L'annuncio sbalorditivo di Top Psychiatrist About Gun Violence

Dopo ogni episodio altamente pubblicizzato di violenza da arma da fuoco, alcuni legislatori – con buone intenzioni, per ottenere un guadagno politico o entrambi – dichiarano che dobbiamo avere leggi per tenere le armi fuori dalla portata delle persone con malattie mentali. È quindi sorprendente e profondamente importante notare il post sul blog di domenica del presidente della American Psychiatric Association, la dottoressa Renee Binder.

Come amministratore delegato del principale gruppo di pressione che difende gli interessi degli psichiatri, Binder avrebbe potuto raccomandare un aumento del trattamento psichiatrico per i malati di mente come un modo per ridurre la violenza armata. Sorprendentemente, non solo non ha fatto questa raccomandazione, ma ha fatto la potente e ben documentata affermazione che le persone diagnosticate con malattie mentali hanno molte più probabilità di essere vittime di violenza rispetto ai perpetratori e che la maggior parte dei malati di mente mai commettere atti di violenza contro gli altri. Quindi, approvare leggi per impedire ai malati di mente di possedere armi non è un modo per ridurre la frequenza degli omicidi. Infatti, come ha sottolineato Binder, "Gli indicatori di rischio più forti includono una storia di comportamento violento, violenza domestica e abuso di droghe o alcol".

I politici del notiziario della domenica mattina hanno omesso di leggere il saggio di Binder o hanno scelto di ignorarlo e si sono arenati subito, spingendo per le leggi sulle armi riguardo ai malati di mente. E lunedì mattina, l'ex membro del Congresso Patrick Kennedy è apparso sulla CBS, facendo un'appassionata richiesta di impedire ai malati di mente di possedere armi e fare l'audace e infondata affermazione che quel passo avrebbe impedito le sparatorie di massa più recenti. Vale la pena guardare per vedere se nel tempo la forte affermazione di Binder altera le proposte dei politici. Oggi, il candidato presidenziale repubblicano Ben Carson ha fatto un appello simile.

Due importanti punti gettano ulteriore luce su questo argomento. Uno deriva dal fatto che il modo principale in cui vengono identificati i "malati mentali" è dato dalle diagnosi psichiatriche, ma un vasto corpo di lavoro nell'arco di tre decenni ha rivelato che le categorie diagnostiche psichiatriche devono essere costruite e applicate con poco o nessun supporto scientifico così i tentativi di dividere la popolazione in "malati di mente" e "tutti gli altri" – e mirare a far passare leggi che riguardano il primo – non hanno senso.

L'altro punto rilevante è che i numeri in mongolfiera delle categorie e sottocategorie che sono chiamate malattie mentali hanno portato alla psichiatrizzazione della nostra società, alla tendenza dei terapeuti, dei media, del pubblico, persino di alcuni romanzieri a cercare di spiegare ogni aspetto del comportamento umano come causato da una malattia mentale. Questo spesso assume la forma di: "La Persona X faceva Y, e il fatto che facessero Y dimostra che sono malati di mente, perché Y (quasi ogni azione o espressione) è una malattia mentale." Gli avvocati della difesa operano in un sistema che è Spesso impilati contro gli accusati, soprattutto se questi ultimi sono poveri o donne o persone di colore, cercano comprensibilmente di far diagnosticare ai loro pazienti malati di mente, sperando di sostenere che il disturbo psichiatrico è motivo di una frase ridotta. Di conseguenza, un fattore di confusione che dovremo considerare sempre più spesso è il risultato di una correlazione creata artificialmente tra una diagnosi di malattia mentale e la commissione di un atto violento, in quanto è sempre più probabile che qualcuno accusato di un atto di violenza sia etichettato come malato di mente . Quando ciò accadrà, diventerà in modo ingiustificato munizioni per coloro che vogliono basare le leggi sull'idea che "i malati di mente" sono più pericolosi del resto della popolazione.

© Copyright 2015 di Paula J. Caplan Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "L'annuncio sbalorditivo di Top Psychiatrist About Gun Violence"