L'arte della neurodiversità

Artista con autismo Stephen Wiltshire ha un dono incredibile per catturare qualsiasi scena su carta con accuratezza fotografica. Ma è il risultato di un'aberrazione mentale, la mente di un sapiente o il lavoro di un artista estraneo? O forse è la neurodiversità.

L'autismo è un argomento ampiamente discusso, qui sul blog PT, nelle notizie e in tutti i media web. Le discussioni vanno dalle controversie sull'autismo come "patologia" all'accettazione come semplice differenza nel cablaggio del cervello da una persona all'altra. Non sono qui per dire cosa sia o non sia l'autismo, ma per riflettere su come possiamo riformulare la definizione di come e perché le persone con autismo – e chiunque altro – fanno l'arte che producono in primo luogo.

L'abilità artistica di Stephen Wiltshire [come visto sul film di YouTube] è stata spiegata come possibilmente quella di un saggio. Ma il suo lavoro non è semplicemente una fotocopia della realtà; ha una personalità distinta, oltre alla memoria eidetica coinvolta. Oliver Sacks ha fatto riferimento al lavoro di Wiltshire come coinvolgendo processi neurali molto complicati che vanno a fare qualsiasi immagine visiva come un disegno o un dipinto. Il Wiltshire è uno dei tanti personaggi celebri le cui opere d'arte intrigano e ispirano ulteriori esplorazioni. Altri includono la famosa Nadia, la ragazza inglese le cui opere sono state scoperte negli anni '70 dalla psicologa Lorna Selfe. A 4 anni e mezzo,

Nadia aveva un vocabolario di 10 parole, ma mostrava una notevole capacità di ritrarre in modo realistico gli animali e altri elementi del mondo in un modo che i bambini della sua età non hanno. Nel caso di Nadia, le sue abilità di disegno scomparvero mentre le sue abilità linguistiche migliorarono più tardi nell'infanzia e nella prima adolescenza.

La neurodiversità è un'idea che propone che lo sviluppo neurologico atipico sia una normale differenza umana e che questa differenza dovrebbe essere rispettata proprio come qualsiasi altra differenza che noi umani potremmo avere. L'idea della neurodiversità è stata a lungo supportata da alcune persone con autismo e altri con disturbi mentali, che vedevano le loro condizioni come parte della loro identità e preferivano etichette come "anormali" e "disabili".

Il blogger PT Peter Kramer ha recentemente portato alla luce alcuni dei possibili legami tra malattia mentale e creatività che sono stati dibattuti per diversi anni. Ti viene in mente una domanda perenne: l'arte di chiunque abbia una malattia mentale può essere considerata diversa dall'altra? E dovremmo anche parlare di una diagnosi psichiatrica in relazione a un'opera d'arte o al corpo dell'espressione creativa di un individuo? Queste domande sono state discusse nei campi della terapia artistica, dell'arte, della psicologia e della psichiatria, senza molta risoluzione.

Gran parte dell'arte creata da persone con autismo o con qualsiasi altra diagnosi è difficilmente diversa da quella di qualsiasi altro artista che troverai in una galleria SoHo. La neurodiversità è parte dell'immagine [no pun intended]? Possibilmente. È ragionevole aggiungere un altro termine che deve essere usato per descrivere la diversità nella nostra lista sempre crescente di linguaggio politicamente corretto? Questo è in discussione. Ma l'arte, a prescindere da chi la crea o da quali complessi processi neurali si comportano per renderlo possibile, nasce da una passione, non solo da un talento. Ed è tutto d'arte se ci piace guardarlo e questa è la linea di fondo.

© 2008 Cathy Malchiodi

www.cathymalchiodi.com

  • Il viaggio di un giorno lungo nella notte: uno studio sulla forma psicologica
  • Sociopatici: alterato senso dell'olfatto
  • Giorno 13: Lucy Johnstone su Formulazione psicologica
  • Combattere la guerra sbagliata contro la droga
  • Come le compagnie farmaceutiche controllano le nostre vite - Parte 1
  • Casey Kill Caylee? Poteva esserci una difesa infedele?
  • Usando Mindfulness con i pazienti con dolore cronico dipendenti da oppioidi
  • Mi dispiace se non riesci a bere alcolici
  • Out of the Shadows: Shining Light nella community dei vampiri
  • Un fantasma in casa
  • Soddisfatto: come la scienza della spiritualità può aiutarti a vivere
  • Perché non sono più un terapeuta di dipendenza dal sesso
  • Gli psicologi possono commentare le figure pubbliche?
  • Fai da te il morbo di Alzheimer
  • È possibile pregare il gay?
  • Il DSM 5 si spinge troppo oltre nella creazione di nuovi disturbi mentali
  • Abuso di farmaci da prescrizione e guardiano del medico
  • Una moda australiana: ignorare il disturbo bipolare infantile
  • Perché la FDA spinge a limitare l'ECT ​​dovrebbe allarmarci tutti
  • Modifica della regola Goldwater nell'era di "Fake News"
  • Come un minuscolo ammasso di cellule cerebrali profonde guida l'evitamento
  • Prove di campo su DSM 5 - Parte 1 Scadenze perse hanno conseguenze inquietanti
  • Finiremo mai lo stigma?
  • Che cosa? Gli psichiatri ora definiscono "apertura"? (Parte 2)
  • La parte superiore dell'assistenza sanitaria mentale
  • Il recupero è nell'occhio di chi guarda: la storia di Keith Richards
  • Come un universo senza scopo si è infuso con lo scopo
  • "Curare" l'omosessualità
  • Mania Delirante?
  • Vota le mie differenze: recensioni online dei professionisti della salute mentale
  • Qual è la cosa peggiore per la tua salute: marijuana o alcol?
  • Amok in esecuzione in Alabama: la nostra epidemia di rabbia furiosa
  • Personalità borderline nel nuovo film "Fiore"
  • La separazione dai genitori è dannosa per i bambini
  • L'esecuzione è stata in Texas per Mentally Ill Man
  • Insonnia ostacola la regolazione emotiva