Lance da lanciare e disegnare gli esseri umani fatti di arte realistica unici

A differenza di Homo sapiens, i Neanderthal non potevano lanciare lance o fare disegni di caverne.

Wikipedia/Public Domain

Replica del disegno dei leoni dipinti nella grotta Chauvet. L’arte nella grotta è stata identificata come creata dai primi umani moderni.

Fonte: Wikipedia / Dominio Pubblico

I Neanderthal non avevano la forma globulare del cervello o la coordinazione occhio-mano necessaria per disegnare immagini rappresentative come la caverna preistorica dei leoni dal Homo sapiens paleolitico nella foto sopra.

Che cosa ha causato il divario nella capacità di disegnare tra Homo Sapien e Neanderthal?

Un nuovo articolo di Richard Coss afferma che la stessa coordinazione visuomotoria (e struttura / funzione del cervello) che ha facilitato la capacità dell’Homo sapiens di lanciare con precisione una lancia da caccia e la loro capacità di creare disegni rupestri realistici vanno di pari passo.

Coss ipotizza che la correlazione tra l’accuratezza della lancia e l’abilità di disegno realistico potrebbe aiutare a spiegare come il cervello umano moderno sia diventato più a forma di globo e perché gli umani fossero cacciatori più capaci dei Neanderthal.

Richard G. Coss è professore emerito di psicologia all’Università della California, Davis e un esperto di dinamica predatore-preda. Si è specializzato sull’impatto che i comportamenti di caccia hanno avuto sull’evoluzione del comportamento umano e animale fin dai tempi antichi. Il suo ultimo lavoro, “Disegni di immagini rappresentative degli umani del Paleolitico superiore e la loro assenza nei Neanderthal potrebbe riflettere le differenze storiche nel gioco della caccia diffidente”, è stato recentemente pubblicato sulla rivista Evolutionary Studies in Imaginative Culture .

Per questo documento interdisciplinare, Coss ha incorporato la sua conoscenza del comportamento animale, delle relazioni predatore-preda, dell’archeologia, della neuroscienza, della genomica e dell’arte rupestre preistorica. Sposando una vasta gamma di risorse apparentemente non correlate, sviluppò un’ipotesi rivoluzionaria sulla caccia, il coordinamento visuomotorio, l’arte preistorica e l’evoluzione del cervello umano. Roba affascinante!

Dr. Mike Baxter/Wikipedia

Confronto tra un teschio umano moderno (a sinistra) e un teschio di Neanderthal (a destra) del Cleveland Museum of Natural History.

Fonte: Dr. Mike Baxter / Wikipedia

In una dichiarazione, Coss ha detto: “L’ Homo sapiens ha sviluppato teschi più rotondi e ha sviluppato corteccia parietale più grande – la regione del cervello che integra immagini visive e coordinazione motoria – a causa di una corsa agli armamenti evolutiva con prede sempre più diffidenti. I primi esseri umani cacciarono con lance da lancio nell’Africa sub-sahariana per più di 500.000 anni, guidando la loro sempre più vigile preda a sviluppare un volo migliore o combattere le strategie di sopravvivenza. ”

Nello studio astratto, Coss elabora il ruolo dei lobi parietali nella coordinazione occhio-mano come legato all’abilità unica di caccia e disegno dell’Homo sapiens :

“Per gli uomini di Neanderthal, le fluttuazioni paleoclimatiche probabilmente precludevano la costante caccia del gioco adattato al freddo, un gioco che rende la proprietà più accessibile per la caccia a distanza ravvicinata con lance che spingono. Come prova di minore cautela storica degli umani, molte delle specie cacciate dai Neanderthal furono alla fine addomesticate.

A causa delle forti fonti di selezione naturale sugli esseri umani arcaici e anatomicamente moderni per una caccia efficace, la corteccia parietale che integra l’immaginario visivo e la coordinazione motoria si espanse progressivamente, producendo la forma globulare del cranio umano che non è evidente nei Neanderthal.

Per caratterizzare il modo in cui le proprietà cognitive impiegate per lanciare lance e disegnare linee di lavoro sono simili, i disegni del Paleolitico superiore di animali nella grotta di Chauvet, Francia, sono discussi nel contesto speculativo di come questi artisti si impegnavano simultaneamente in una chiara attenzione a guidare i loro movimenti e attenzione nascosta alle loro immagini mentali durante il processo di disegno. ”

È interessante notare che l’ipotesi di Coss si integra perfettamente con un altro studio del gennaio 2018, “L’evoluzione della moderna forma cerebrale umana”, dei paleoantropologi del Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology a Lipsia, in Germania.

Max Planck Institute for Evolutionary Anthropology/Simon Neubauer, Jean-Jacques Hublin, Philipp Gunz (CC BY-NC)

Differenze nella forma del cervello tra un essere umano attuale (a sinistra, in blu) e un Neanderthal di La Chapelle-aux-Saints (a destra, in rosso).

Fonte: Istituto Max Planck per Antropologia Evolutiva / Simon Neubauer, Jean-Jacques Hublin, Philipp Gunz (CC BY-NC)

Questo studio tedesco conferma che la forma globulare del nostro cervello umano moderno si è evoluta gradualmente ed è contrassegnata da un rigonfiamento dei lobi parietali. In particolare, il team di Max Planck ha anche scoperto che il rigonfiamento del cervelletto ha influenzato questa globularizzazione. (Per ulteriori informazioni, vedi “Moderna forma cerebrale legata a lobi e cervelletto parietale”.)

Secondo Coss, i primi homo sapiens trascorsero centinaia di migliaia di anni a caccia di lance sulle praterie aperte dell’Africa, il che determinò l’evoluzione del coordinamento visuomotorio necessario per creare disegni di caverne. D’altra parte, i Neanderthal facevano affidamento su lancette a distanza ravvicinata perché il gioco che cacciavano diventava meno pauroso della presenza umana rapidamente.

“Le immagini visive utilizzate nel disegno regolano i movimenti del braccio in modo simile a come i cacciatori visualizzano l’arco che le loro lance devono compiere per colpire i loro bersagli animali”, ha spiegato Coss. Crede che i disegni preistorici delle caverne siano stati probabilmente utilizzati come strumento didattico per trasmettere preziose conoscenze tra generazioni di primi umani.

Coss conclude: “Poiché l’atto del disegno migliora le capacità di osservazione, forse questi disegni sono stati utili per concettualizzare la caccia, valutare l’attenzione del gioco, selezionare le aree del corpo vulnerabili come bersagli e promuovere la coesione del gruppo attraverso le cerimonie spirituali. Di conseguenza, l’avvento del disegno potrebbe aver posto le basi per cambiamenti culturali. Ci sono enormi implicazioni sociali in questa capacità di condividere le immagini mentali con i membri del gruppo “.

Riferimenti

Richard G. Coss “Disegni di immagini rappresentative degli uomini del Paleolitico superiore e la loro assenza nei Neanderthal potrebbero riflettere le differenze storiche nel gioco della caccia prudente”. Studi evolutivi nella cultura immaginativa Vol. 1, n. 2 (2017) ISSN 2472-9884 (Stampa) / ISSN 2472-9876 (online)

Simon Neubauer, Jean-Jacques Hublin, Philipp Gunz. “L’evoluzione della moderna forma del cervello umano.” Science Advances (Prima pubblicazione: 24 gennaio 2018) DOI: 10.1126 / sciadv.aao5961

Solutions Collecting From Web of "Lance da lanciare e disegnare gli esseri umani fatti di arte realistica unici"