L'arte (e la scienza) di "Fidarsi del tuo intestino"

Sono quasi diventato milionario stamattina. Ho ricevuto una di quelle e-mail che probabilmente hai ottenuto anche tu – questo mi ha garantito un milione di dollari per non fare praticamente nulla se non dare a questa persona solo pochi numeri. Intendiamoci, erano numeri relativamente importanti (il mio numero di previdenza sociale, il mio conto in banca e il PIN) ma, per fortuna, un milione di dollari … Non ci volle un lampo di genialità o intuizione per colpire cancellarlo ma ho registrato il fatto che queste e-mail di truffa esistono perché ci sono persone che rispondono loro. Non conosco nessuno personalmente che abbia.

Ma conosco un certo numero di persone – persone intelligenti come succede e alcune di loro abbastanza sofisticate dal punto di vista finanziario – che sono state vittime di schemi Ponzi, incluso quello di Madoff. Ho chiesto a uno, che conosco piuttosto bene, se la sua intuizione le ha dato una mancia, dopotutto, non erano i ritorni di Madoff più alti di quelli degli altri? E lei scosse la testa. Nessuna reazione istintiva, nessuna piccola voce che ti dice che è troppo bello per essere vero? La risposta era no. Ho sentito da un'altra persona coinvolta in uno schema diverso che ha semplicemente detto: "Non lo capisci. Un truffatore ti dice cosa vuoi sentire. Non c'è motivo di avere una sensazione istintiva. "

"Il mio istinto lo mantiene semplice"

In un sondaggio completamente non scientifico, scopro che quasi tutti quelli che conosco, ma non tutti quelli che riuscirò a giuro, giurano per reazioni istintive. Una donna lo confida: "Direi che il mio istinto è ciò che è stato praticamente sempre corretto. Sto cercando di pensare quando non è stato e non posso. È come rispondere a una domanda di prova e poi cambiare la risposta. Se cambi la tua risposta, avrai la risposta sbagliata. Rimani con il tuo primo bastone con l'intestino. Penso che probabilmente risalga al fatto che siamo davvero animali tanto quanto tendiamo a dimenticarlo. Ci siamo evoluti con troppo rumore nelle nostre vite e se possiamo fermarci e ascoltare noi stessi, i nostri istinti, sappiamo cosa ci dice il nostro istinto. Almeno per me, il mio cuore e la testa complicano le cose. Il mio intestino lo rende semplice. A volte mi ha probabilmente salvato la vita. "Un venticinquenne dice" L'intestino è l'unica cosa che sto ascoltando in questi giorni. Sembra divertente, ma è vero. Il mio istinto è ciò che mi ha convinto a lasciare situazioni che non migliorano. "

Stanno davvero parlando di una voce interiore, quella che articola ciò che sentono dentro di sé.

Il tuo istinto può diventare silenzioso?

La risposta è sì – quando siamo tagliati fuori da ciò che proviamo o quando i nostri sentimenti e pensieri sono stati dirottati durante l'infanzia da genitori crudeli, violenti o non amorevoli che ci fanno dubitare dei nostri sentimenti e pensieri, o quando la voce nella nostra testa non è siamo noi stessi, ma qualcun altro o la voce del dubbio su se stessi. Mi ci sono volute delle terapie per sentire la mia voce interiore e non sono solo. Una donna parla del proprio viaggio per recuperare la sua voce: "Per tutta la vita ho spesso avuto un 'sentimento nel mio stomaco', solo per sentirmi dire" era tutto nella mia testa ". Si scopre però che molto spesso il mio istinto è stato / è assolutamente giusto. Sto cercando di imparare a fidarmi di più, ma superare anni di condizionamenti da ignorare è una sfida. "A volte, il" dirottamento "assume un'altra forma, come un'altra donna mi dice:" Penso di aver passato gran parte della mia vita diffidando del mio intestino perché, quando sei una persona ansiosa per natura, il tuo intestino ti invia spesso messaggi falsi (ad esempio, "Potresti morire se ti alzi di fronte a quella stanza e fai un discorso"). Mio padre diceva: "Se ti senti ambivalente riguardo a qualcosa, non dovresti farlo", penso che sia un consiglio terribile, specialmente se hai un temperamento ansioso o fobico, perché l'ansia tende a farti sentire ambivalente per un sacco di cose che sarebbe effettivamente buono per te (come dare quel discorso).

