L'arte di dare priorità ai progetti

Puijilittatuq

– "non sa da che parte girare per via dei numerosi sigilli che ha visto arrivare sulla superficie del ghiaccio" -Inuktitut, Artico canadese

Quando si tratta della miriade di possibilità progettuali che affiorano alla superficie per creativi e artisti del business, Puijilittatuq è una metafora azzeccata.

Ecco la tensione per molte delle persone e delle organizzazioni con cui lavoro: le possibilità sembrano illimitate, ma il potenziale è limitato. I creativi con gli occhi spalancati e gli artisti del business di cui sono stato testimone e che si aggirano tra le possibilità tendono a trascurare la loro energia, attenzione e potenziale, tutte cose che sono finite. Si sentono frustrati, persino paralizzati dalla poli-possibilità.

Quando si lavora su più progetti, esiste almeno una differenza fondamentale tra i creativi e gli artisti che si dimenano e quelli che prosperano.

La loro capacità di imparare a discernere.

Agire su potenziale e possibilità

Michelle (nome mascherato) è una famosa attrice che è venuta da me come guida. La sua situazione: non è solo un'attrice riconosciuta percepita come "avere tutto insieme". È anche una scrittrice e scrittrice di talento, sceneggiatrice, sceneggiatrice televisiva e molto altro. Ha diversi progetti nel luccio. E i suoi flussi di reddito non sono stabili. Come ha la priorità tra le commedie da scrivere, le borse da perseguire e il suo grande sogno di avere una compagnia teatrale?

Incontro diverse Michelle realizzate durante ogni anno. Vivo con le mie varianti. Quando facciamo il punto su tutte le possibilità della testa di sigillo da perseguire, abbiamo il "discorso potenziale limitato".

La Michelle in questione diventa triste. È come se avessi appena detto che lei (o lui) non sarebbe in grado di allevare tutti i bambini seminati. Questo desiderio di far crescere tutto ciò che abbiamo seminato, di inseguire ogni singolo sigillo che si apre, è un impulso umano comprensibile. Dopo tutto, noi esseri umani come specie abbiamo in qualche modo imitato gli uccelli attraverso aeroplani, insetti e colibrì tramite elicotteri e animali marini attraverso barche e sottomarini.

Quanto è appropriato che ci piacerebbe imitare la terra stessa essendo prolifica come il pianeta.

Ma se una persona creativa non è capace di creare un modello di business con una squadra che può produrre o produrre in serie tutte le sue idee, sarebbe saggio apprendere l'arte del discernimento.

Il discernimento aiuta l'attore ad agire con saggezza a lungo termine, a suo vantaggio e all'impatto che il suo lavoro avrà sugli altri.

Consigli incompleti

Alcune persone consigliano ai creativi di "seguire la tua passione" da un lato o "seguire il profitto" dall'altro. Nessuna delle due mani è utile perché la creatività non sta allenando la sua mente a discernere strategicamente per la prossima volta che dovrà prendere tali decisioni.

In altre parole, il nostro stesso modo di decidere quali progetti perseguire può essere uno spreco e in ultima analisi portare creativi o artisti del business a sentirsi ancora disillusi, frustrati e in difficoltà "dopo tutti questi anni".

Sappiamo, per dirla in modo semplicistico, che il cuore guida la testa quando prendiamo decisioni. Razionalizziamo quali auto ibride ottengono il miglior chilometraggio del gas e quali SUV o furgoni hanno lo spazio migliore per la famiglia in crescita. Eppure, molti di noi compreranno ancora un'auto in base a fattori delicati come il colore dell'auto, la presa delle nostre mani sul volante e il modo in cui il nostro corpo ronza mentre lo guida.

Ma quando la passione e l'impulso da soli conducono creativi e professionisti per diversi anni, queste persone spesso si dimenano.

L'arte del discernimento è un modo flessibile e ripetibile di decidere e porre limiti al potenziale finito. Io e il mio team utilizziamo i nostri indicatori WS.HIRT per aiutare noi ei nostri clienti a imparare a discernere quali progetti meritano la priorità. È un modo per riconoscere le emozioni e le possibilità positive chiave e quindi lasciare che quelle pulsioni emotive conversino con fattori più oggettivi.

Indicatori W – SHIRT

Questo, non quello. Quello, non questo. Questo è discernimento in azione.

Utilizziamo sei indicatori per aiutare le persone e le organizzazioni a ottenere una distanza emotiva sull'importanza di ciascun progetto. Gli indicatori funzionano per la pianificazione a lungo termine e per le scelte di sette minuti a fuoco rapido.

I cinque principali sono

S uccidere Potenziale

H potenziale di orizon

I mpact Potential

R persino potenziale e

T ime.

