L'angoscia dietro tutta la grande creatività?

Immagine per gentile concessione di Martyna Adamczyk

Spesso sento persone parlare di persone creative piene di angoscia, e molte persone mi hanno chiesto come psicologo se l'angoscia fosse in realtà un ingrediente necessario per la creatività.

Dal momento che l'angoscia significa cose diverse per persone diverse, ho deciso che il modo migliore per assicurarci che siamo tutti sulla stessa pagina è iniziare con alcune definizioni:

Angst (n.) (Ängkst)

1. Una parola tedesca che si riferisce a "un acuto ma non specifico senso di ansia o rimorso". Intenso conflitto emotivo. (Collins English Dictionary, decimo editore)

2. (Specifico per la psicologia esistenziale) Una normale esperienza esistenziale; "L'angoscia è … mi accorgo che la mia esistenza può perdersi, che posso perdere me stesso e il mio mondo, che non posso diventare nulla." – Lo psicologo Rollo May

2. Gli autori di fanfiction usano la parola per aiutare a catalogare alcune forme di fanfic: "Mettere i personaggi e per estensione i lettori attraverso un profondo dolore emotivo e possibilmente fisico".

In questo post sottolineo la prima definizione, che sembra essere quella associata più spesso all '"artista torturato".

Malattia mentale

Alcune persone prendono la definizione di angoscia ancora più lontano. Credono che gli scrittori debbano essere almeno un po 'toccati dalla follia. È interessante notare che esiste una forte correlazione positiva tra disturbo bipolare (ovvero depressione maniacale) e creatività. Più recentemente, i ricercatori hanno riconosciuto una correlazione simile tra creatività e disturbi sullo spettro della schizotipia, compresa la schizofrenia.

Secondo Frederick Goodwin e Kay Redfield Jamison, entrambi i giganti nello studio del disturbo bipolare:

È controintuitivo che una malattia così distruttiva possa essere associata all'immaginazione o alle grandi opere d'arte. Eppure l'associazione percepita è una credenza culturale persistente e supportata da dati provenienti da molti studi … L'argomento non è che la malattia maniaco-depressiva ei suoi temperamenti correlati siano essenziali per il lavoro creativo; chiaramente non lo sono. Né sosteniamo che la maggior parte delle persone che hanno una malattia depressiva bipolare o ricorrente siano creative; non sono. L'argomento è, piuttosto, che un numero sproporzionato di eminenti scrittori e artisti ha sofferto di disturbi dello spettro bipolare e che, in alcune circostanze, la creatività può essere facilitata da tali disturbi.

Da Michelangelo e Jackson Pollock a Samuel Taylor Coleridge e Percy Bysshe Shelley, da Kurt Cobain e Billy Corgan a Ernest Hemingway e Stephen King, la depressione o la malattia bipolare sembra essere sproporzionatamente comune nei geni creativi.

Il problema è che, secondo l'esperto di creatività (e collega blogger di Psychology Today), il dottor James Kaufman (nessuna relazione), "Come società, vogliamo credere molto [all'artista torturato]. È una bella storia … E ovviamente ha degli spunti nella realtà, ma è una cosa facile da abbracciare un po 'troppo ".

In altre parole, lo stereotipo è così forte che le persone prive di disturbi psicologici potrebbero ritenere di doverle fingere per essere accettate dalla comunità artistica. (Ho cercato su Google "artista torturato" e "angoscia" insieme e ho ottenuto 53.200 colpi. Stereotipo potente!)

Angst Necessario?

Molte persone credono che se il disturbo bipolare, la depressione e i disturbi dello spettro schizotipico sono comuni nei geni creativi, e l'angoscia è una descrizione di come le persone con questi disturbi spesso si sentono, ciò deve significare che l'angoscia è necessaria per il processo creativo. Ma è vero?

Guardando la ricerca psicologica … no. È interessante notare che le persone creative hanno più cose in comune con persone che sono bipolari che con persone "normali", ma i punti in comune non risiedono tanto nei disturbi dell'umore come nei modelli di pensiero idiosincratico, nell'entusiasmo e nella passione per la loro arte, quanto facilmente possono produrre idee e connessioni nuove e strane. In molti casi, le persone che hanno il disturbo bipolare e sono creativi sono meglio in grado di esprimersi creativamente quando vengono adeguatamente trattate per i loro disturbi.

Parte di ciò che rende l'essere creativo con una malattia mentale così difficile è il comportamento che ne risulta. L'alcolismo si trova in oltre il 50% delle persone con disturbo bipolare. Anche l'abuso di altre sostanze è estremamente elevato. I periodi di disperazione possono essere così intensi che l'individuo difficilmente può alzarsi dal letto, per non parlare di creare qualcosa. E naturalmente il tasso di suicidio e tentativi di suicidio è molto più alto che nelle persone creative che non sono anche alle prese con una malattia mentale.

Esempio di testo di Cobain's Smells Like Teen Spirit

Forse c'è una sovrapposizione tra geni "creativi" e geni bipolari / depressivi / schizotipici. (Cioè, non abbiamo prove che la creatività causi malattie mentali o che la malattia mentale causi creatività, entrambe possono essere causate da un terzo fattore.) E mentre alcune persone, come Kurt Cobain, si sentono molto più creative quando sono nel fase maniacale del disturbo bipolare, possono anche essere meno coerenti (i testi di Smells Like Teen Spirit , chiunque?), e devono anche affrontare il crollo della depressione (Cobain si è suicidato). La ricerca suggerisce anche che nel corso del tempo le malattie depressive / bipolari sminuiscono la creatività. In uno studio fatto con i bambini, i ricercatori hanno trovato una "correlazione negativa della durata della malattia con … la creatività; più a lungo i bambini erano malati, meno erano creativi. "Quindi, nel complesso, la malattia diventa un ostacolo alla creatività, piuttosto che un aiuto.

Angoscia contro Anima

Un mio ex era un artista straordinario, tecnicamente. Poteva riprodurre qualsiasi cosa vedesse, spesso senza mai sollevare la matita. Non ho mai visto qualcuno in grado di disegnare come avrebbe potuto senza mai aver bisogno di cancellare. Non aveva bisogno di lavorare più e più volte l'immagine da grezza a liscia – ha appena prodotto un'immagine immacolata la prima volta.

Ha parlato a un certo punto di alcune gallerie su come mostrare il suo lavoro, ma è stato rifiutato. Un regista è stato così gentile da dargli un feedback. Lei gli disse che mancava qualcosa dal suo lavoro.

Pensava che fosse angoscia. Ma non lo era. (Ha avuto modo di condividere il mio, e non ha affatto influenzato la sua arte.) Quello che gli mancava era l' anima . Non gliene importava nulla di tutto ciò per mettere passione nella sua arte.

Quindi, mentre è vero che più arte tende a essere creata durante i periodi di grande conflitto nella storia, hai davvero bisogno di angoscia per produrre cose buone? No, non necessariamente. Ma hai bisogno di passione. Devi preoccuparti della tua arte e devi metterti il ​​tuo cuore e la tua anima dentro.

La dottoressa Carolyn Kaufman è l'autrice di The Writer's Guide to Psychology: come scrivere in modo accurato sui disturbi psicologici, il trattamento clinico e il comportamento umano. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web del libro.

© 2013 Carolyn Kaufman, PsyD ♦ Psicologia per autori di psicologia oggi

Solutions Collecting From Web of "L'angoscia dietro tutta la grande creatività?"