L'intuizione è sempre la strada migliore?

Sia chiamato dai suoi nomi popolari – istinto o intuizione – la scienza sa che questo tipo di pensiero è cablato nella specie umana. È automatico, veloce e praticamente "sconsiderato" poiché non richiede analisi o pensieri profondi, come spiega Daniel Kahneman nel suo libro Pensare, Veloce e lento e altrove. Questo sistema intuitivo aveva ovviamente una grande utilità evolutiva, permettendo agli esseri umani di reagire rapidamente e senza sforzo alle cose che li minacciavano o li mettevano in pericolo. Quando hai un predatore affamato che ti lancia contro, l'ultima cosa che vuoi chiamare è la tua squadra di dibattito interiore.

Ma per tutto quello che molte persone giurano per la loro intuizione, la scienza mantiene uno scetticismo continuo sulla sua efficacia come strategia valida per tutti. Questo è in parte dovuto al fatto che il sistema intuitivo ha una serie di aspetti negativi che una volta erano utili in termini evolutivi, ma probabilmente, almeno per il 2013, non sono particolarmente utili. Ad esempio, è probabile che il cervello offra l'esempio più recente, memorabile e vivido come risposta quando stiamo decidendo come o se agire. (Si chiama euristica disponibilità). Probabilmente è stata una buona cosa quando uno dei nostri antenati ha visto qualcuno colpito da un fulmine mentre stava sotto un albero e quel pensiero gli è saltato in testa quando ha sentito un tuono.

Oggi, bombardati come siamo da stimoli e informazioni praticamente 24 ore su 24, ricordare i più vividi potrebbe semplicemente portarci a sovrastimare le nostre possibilità di vincere alla lotteria, essere attaccati da uno squalo, inventare il prossimo Facebook o scrivere un bestseller.

Mi colpisce il fatto che la reattività del mondo digitale in cui viviamo, in cui tutti noi oscilliamo alla mentalità "hit send" quando si tratta di ogni tipo di comunicazione e informazione, potrebbe non essere aiutata dal nostro hardwiring.

Non è chiaro se il tipo di pensiero lento lavori in tandem o interrompa il pensiero veloce, o se lavori in sequenza; ci sono diverse teorie. C'è anche un dibattito piuttosto vivace su quale sistema produca effettivamente decisioni migliori. In uno studio del 2013, Zohar Rusou ei suoi colleghi hanno avviato uno studio per mettere in relazione i due sistemi – intuitivo e deliberativo – l'uno contro l'altro per vedere se la superiorità di uno sull'altro avesse a che fare con il tipo di decisione in corso. Potrebbe quanto è stata positiva la decisione dipendere dalla bontà dell'adattamento o della compatibilità tra il modo di pensare e il compito da svolgere?

E questo è esattamente quello che hanno trovato. Non sorprende che i giudizi che coinvolgono le emozioni siano più accurati quando il sistema intuitivo è al lavoro; situazioni che richiedono un'analisi: la mia attività andrà in crisi o avrà successo? Posso finire quel rapporto in tempo? Sto ottenendo troppi debiti? – meglio lasciarli al sistema di pensiero più lento. Quindi, mentre va bene ascoltare il tuo intestino, assicurati che l'adattamento sia giusto.

È uno spunto di riflessione nell'era digitale.

Copyright © 2013 Peg Streep

Visitami su Facebook: www.facebook.com/PegStreepauthor

Rousou, Zohar, Dan Zakay e Marius Usher, "Pitting il pensiero intuitivo e analitico gli uni contro gli altri: il caso della transitivity", Psychonomic Bulletin & Review

Giugno 2013, Volume 20, Numero 3, pp. 608-614

Solutions Collecting From Web of "L'arte (e la scienza) di "Fidarsi del tuo intestino""