Ma la spinta essenziale che arriva al nostro originale genio creativo è Wonder . Ogni indicatore ha un nucleo di domande che aiutano gli individui e le squadre a prepararsi per discernere con il cuore e la testa, il presente e il futuro.

  • Wonder Potential – A quale ampia prospettiva questo progetto ti apre? Cosa potrebbe accadere a seguito del tuo perseguimento di questo progetto prima possibile?
  • Abilità potenziale : quali capacità e punti di forza nativi porterà a questo progetto e anche a perfezionare?
  • Horizon Potential – In che modo questo progetto avvicina me o il mio team all'orizzonte desiderato?
  • Potenziale di impatto : quale differenza farà questo progetto nelle vite di un pubblico o di una persona?
  • Potenziale di reddito : quali ritorni finanziari diretti e residui potrebbero portare questo progetto?
  • Tempo – C'è una pressione del tempo che rende urgente l'esecuzione e il completamento di questo progetto?

Per lavorare con questi sei indicatori, chiedo ai clienti o ai team di disporre tutti i loro piatti – tutti i progetti che vogliono cucinare sul loro progetto di stufa, per così dire. Li elenchiamo verticalmente su un documento Word, su una lavagna bianca o su una guida al fornello a progetto che abbiamo creato.

Quindi elenchiamo i sei indicatori di indicatori oggettivi orizzontalmente, una colonna ciascuno.

Wonder Potential

Quando un romanzo pesce rosso di un'idea galleggia con la nostra consapevolezza, la meraviglia è l'acqua. La meraviglia è il nostro genio creativo originale che ci apre alla possibilità di un'idea. Ma la sua pervasività rende tutto il più sottile e indiscreto come l'aria o l'acqua.

Creativi e artisti del business ignorano la meraviglia a proprio rischio. Quindi, la meraviglia inizia la nostra riflessione. Chiedo alle persone o ai team di ricordare quale esilarante e forse spaventosa possibilità sottovaluta un progetto. Potrebbe accadere se questo progetto fosse realizzato? Cosa ti ha entusiasmato al primo posto? Come si sente questa possibilità nel corpo?

Ci esercitiamo a cadere in questo stato di sensazione e cerchiamo di localizzare "marcatori somatici". I marcatori somatici sono ciò che Antonio Damasio chiama quelle sensazioni nel corpo che ci aiutano a decidere una linea d'azione. (La sensazione di ciò che accade) Questi indicatori illuminano reti chiave nel nostro cervello che aiutano l'amigdala cerebrale emotiva e la corteccia somatosensoriale destra, per esempio, a dialogare con la corteccia funzionante del cervello.

Spesso una persona o una squadra si rendono conto rapidamente che il progetto potrebbe non avere molte potenzialità di meraviglia. Nel qual caso, è probabile che la persona o la squadra non possano essere motivate a eseguire il progetto una volta che sorgono inevitabili sfide perché non c'è abbastanza possibilità di essere consapevolmente in gioco.

Una volta che una persona o una squadra hanno articolato o annotato ciò che considerano il potenziale di ogni progetto, allora possono valutare ciascun progetto in base a questa domanda:

Quanta possibilità ti apre questo progetto?

1 = Assolutamente no

2 = Abbastanza

3 = Più allineati direttamente

Per ciascun progetto sotto la colonna "Wonder", possono posizionare 1, 2, 3 di conseguenza. L'elemento numerico potrebbe sembrare superficiale, ma il suo design è di lasciare che la mente usi i numeri come un modo giocoso e non scientifico per oggettivare lo stato prioritario del progetto.

Abilità potenziale

A volte, il Potenziale delle Meraviglie è tutto ciò di cui una persona ha bisogno per dare la priorità a un progetto piuttosto che all'altro, ma di solito raccomando a quella persona di prendere in considerazione gli altri indicatori.

La maestria guida numerosi creativi e artisti del business. Carol Dweck , autrice di Mindset: The New Psychology of Success, ha studiato come gli studenti universitari lavorano con gli obiettivi. La maggior parte degli studenti è motivata da obiettivi di rendimento o da obiettivi di apprendimento / padronanza.

Quello che Dweck ha scoperto è affascinante. Gli studenti guidati da obiettivi di rendimento ("fare tutto come" per fare questo test "per ottenere un MBA e ottenere un lavoro ben retribuito") cercano di apparire intelligenti e di evitare di sembrare stupidi più che imparare. Sono interessati alle apparenze. Credono che l'intelligenza sia uno stato fisso determinato alla nascita.

