Lascia la tua mente a riposo: pratica non-pensante

Pixabay
Fonte: Pixabay

"Non pensare"? potresti chiedertelo. "Perché dovrei farlo?"

Certo, dobbiamo pensare. Se tu ed io non fossimo dei pensatori, non avrei potuto scrivere questo pezzo e non saresti in grado di leggerlo. Inoltre, a volte è necessario pensare al passato e al futuro in modo da poter prendere decisioni sagge sulla nostra vita. Nessuno vuole – né è in grado di – mettere fine al pensiero.

Detto questo, ci sono dei benefici nel praticare intenzionalmente ciò che chiamo Non-Pensare.

Il pensiero discorsivo – il flusso costante di un pensiero che segue l'altro – è un'abitudine profondamente radicata. È così radicato che spesso iniziamo a pensare solo ad occupare le nostre menti. Molti anni fa, ricordo di andare in vacanza e dire a me stesso: "Sarà bello non dover pensare a tutti gli stress al lavoro." Ma non ci volle molto perché altri pensieri stressanti si precipitassero a riempire quel vuoto .

È un atto di auto-cura prendere una pausa dal pensiero discorsivo di tanto in tanto, anche durante le ore di veglia. La pratica del non-pensiero è riposante, calmante e riparatrice. Nelle parole di Ayya Khema, uno dei miei primi insegnanti buddisti:

Se non facessimo riposare il corpo durante la notte, non funzionerebbe molto a lungo. L'unica volta in cui la mente può avere un vero riposo è quando smette di pensare e sperimenta solo. Una volta che la verbalizzazione si ferma per un momento, non solo è quieto, ma c'è una sensazione di contentezza. Quello spazio tranquillo e pacifico è la casa della mente. Può andare a casa e rilassarsi come facciamo dopo una giornata di lavoro quando rilassiamo il corpo in una poltrona.

Ecco tre modi per praticare il non-pensiero, seguito da due suggerimenti per aiutarti nella pratica. Tutti e cinque sono forme di pratica di consapevolezza. Spero che proverà questi suggerimenti per alcuni minuti, più volte al giorno; quasi ogni volta e qualsiasi posto lo farà. Ci vuole pratica perché siamo sorprendentemente dipendenti dal pensiero discorsivo.

1. Apri le tue cinque porte sensoriali a qualsiasi cosa stia accadendo intorno a te.

Quando ti perdi nei pensieri, è facile dimenticare che ci sono cinque esperienze a tua disposizione oltre al pensiero analitico. Queste esperienze sono: ciò che vedi, senti, odori, assaggi e senti fisicamente. Lascia che la tua attenzione si concentri su qualsiasi input sensoriale sia predominante al momento. Potrebbe essere la vista di una stampa artistica sul muro. Potrebbe essere il mormorio di una conversazione nelle vicinanze. Potrebbe essere l'odore e il sapore di una mela che stai mangiando. Potrebbe essere la sensazione fisica sulla tua pelle dei vestiti che indossi.

Quando provi questo, se ti ritrovi nel pensiero discorsivo, annotalo semplicemente senza avversione o giudizio e restituisci la tua attenzione a ciò che accade nelle cinque porte dei sensi.

Man mano che diventi esperto in questa pratica, puoi diventare audace e istruire la tua mente a smettere di pensare provando una pratica che chiamo "drop it" nei miei libri. In breve, quando noti che la tua mente è presa dai pensieri, dille gentilmente ma fermamente "lascia perdere". Quindi dirigi immediatamente la tua attenzione su ciò che sta accadendo intorno a te.

In alternativa a riposare la tua attenzione su ciò che è più predominante nella tua esperienza, potresti provare la pratica più strutturata di cui ho scritto in "Cinque minuti di Mindfulness Magic". In quel pezzo troverai un esercizio che guida la tua consapevolezza sistematicamente da un'esperienza sensoriale a un'altra.

Lasciato incustodito, la mente tende a soffermarsi sui pensieri sul passato e sul futuro. Ma se focalizzi consapevolmente la tua attenzione sui molti input sensoriali che ti circondano, puoi toglierti dalla modalità di pensiero discorsivo. Questo è rilassante e si rinnova a un livello profondo.

2. Apri la mano del pensiero.

L'insegnante Zen Kosho Uchiyama ha scritto un libro intitolato " Aprire la mano del pensiero" . Uso questa frase per praticare il non-pensiero. Quando mi accorgo di essermi perso nel pensiero discorsivo improduttivo, aprirò la mia mano e soffierò leggermente sul mio palmo come se stessi disperdendo i pensieri nell'aria come semi di dente di leone. Immagino tutte le mie banali preoccupazioni e opinioni che mi escono dalla mente, lasciandomi libero di sperimentare il mondo senza il peso di analizzare ogni momento della mia esperienza. Quando faccio questo, posso sentire la mia mente rilassarsi e, proprio come Ayya Khema ha detto che sarebbe accaduto, sorge una sensazione di appagamento.

3. Lascia che il mondo parli da solo.

L'ho imparato dall'insegnante buddista tibetano Pema Chödrön. Lei pratica "lasciando che il mondo parli da solo" quando si trova in posti come aeroporti dove lei ha un'attesa prima di lei. Invece di raccogliere qualcosa da leggere o perdersi nei pensieri sul passato e sul futuro, si siede e guarda cosa succede intorno a lei.

