L'amore richiede di avere lo stesso o di avere abbastanza?

"Abbastanza buono è stato abbastanza buono per me
Come dovrebbe sempre essere
Tu che mi hai spezzato il cuore e ancora mi affliggo
Come puoi essere sopra di me? "(Sonata Arctica)

L'affermazione egualitaria secondo cui è auspicabile che tutti abbiano lo stesso valore degli altri (in termini di opportunità, denaro e altri beni) è centrale nella nostra nozione di moralità. Dal mio punto di vista, nel regno romantico il valore di questa affermazione è discutibile. Dovremmo parlare di un partner abbastanza buono, piuttosto che della persona perfetta.

Nonostante il suo evidente valore nel migliorare la situazione dei poveri, l'affermazione secondo cui tutti dovrebbero avere lo stesso è chiaramente sbagliata se intesa in termini meccanici. Le persone hanno esigenze diverse e non è corretto trattare tutti come se fossero identici. In effetti, l'ideale socialista di base di "Da ciascuno secondo le sue capacità, a ciascuno secondo i suoi bisogni" non è meccanicistico. Alla luce di questo ideale, ciò che una persona dovrebbe ricevere è una funzione dei bisogni della persona e non di ciò che gli altri hanno.

Vorrei confrontare le nozioni di "avere lo stesso" e "averne abbastanza" facendo riferimento alla reciprocità e ai compromessi romantici. In entrambi, l'atteggiamento meccanico di voler avere lo stesso degli altri è superficiale; un atteggiamento più profondo è quello di essere sensibili ai bisogni di ogni persona.

La reciprocità è centrale nell'amore, poiché il bisogno di essere amati è importante quanto il bisogno di amare. La reciprocità meccanica sta dando al partner lo stesso che il partner ti dà. Questo tipo di atteggiamento richiede calcoli precisi, che sono così atipici del vero amore. Quando faccio qualcosa per la mia amata, non lo faccio perché mi aspetto di ottenere esattamente la stessa cosa in cambio. Lo faccio perché mi preoccupo per lei e voglio migliorare il suo benessere. I due amanti possono mostrare un livello simile di profondità nel modo in cui si prendono cura gli uni degli altri, ma l'espressione di tale cura può essere diversa in quanto ogni persona ha esigenze diverse.

Tuttavia, sarebbe difficile accettare se solo una persona avesse dato gli altri regali di compleanno, ricordato gli anniversari o offerto tazze di tè, mentre l'altra persona non offriva nessuno di questi atti simbolici di donazione. Qui non è la quantità che conta quanto l'attenzione che indica il significato dell'altro.

La reciprocità romantica implica dare e ottenere abbastanza per mantenere il senso che il partner si prende cura di uno ((vedi qui)).
Possiamo anche distinguere tra atteggiamenti superficiali e profondi in caso di compromessi romantici. I compromessi meccanici, che comportano la divisione della differenza, sono superficiali. Sono più facili da fare e valutare, ma mancano di una sensibilità adeguata ai reali bisogni del partner, che è così cruciale nel vero amore (vedi qui).

Dividere la differenza è una semplice misura meccanica per far fronte alle differenze tra le persone. Se qualcuno vuole vendere la sua auto per $ 10.000 e io sono solo pronto a pagare $ 8.000, dividere la differenza concordando un prezzo di $ 9.000 potrebbe essere una soluzione semplice e plausibile. Sebbene questo metodo possa funzionare in determinate circostanze, in molti altri è inappropriato poiché le nostre vite e le relazioni romantiche sono più complesse della semplice contrattazione finanziaria. Un tale modo meccanico di compromettere ignora l'essenza dell'amore romantico (o, per quella materia, di qualsiasi tipo di amore o relazione), che deve essere sensibile ai bisogni dell'altro senza continuamente confrontare ciò che voi e lui state ricevendo e dando ad ogni momento della giornata.

Considera il seguente caso reale di compromesso. La moglie ama le opere e il marito ama il calcio. Hanno concordato un compromesso sul fatto che il marito si unirà a sua moglie in una visita all'opera e che andrà da solo a guardare le partite di calcio. Da un punto di vista meccanicistico, questo potrebbe sembrare un compromesso ingiusto, ma se il compromesso soddisfa tutte le loro esigenze e se lo considerano un compromesso sufficientemente buono, allora potrebbe funzionare bene per loro.

