Lanciare l'interruttore di meraviglia per l'attivismo

Il documentario del 2010 vincitore di un Oscar The Cove mostra meraviglia al lavoro. Nel 1964, Ric O'Barry sbarcò un lavoro da sogno di un giovane uomo. Come allenatore dei cinque delfini dal naso a bottiglia utilizzati per lo show televisivo Flipper , O'Barry ha vissuto su un lago, ha comprato una nuova Porsche ogni anno e ha preso la sua parte di divertimento a Miami sotto il sole.

Poi, O'Barry ha sperimentato quello che io chiamo un interruttore di meraviglia.

Dopo lo spettacolo cessato, i delfini sono stati portati in un delfinario dove non sono stati trattati in modo sensibile. Kathy, il primo e più spesso usato delfino nello spettacolo di Flipper , divenne – secondo O'Barry – depresso e scoraggiato. È morta tra le sue braccia.

La morte di Kathy innescò sentimenti in O'Barry che erano stati assopiti per dieci anni di gloria riempiti di gloria: Compassione per questa creatura la cui intelligenza e sensibilità sonora superarono gli esseri umani. " Meraviglia verso la radiosa autoconsapevolezza di questa creatura. Oltraggio per l'industria della prigionia dei delfini che aveva aiutato a produrre.

A pochi giorni dalla morte di Kathy, O'Barry era in prigione per aver rilasciato altri delfini in una struttura vicina all'isola di Bamini. Così iniziarono i successivi trentacinque anni di O'Barry come crociato per aver liberato Flippers (vedi The Dolphin Project).

Cosa guida gli attivisti e gli altruisti? Kristen Renwick Monroe ( Il cuore dell'altruismo: Percezioni di un'umanità comune ) intervista numerose persone che hanno agito per conto di persone che non sono i loro parenti. Un cuore aperto più che l'interesse personale, sostiene Monroe, guida molti altruisti.

Ma prima della compassione e prima della curiosità, c'è da meravigliarsi: quello stato di totale ricettività e profonda connessione . In Upheavals of Thought: The Intelligence of Emotions (2003), Martha C. Nussbaum sostiene che la meraviglia aiuta gli esseri umani a vedere gli altri come "parte della propria cerchia di interessi …". Nessuna emozione corrisponde a meravigliarsi nella sua capacità di evocare la vera empatia o compassione. "Non c'è da meravigliarsi che Descartes considerasse la meraviglia ( l'ammirazione ) la prima di tutte le passioni.

Giustizia. Compassione. Giusta indignazione Idealismo. Questi sentimenti probabilmente pompano il cuore di persone che picchettano, protestano, organizzano e fanno cambiamenti. Ma al centro di molte di queste motivazioni potrebbe essere sorprendente.

Anche dopo la morte di Kathy, O'Barry probabilmente non poté fare a meno di ricordare la gioia e la gioia che il delfino aveva portato al suo spirito curioso. La sua morte forse ha mescolato la sua meraviglia con un bisogno disinteressato di agire per conto della sua specie. Tale memoria emotiva può innescare un profondo desiderio di proteggere quella connessione, anche se significa mobilitarsi contro gruppi di interesse speciali, organizzazioni e persone le cui azioni lo minacciano. La meraviglia può portare all'attivismo.

Questa è la mia opinione su gran parte di ciò che accade nel film di Louie Psihoyos , The Cove . Il regista del documentario raduna il proprio cast di creativi specialisti tutti con un unico obiettivo: catturare filmati raw del massacro quotidiano di pescatori giapponesi di oltre 700 delfini a Taiji – una piccola città che si promuove come la mecca degli amanti dei delfini – per aumentare la consapevolezza e, in definitiva, fermare la pratica non necessaria. "Abbiamo realizzato questo film", ha detto Psihoyos nel discorso di Oscar che non ha consegnato, "per dare agli oceani una voce".