Quando mi trovo in una sala d'attesa, invece di cedere a quell'abitudine radicata di prendere in mano una rivista, pratico consciamente il Non-Pensare aprendo i miei cinque sensi e assimilando ciò che accade intorno a me. Mentre faccio questo, dico a me stesso: "Lascia che il mondo parli da solo". Non solo questo fornisce un gradito sollievo dal pensare, ma ho scoperto che un mondo che parla per sé è quasi sempre un affascinante posto.

Due consigli per praticare con successo il non-pensiero

1. Non lasciare che i pensieri "si attacchino".

Mentre pratichi il non-pensiero, potrebbe sorgere un pensiero spiacevole. I pensieri, in particolare quelli spiacevoli, tendono a incollarsi come la colla. Il più delle volte, questo ti porta a trasformare il pensiero in storie elaborate e stressanti sul passato o sul futuro – storie che hanno poca o nessuna base di fatto. Il Buddha chiamò questa tendenza papanca , che si traduce come "proliferazione di pensieri".

Ecco un esempio. Hai consapevolmente rivolto la tua attenzione a tutti i panorami intorno a te. Mentre lo fai, sorge il pensiero: "Non mi sento bene". Potresti interrompere il processo di pensiero proprio lì e trattare "Non mi sento bene" come nient'altro che una descrizione fattuale di come ti senti a il momento. Invece, presto sei fuori su quello che penso come l'equivalente di un riff di chitarra. Prendi quel semplice "tema" – "Non mi sento bene" – e il riff inizia: "Avrò un giorno orribile"; "Niente andrà bene"; "Potrei non sentirmi mai più bene." Presto, il fatto che tu non ti senta bene ha colorato tutto della tua giornata, rendendoti emotivamente triste.

Considera, tuttavia, queste parole del Platform Sutra del maestro del Chan (Zen) del settimo secolo, Hui Neng:

"Non pensare" significa vedere e conoscere tutte le cose con una mente libera dall'attaccamento. Quando è in uso, pervade ovunque, eppure non si attacca da nessuna parte.

Hui Neng non sta dicendo che sarai sempre in grado di svuotare la tua mente di pensieri. Piuttosto, sta suggerendo che quando sorge un pensiero – come "Non mi sento bene" – cerchi di rispondere ad esso senza attaccamento, il che significa semplicemente guardarlo finché non esce dalla tua mente nello stesso modo in cui il suono di un canto di uccello sorge e poi passa fuori di testa. Quando i pensieri "non si incollano da nessuna parte", per usare le sue parole, non si scende a quella strada papanca , facendo ruotare un semplice pensiero basato sui fatti in ogni scenario stressante che si può immaginare .

Il monaco e insegnante vietnamita Thich Nhat Hanh descrive "non attaccare" in questo modo: "Pensieri e sentimenti vanno e vengono come nuvole in una giornata ventosa." Mi piace tenere a mente la sua frase quando pratico il non-pensiero.

2. Lascia andare le opinioni e le sentenze.

È più facile praticare il non-pensiero se si mettono da parte opinioni e giudizi. Fare questo porta anche un gradito sollievo dal giudizio costante su tutto ciò che ti circonda. La maggior parte di noi forma immediatamente opinioni sul nostro ambiente (troppo caldo, troppo freddo) e sulla gente (troppo loquace, troppo tranquillo). Ascoltare questo commento in esecuzione è stressante ed estenuante. Quando il monaco buddista thailandese Ajahn Chah è stato chiesto quale fosse il più grande ostacolo per i suoi studenti, ha risposto, "opinioni". Quando si è in grado di lasciare andare opinioni e giudizi, si sta lasciando andare una grande fetta di cosa sta succedendo nella tua mente.

***

Il pensiero discorsivo è un'abitudine profondamente radicata, ma non c'è motivo di essere turbati da questo. "Pensare" è ciò che le menti fanno. Questi suggerimenti hanno lo scopo di aiutarti a riposare la mente per alcuni minuti durante il giorno. Ponendo coscientemente la tua attenzione – senza commenti – su ciò che sta accadendo intorno a te è riposante, calmante e riparatrice.

Felice non-pensiero!

© 2015 Toni Bernhard. Grazie per aver letto il mio lavoro. Sono l'autore di tre libri:

Come vivere bene con Chronic Pain and Illness: A Mindful Guide (2015)

Come svegliarsi: una guida ispirata dal buddismo per navigare tra la gioia e il dolore (2013)

Come essere malati: una guida ispirata dal buddista per i malati cronici e i loro caregivers (2010)

Tutti i miei libri sono disponibili in formato audio da Amazon, audible.com e iTunes.

Visita www.tonibernhard.com per ulteriori informazioni e opzioni di acquisto.

Usando l'icona della busta, puoi inviare questo pezzo via email ad altri. Sono attivo su Facebook, Pinterest e Twitter.

Potrebbe piacerti anche "Cambiare le tue abitudini dolorose con una visione consapevole del tuo giorno" e "Giorno di non giudizio"

Solutions Collecting From Web of "Lascia la tua mente a riposo: pratica non-pensante"