L'arte della diagnosi psicologica ad alto rischio Pt. 2

Nella prima parte, ho sostenuto che il rallentamento impulsivo verso qualsiasi diagnosi psicologica si senta soddisfacente potrebbe davvero rovinare le tue possibilità di risolvere problemi di relazione. Ho anche suggerito un modo per andare oltre la tua auto-soddisfacente diagnosi di budello, così puoi davvero colpire il chiodo sulla testa e avere una migliore possibilità di gestire i problemi.

Con la diagnosi, non intendo solo i termini ingegnosi dal punto di vista tecnico. Anche chiamare un razzista, un idiota o un egiziano è diagnostico. Non faccio distinzioni tra il modo di chiamare il nome e il nostro uso quotidiano della diagnostica semi-tecnica, per esempio dicendo: "Il mio ex è un narcisista".

E per essere chiari, non ho alcun problema con la chiamata dei nomi. Lo facciamo tutti, direttamente, indirettamente o sottovoce. Non c'è niente di moralmente sbagliato nel chiamare il nome. Se ci fosse, allora chiamare Hitler un mostro sarebbe immorale.

Vai avanti e chiama il nome, ma lo devi almeno a te stesso per colpire quell'unghia sulla testa. Non chiamare semplicemente le persone qualunque sia il nome dannato che ti viene in mente. Se causano problemi, colpiscili dove vivono con qualcosa che atterra e si attacca, qualunque sia il nome che più probabilmente risolverà i problemi di relazione nel modo più efficace.

Per scegliere il nome giusto è necessario pensare a tre domande distinte:

  1. Qual è il comportamento problema?
  2. Cosa motiva il comportamento problema?
  3. Quale diagnosi e strategia saranno più efficaci nel modificare il comportamento?

Nella parte 1, ho illustrato questo metodo applicandolo al comportamento problematico dei sostenitori di Trump e Trump. Farò lo stesso qui e mi concentrerò su una diagnosi dal vasto pool di possibili diagnosi per la sua vittoria che è stata di interesse per me ultimamente: Trump e i suoi sostenitori più vocali usano quello che sto chiamando il know-it-all formula , che impiega tre mosse facili da apprendere.

  1. Ignora coerentemente tutte le prove impegnative.
  2. Coerentemente agisci come se tu fossi il giudice che presiede ogni discussione che entri.
  3. Utilizzare costantemente una manciata di facili trucchi retorici che ammontano tutti, "So che sei ma cosa sono io?" Per trasformare tutte le sfide nello sfidante.

Nel diagnosticare il loro uso della formula del sapere tutto, a quale domanda diagnostica sto rispondendo? Il primo, ovviamente. I comportamenti sono un buon punto di partenza se vuoi andare oltre le tue interpretazioni impulsive. I comportamenti hanno il vantaggio di essere oggettivamente osservabili. Basano la tua diagnosi in modi che le motivazioni non possono, perché possiamo osservare i comportamenti, ma non possiamo osservare le motivazioni.

Ad esempio, se vedi qualcuno usare in modo coerente e automatico la formula del sapere tutto, puoi scommettere che la formula del sapere tutto è un problema. Non puoi essere assolutamente sicuro che lo stiano usando, ma puoi fare ipotesi plausibili, e puoi compilare le prove per sostenerlo.

Avendo scommesso sul fatto che la formula di tutto-sapere è il problema, devi quindi esaminare la gamma della sua applicazione. Qualcuno lo applica a tutti gli argomenti o solo a pochi? Ad esempio, qualcuno può applicarlo alla politica, alla moralità, all'economia e alla religione pur rimanendo uno studente ricettivo altrove, a lavoro oa scuola. Ad esempio, potresti trovare uno studente di ingegneria attento all'apprendimento in classe, ma alla luce della luna come troll di Internet.

Alla seconda domanda: che cosa li motiva ad utilizzare la formula del sapere tutto? Potresti chiedere a loro ma è improbabile che tu possa ottenere una risposta diretta. Le persone non sanno cosa li motiva e spesso non vogliono sapere. Se chiedi alle persone se hanno qualche motivazione problematica, ad esempio, "usi la formula del sapere tutto perché hai una scheggia sulla spalla?" Anche se vogliono darti una risposta diretta, andranno a fare speleologia intorno agli oscuri recessi della loro mente, non ne trovi prove e riporta qualche motivazione positiva per quello che fanno.

