L'arte della diagnosi

Come sarebbe senza il Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali?

In che modo i professionisti della salute mentale formulano una diagnosi psichiatrica? La maggior parte usa il Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM), pubblicato dall'American Psychiatric Association e attualmente alla sua quarta edizione. Le definizioni e i criteri per i disturbi mentali sono cambiati da edizione a edizione del DSM, di solito a causa di progressi nella ricerca, input da aziende farmaceutiche, opinioni opposte degli psichiatri e cambiamenti nelle norme sociali e culturali.

Un cambiamento notevole fu l'eliminazione dell'omosessualità come disturbo mentale nel DSM II (1972). Questo è stato in risposta alle proteste degli attivisti gay alle conferenze annuali dell'American Psychiatric Association nei primi anni '70, così come i nuovi dati di ricerca di Alfred Kinsey e Evelyn Hooker. La diagnosi è stata sostituita da "disturbo dell'orientamento sessuale". Una nuova revisione del DSM, che dovrebbe essere pubblicata nel 2013, può includere fino a venti cambiamenti importanti. Se sei interessato a saperne di più, vai su DSM5.org.

In che modo i professionisti della salute mentale diagnosticano bambini e adolescenti? La diagnosi dei bambini è molto diversa dalla diagnosi degli adulti a causa dei cambiamenti stagionali in corso. Come può un professionista sentirsi sicuro che la sua diagnosi sia corretta? I comportamenti che vedi oggi potrebbero non essere gli stessi comportamenti che vedrai domani.

Ci vogliono ventisei anni perché un bambino raggiunga la piena maturità cognitiva ed emotiva. Il processo è unico per ogni bambino ed è determinato da molti fattori, tra cui genetica, genitorialità, esperienze di vita e ambiente. I professionisti possono decidere di cambiare una diagnosi a seconda dei cambiamenti nello sviluppo, delle informazioni aggiuntive o dell'espressione di sintomi diversi.

Diagnosticare è un'arte. Alcuni praticanti sono più bravi di altri. Un buon diagnostico usa la conoscenza, l'esperienza e, soprattutto, l'intuizione durante la diagnosi di un caso. In "Gut Almighty", il suo 1 maggio 2007, nel suo blog su Psychology Today.com, Carlin Flora ha scritto: "Intuition. . . è meglio utilizzato come primo passo per risolvere un problema o decidere cosa fare. Più esperienza hai in un determinato dominio, più affidabili sono le tue intuizioni, perché nascono dalla più ricca gamma di modelli di esperienza raccolti. Ma anche nella tua area di competenza, è più saggio mettere alla prova le tue intuizioni: potresti facilmente aver catturato i dettagli sbagliati e aver tirato su la rete sbagliata di associazioni nel tuo cervello. "Http://www.psychologytoday.com/articles / 200704 / gut-onnipotente

L'eloquente definizione di Flora è in sintonia con il modo in cui giungo a una diagnosi. I seguenti passaggi possono far luce sul processo:

Innanzitutto, uso la mia intuizione: "Sì, l'ho già visto prima. Sembra familiare. "Il prossimo passo è pormi le seguenti domande: Se non è quello che penso, che altro potrebbe essere? Ho passato attraverso la storia di questo bambino con un pettine a denti stretti? I miei sentimenti, la mia conoscenza e il mio giudizio sono correlati a ciò che mi viene detto? Mi sto perdendo qualche informazione? Ho sottostimato o alterato in modo soggettivo un pezzo di informazione? Ho considerato la norma? È qualcosa che un bambino potrebbe diventare troppo grande? Quanto sono gravi questi sintomi?

Quando ho fiducia nella mia diagnosi, ne parlerò con i genitori. Voglio il loro feedback. Voglio sapere se questa diagnosi ha senso per loro. Questo suona come il loro bambino, e se non lo fa, perché no? Quale diagnosi sarebbe più adatta al loro bambino? Se non sono sicuro della diagnosi, parlerò delle mie incertezze con i genitori.

Come professionisti, non dovremmo minimizzare il danno narcisistico che può verificarsi quando i genitori vengono informati che qualcosa non va nel loro bambino. La ferita narcisistica può essere equivalente alla morte di una persona cara. I sogni, le speranze e le fantasie di un genitore possono essere demoliti. Voglio proteggere i genitori emotivamente e allo stesso tempo informarli delle mie scoperte. L'ultima cosa che voglio fare è spaventare i genitori fuori dalla porta, con la possibilità che il bambino non riceva cure.

In qualche modo la diagnosi senza l'uso del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali potrebbe essere più facile. Potremmo usare le parole di tutti i giorni per descrivere i comportamenti che osserviamo. Potremmo sostituire parole scientifiche e intimidatorie come la depressione, il disturbo bipolare, il disturbo da deficit di attenzione, o condurre disordini con parole come spigoloso, bizzarro, precoce, lunatico, temperamentale, sensibile, prepotente o loquace.

Non ho l'impressione che sto dicendo che il DSM non ha valore, ma a volte devi chiedertelo: la diagnosi che hai reso oggi potrebbe essere nella prossima versione?

Solutions Collecting From Web of "L'arte della diagnosi"