Gli studenti guidati da obiettivi di apprendimento / padronanza ('trovare un nuovo modo di utilizzare un algoritmo' 'per perfezionare la mia padronanza dell'ingegneria') vogliono aumentare la loro competenza nelle aree. A loro piace imparare per l'apprendimento. Sono meno preoccupati per l'intelligenza e più preoccupati per i compiti a portata di mano. Di conseguenza, generalmente riescono di più durante i momenti difficili rispetto all'altro gruppo di studenti. A lungo termine, sono anche generalmente più felici con le loro vite.

Le persone che prosperano invece di dimenare sono quelle che dimensionano i progetti in base alle competenze che aspirano alla finezza.

Quando perfezioniamo le nostre capacità e, quindi, abbiamo un impatto maggiore sviluppando anche uno stile distintivo attraverso il nostro lavoro, allora siamo più disposti a continuare ad affrontare le sfide.

I clienti guardano avanti e analizzano le competenze che un progetto potrebbe portare avanti o persino affinare. Possiamo prevedere le sfide di un progetto a volte in base alle sue capacità, un processo che a sua volta rende la "sfida" più obiettiva, meno sul creatore e più sulle abilità necessarie per svilupparsi e affinare per affrontare quella sfida con più finezza e meno frustrazione .

Quindi considerano la domanda Abilità potenziale e seguono lo stesso processo:

Quali potenzialità ha questo progetto di portare avanti o affinare le capacità desiderate e le forze innate?

Potenziale di orizzonte

L'orizzonte è la metafora di Tracking Wonder per la visione a distanza ravvicinata. È dove una persona o una squadra immagina di essere nei prossimi 3, 6 o 12 mesi. Immaginare l'orizzonte richiede un lavoro considerevole di per sé. Richiede di attivare l'immaginazione per immaginare quale tipo di lavoro verrà creato, con chi e quali sono gli stati emotivi desiderati. L'immaginazione e lo stato emotivo lavorano quindi in tandem con gli obiettivi stabiliti. Questo processo di inside-out rafforza la probabilità che la persona o la squadra abbia un significato personale all'orizzonte.

La conversazione all'orizzonte può portare a una scoperta considerevole. L'attenzione da sola che richiede l'esercizio dà credito all'orizzonte e alla visione. Se una persona guarda avanti anche a sei mesi, può rendersi conto che potrebbe non essere costretta a lavorare su ogni progetto in questo momento.

Questo orizzonte di lavoro è più efficace quando la persona o il gruppo scrive attraverso diversi processi che effettivamente incontrano l'orizzonte.

Per oltre trent'anni, lo psicologo sociale Timothy Wilson ha studiato quali interventi realmente funzionano per cambiare il comportamento delle persone. Il suo libro Redirect: The Surprising New Science of Psychological Change illumina molte carenze di idee semplicistiche suggerite da insegnanti di auto-aiuto ben intenzionati.

Wilson indica uno studio del 2009 pubblicato su Psychological Science dal titolo "Auto-affermazioni positive: potere per alcuni, pericolo per gli altri".

Ecco Wilson sulla differenza tra affermazioni simili a Stuart Smalley e una richiesta di scrittura che richiede alle persone di pensare alle sfide che dovranno affrontare per raggiungere un obiettivo:

"Per le persone con una bassa opinione di se stessi, dicendo 'Sono una persona amabile' ricorda loro tutti i modi in cui non sono amabili, spingendoli ulteriormente nella stasi.

"La differenza chiave [tra affermazioni e prompt di scrittura e altri interventi di questo tipo] è che semplicemente pensare a quanto siamo meravigliosi non ci fornisce le strategie per renderci tali. … In effetti, la ricerca dimostra che le persone che si concentrano sul processo per raggiungere un risultato desiderato hanno maggiori probabilità di ottenerlo rispetto a coloro che pensano semplicemente al risultato stesso. "(68)

Lavoro di orizzonte accoppiato con Abilità Il lavoro potenziale trae e scorre su questi studi.

Una volta che una persona o una squadra hanno definito il proprio orizzonte, possono valutare ciascun progetto in base a questa domanda:

Quanto è allineato questo progetto nel farmi avvicinare al mio / nostro orizzonte?

Potenziale d'impatto

Vedere l'impatto spinge la maggior parte delle persone a preoccuparsi del benessere e dell'interesse degli altri. Insegnanti, creativi sensibili, professionisti consapevoli – sono "in esso" non solo per se stessi ma per fare la differenza nella vita degli altri.

La ricerca di Adam Grant, elegantemente distillata nel suo libro Give & Take: The Revolutionary Approach to Success descrive come, in studio dopo studio e situazione dopo situazione, gli insegnanti dedicati che hanno visto un impatto incrementale nel loro lavoro non solo hanno continuato a insegnare a lungo termine. Alla fine hanno anche avuto un impatto maggiore. Il loro impatto era contagioso.