Gli studenti, non i delfini, in parte hanno lanciato un interruttore di meraviglia nell'economista Paul Romer , un ragazzo che ha rinunciato a una posizione di ruolo a Stanford per, in sostanza, traccia meraviglia. C'è una fotografia di un gruppo di studenti in Guinea che finiscono i compiti a dovere sotto i lampioni dell'aeroporto di G'bessi. È un'immagine strana, il tipo di giustapposizione che può invogliare la curiosità se prestiamo attenzione.

Perché gli studenti fanno i compiti negli aeroporti e in altri spazi pubblici di notte? Perché i funzionari corrotti del governo della Guinea avevano privato diversi cittadini di elettricità. Presta attenzione a questa strana sensazione e possono sorgere diverse domande sull'economia, sulla governance e su ciò che le persone fondamentalmente vogliono e di cui hanno bisogno.

Romer ha messo in atto una grande idea: città charter in paesi con economie in via di sviluppo. Il sito web di Romer lo descrive così: "Le città charter permettono alle persone di trasferirsi in un luogo con regole che forniscono sicurezza, opportunità economiche e una migliore qualità della vita. Le città charter offrono anche ai leader maggiori opzioni per migliorare la governance e gli investitori maggiori opportunità di finanziare progetti infrastrutturali socialmente vantaggiosi. "(Guarda l'intervista sul blog di Freakonomics con Romer al NYT.) In un pezzo di Newsweek, l'economista della NYU William Easterly ha detto:" C'è un sottile linea tra rivoluzionario e pazzo. Paul Romer è stato abile nel percorrere questa linea per tutta la sua carriera, rimanendo semplicemente fuori dalla parte più pazza. Sta ancora in punta di piedi lungo quella linea con questa nuova idea. "In un certo senso, quella linea tra rivoluzionario e pazzo può essere la linea di un attivista miracoloso.

"Non c'è impedimento, a parte un fallimento dell'immaginazione", dice Romer sul suo sito web, "che ci impedirà di offrire una soluzione win-win veramente globale".

Un fallimento dell'immaginazione è un fallimento di meraviglia .

Le piccole cose possono capovolgere un interruttore di meraviglia. Per Ken Greene e Doug Muller , la gioia e la meraviglia dei semi li ha portati a costruire la Hudson Valley Seed Library – un vero paradiso per semi di cimelio non ibrido, non-Monsanto che mettono letteralmente la fonte del cibo nelle mani delle persone, non corporazioni. Immagino che cosa impedisca a questi due ragazzi di lavorare per dodici ore al giorno non sia certo la fama o la fortuna, ma qualche dolce combinazione di gioia, gioia e curiosità che è il giardino delle meraviglie.

Non sto suggerendo che la meraviglia ispiri tutti gli attivisti. Sto suggerendo che la meraviglia può avere un ruolo cruciale nel provocarci ad agire a nome di qualcuno, di un animale, di un seme diverso se non superiore a noi stessi, alle nostre famiglie o persino alla nostra stessa specie.

Senza meraviglia, l'attivismo può diventare tutto politica e battaglia – una ricetta per il burn-out e l'alienazione. Con frequenti visite da parte delle meraviglie, gli attivisti possono continuare a organizzare, fare immersioni profonde, costruire città e piantare semi per un mondo migliore.

Vuoi vivere per una causa più grande di te? Ascolta ciò che ti ferma nei tuoi brani con delizia misteriosa, gioia sconcertante e un senso innominato che qualcos'altro che è parte di te e più grande di te meriti di essere combattuto. Quindi, riunisci una tribù o una truppa o un cast di personaggi e agisci di conseguenza.

Hai qualcosa da contribuire alla conversazione su meraviglia e attivismo? Mi piacerebbe sentirti.

Jeffrey Davis

Il viaggio dal centro alla pagina: Filosofie e pratiche di yoga come musa per la scrittura autentica.
Unisciti a me su Facebook.
Twitter con me.
Cerca un consulto.

Solutions Collecting From Web of "Lanciare l'interruttore di meraviglia per l'attivismo"