Se invece li psicologhi, dicendo loro le loro motivazioni, diranno "non dirmi come mi sento!" Non c'è autorità finale sulle motivazioni, che è una buona ragione per fare attenzione alle diagnosi che si basano su loro. Ad esempio, chiamare persone come razzisti, fascisti, egocentrici, narcisisti o psicopatici suggerisce tutti qualcosa sulle loro motivazioni. In quanto tale, ti metterà in territorio senza terra. Lo negheranno, lo riaffermierete e non c'è nessun posto dove andare per prove o prove in un modo o nell'altro.

Indovinare le motivazioni è solo l'ipotesi di una persona contro un'altra. È la ragione per cui a metà del 20 ° secolo gli psicologi comportamentali rinunciò a parlare di motivazioni del tutto. Non c'è modo di provare per loro in modo da diventare un baluardo di speculazione inattiva. Ma gli psicologi alla fine sono tornati allo studio delle motivazioni psicologiche in parte perché fanno una grande differenza nel modo in cui affrontate un problema.

Le persone che diagnostico come usando la formula del sapere tutto sono chiamati altri nomi, uno dei quali è vero credente, basato su uno studio classico, molto citato sul problema scritto da, di tutte le persone, un marinaio che ha il chiaro di luna come scienziato sociale. Il libro di Eric Hoffer, True Believers, è stato un passo avanti perché non si concentrava sul contenuto di ciò che credevano i veri credenti, ma sul loro MO, il loro comportamento. Sosteneva che si può essere veri credenti per il comunismo, il fascismo, il razzismo, la religione, qualsiasi cosa – la credenza apparentemente motivante non era il punto. Non erano le convinzioni che sostenevano, ma il modo in cui le tenevano, come verità assolute, immuni a prove impegnative. La mia diagnosi comportamentale, l'uso della formula del saper-tutto è nella tradizione della diagnosi del vero credente di Hoffer. Le persone applicano la formula del sapere tutto per difendere ogni sorta di credenze. Non sono le convinzioni che tengono, ma il modo in cui le ritengono è questo il problema.

Tuttavia, il libro di Hoffer ha argomentato ciò che ormai è un punto familiare su ciò che motiva le persone a tenerle con una tale presa. È perché le loro vite sono così incerte e lugubri che si aggrappano e si aggrappano a una credenza, che funge da … ..

Quindi otteniamo una possibile motivazione per il comportamento problematico. Secondo Hoffer, i veri credenti (nella mia diagnosi, le persone che usano la formula del sapere tutto) sono motivati ​​dall'insicurezza.

Ma non penso sia così semplice. Conto molte possibili motivazioni per questo comportamento. I veri credenti potrebbero essere i pensatori pigri che si concedono la scorciatoia per sentirsi come un saputello o potrebbero essere cattivi a pensare, oscurità o noia. Potrebbero essere orgogliosi egomaniaci, o il contrario – profondamente insicuro, come suggeriva Hoffer. Potrebbero essere insensibili ai rischi di essere scoperti e di essere etichettati come ipocriti bugiardi, o potrebbero conoscere bene quei rischi, ma essere così desiderosi di sentirsi furbi che vale la pena correre il rischio. Potrebbero essere leader manipolatori altamente sofisticati o seguaci molto ingenui. E questo è solo per citare alcune motivazioni.

Notare la differenza che fa diagnosi errate delle motivazioni. Per fare solo un esempio, se l'arroganza motiva il loro comportamento da vero credente, dovrai abbatterli con i loro cavalli alti. Ma se l'insicurezza motiva il loro vero comportamento da credenti, allora abbatterli li farà solo sentire meno sicuri e quindi più resistenti a cambiare il loro comportamento.

Insomma, quando diagnostichi, distingui tra comportamenti e motivazioni e dichiari diagnosi che identificano un comportamento, non una motivazione – nel mio esempio, l'uso della formula del sapere tutto. Non ignorare le motivazioni, sono importanti per la tua strategia per presentare la tua diagnosi. Spesso siamo più strategici quando lasciamo che le nostre ipotesi di motivazione guidino la nostra strategia per affrontare le persone, ma non rivelare le nostre ipotesi su ciò che le motiva. Fare così apre un dibattito senza fondamento che ti porta fuori dal messaggio. È il comportamento che stai cercando di cambiare, indipendentemente dalle sue motivazioni, quindi concentrati sul comportamento.

Nella parte 3, affronterò la terza domanda: quale nome e strategia saranno più efficaci nel modificare il comportamento?

Solutions Collecting From Web of "L'arte della diagnosi psicologica ad alto rischio Pt. 2"