Prendo i clienti attraverso una serie di esercizi per aiutarli ad entrare in empatia con la loro zona del pianeta – quel gruppo ben definito di persone o segmenti di clienti i cui problemi, valori e desideri i miei clienti non solo devono capire; devono sentirsi.

Un romanziere riconosce che la sua breve storia potrebbe elevare e risvegliare i suoi lettori – anche per pochi minuti o un'ora. Un designer-imprenditore vede che un concerto di corporate design non è per lei troppo significativo, ma riconosce il suo valore sia per il suo cliente aziendale che per la base di clienti del suo cliente.

Quindi considerano la domanda Potenziale di impatto e seguono lo stesso processo:

Che valore questo progetto porterà a me stesso e al mio angolo del pianeta? Come andrà a beneficio delle loro vite?

Potenziale di entrate

Parlare di entrate è più facile per la maggior parte dei professionisti del business di quanto lo sia per la maggior parte dei professionisti creativi. Molti professionisti creativi si insinuano in due trappole. In primo luogo, assumono una posizione anarchica secondo cui "non ci lavorano per soldi". Due, presuppongono che il lavoro per soldi sia in qualche modo corrotto e impuro da altri lavori creativi. Senza realisticamente considerare il potenziale di reddito dei vari progetti, i giocolieri creativi hanno maggiori probabilità di raggiungere 40 o 50 o 60, rotto, frustrato e risentito.

Alcuni professionisti hanno i propri paraocchi. Potrebbero assumere una posizione capitalista secondo cui il merito di un progetto può essere misurato solo dal suo ROI. Senza tenere conto degli altri potenziali indicatori, i progetti di questi professionisti sono più propensi a svanire.

Tuttavia, quando si considera il potenziale di entrate, consideriamo non solo l'ovvio rendimento finanziario diretto di fondo. Consideriamo anche quale rendimento residuo ci potrebbe essere. Un progetto genererà una buona volontà per la squadra o il marchio? Un progetto o un'offerta potrebbe portare a una buona ambasciatrice del marchio e al passaparola? Un breve articolo pubblicato in una pubblicazione attendibile potrebbe portare a una maggiore credibilità e, quindi, a un potenziale accordo di libro, o potrebbe un discorso gratuito a un'organizzazione potenzialmente portare a un concerto a pagamento?

La domanda Revenue è apparentemente semplice:

Quale ritorno finanziario diretto e residuo potrebbe portare questo progetto?

Tempo

Il tempo non è un potenziale ma un elemento. Il tempo riguarda l'urgenza o l'urgenza percepita. Una sovvenzione, un concorso, un ciclo di pubblicazione di libri o un ciclo di sceneggiatura televisivo hanno una scadenza incombente? Un progetto ha una data di lancio pressante? Riserviamo il Tempo per ultimo tra gli indicatori perché, ironia della sorte, è quello con cui spesso la gente inizia. Una volta che parlano o scrivono attraverso tutti gli indicatori WS.HIRT, però, vengono fuori con una prospettiva più ricca e più ragionevole su quali progetti dovrebbero assumere la priorità sugli altri.

Decisioni rapide

Un cliente mi ha chiesto che cosa doveva fare: partecipare a un evento locale per creare interesse da parte degli esperti in materia di salute 1 è specializzata o crea un nuovo video come parte di una nuova offerta in tema di salute 2 in cui è specializzata.

"Posso fare il caso per entrambi", ha detto.

"Non facciamo caso per entrambi. Parliamo solo degli indicatori W – SHIRT. Va bene?"

Lei era un gioco. Nel giro di sette minuti da quando ha parlato delle sue risposte alle domande di cui sopra, ha rapidamente capito che il tempo, l'attenzione, l'energia e le risorse erano spesi meglio nel creare il suo video rispetto alla riunione esplorativa dal vivo – che probabilmente si ripeterà nel vicino -futuro.

Ancora meglio, passando attraverso gli Indicatori W – SHIRT, aveva anche allenato la sua mente a pensare in modi che l'avrebbero aiutata a discernere in futuro.

Gli indicatori e il metodo WS.HIRT non sono progettati per essere un metodo infallibile. Ma segnano un punto di partenza per insegnare alla mente a imparare a discernere quali progetti perseguire. Nel corso del tempo, con frequenti ripetizioni, la priorità dei progetti diventa meno opprimente e in realtà più piacevole.

Quando le teste di tenuta si aprono tutte in una volta sopra l'IC, la priorità diventa giocosa invece di congelare la mente.

Jeffrey Davis è autore di The Journey from the Center to the Page e fondatore di Tracking Wonder Consulting, Training e Programmi.

Solutions Collecting From Web of "L'arte di dare priorità ai progetti"