell'intrattenimento di Rodgers e Hammerstein di "Just Let Go", un doloroso passo Nellie dalla sua camera di vestizione sulla sabbia, un miniabito avvolto intorno al suo bikini, raccoglie i suoi riccioli biondi e scoppia in una canzone: "Devo lavare quell'uomo proprio fuori dai miei capelli, e mandarlo per la sua strada".

C'è una logica intuitiva – o almeno un appello – all'idea che possiamo lavare via immediatamente una macchia o un sorrisino o una ruminazione oscura e spinosa. Ho scritto molto qui sul beneficio della terapia cognitivo comportamentale, delle tecniche di comunicazione e dei meccanismi di coping positivi. Ma amo anche l'idea che a volte abbiamo bisogno di esercitarsi semplicemente lasciando andare i pensieri che ci stanno rendendo miserabili. Piuttosto che dare loro più credito cercando continuamente di elaborarli o di capirli, possiamo lasciarli correre via.

Mentre stiamo attraversando il divorzio, e con le nostre vite, a volte "lavorare" sui nostri problemi può essere fatto meglio non focalizzandoci su di loro, e invece lasciandoli andare fuori tempo.

Per ulteriori idee su come affrontare, prosperare e rimbalzare dopo il divorzio, controlla Splitopia.com.

Solutions Collecting From Web of "Lasciando andare il caos del divorzio"