I compromessi riusciti sono quelli in cui le persone non si sentono compromesse. Tali compromessi non danno metà a una persona e metà all'altra; piuttosto, prestano molta attenzione alle preoccupazioni significative di ogni persona e tentano di affrontarle. Ciò che un osservatore esterno potrebbe considerare una questione insignificante può essere molto significativo per le persone coinvolte.

Inoltre, anche quello che qualcuno sacrifica per il suo partner non può essere visto come tale dal partner se non si adatta alle preoccupazioni del partner. Quindi, non andare alle partite di calcio potrebbe essere ciò che vuole la moglie; potrebbe semplicemente desiderare di avere la sua compagnia in una o in altre attività di qualità. In compromessi di successo, la soluzione preferita è quella in cui le preoccupazioni essenziali di entrambe le parti non sono compromesse.
Dopo aver discusso dell'atteggiamento di avere abbastanza in reciprocità e compromessi, mi rivolgo al problema più complesso di avere un partner romantico abbastanza buono.

Il termine "soddisfacente", coniato da Herbert Simon, combina le parole "soddisfa" con "sufficiente" e viene utilizzato per esprimere una soluzione adeguata piuttosto che uno che massimizza l'utilità. Una soluzione soddisfacente può spesso essere ottimale se si tiene conto dei costi di ricerca di un'altra alternativa. Simon nota che poiché gli esseri umani non hanno sufficienti capacità cognitive e le loro informazioni sono limitate, dovrebbero adottare un approccio più realistico nella ricerca delle loro soluzioni ottimali, che non sono necessariamente quelle che massimizzano i loro possibili guadagni. Le considerazioni di Simon sono rilevanti anche per il regno romantico, ma qui ci sono ulteriori complicazioni riguardo alla nostra incapacità di prevedere l'atteggiamento del partner a lungo termine così come la nostra risposta a tale atteggiamento. Di conseguenza, l'importanza di trovare un partner abbastanza buono è ancora maggiore.

Nel suo saggio articolo "L'uguaglianza come ideale morale", Harry Francoforte rifiuta la dottrina fondamentale dell'egualitarismo economico, il che presuppone che sia auspicabile per tutti avere la stessa quantità di reddito e ricchezza. Dal suo punto di vista, definito "La dottrina della sufficienza", ciò che è moralmente importante è che tutti dovrebbero avere abbastanza. Seguendo l'egualitarismo (economico), le persone focalizzano la loro attenzione su ciò che gli altri hanno piuttosto che su ciò che per loro è intrinsecamente prezioso.

Francoforte sottolinea che essere contenti è una questione di atteggiamento dell'agente verso ciò che ha e non verso ciò che gli altri hanno. Quindi, "supponiamo che un uomo ami profondamente e felicemente una donna che è del tutto degna. Normalmente non critichiamo l'uomo in questo caso solo perché pensiamo che avrebbe potuto fare anche meglio. "Una donna più bella, più saggia e più agiata potrebbe non essere abbastanza buona per te se il suo atteggiamento nei tuoi confronti non si adatta alle tue preoccupazioni. Non sono le caratteristiche esterne, oggettive e misurabili che contano di essere abbastanza buone, ma lei e i suoi atteggiamenti soggettivi l'uno verso l'altro.

Secondo il punto di vista di Francoforte, avere abbastanza denaro preclude all'agente di avere un interesse attivo a ottenere di più; la sua attenzione e i suoi interessi non sono intensamente coinvolti nei benefici di avere di più, non considera di avere più importanza, non si risente delle sue circostanze, non è ansioso o determinato a migliorarli, non va fuori dalla sua strada o prendere iniziative significative per renderle migliori e la sua contentezza non dipende dal confronto con se stesso.

Un atteggiamento simile può essere trovato quando una persona ha un partner romantico abbastanza buono. Ciò implica che la persona si accontenta del suo partner in quanto si adatta a lei e non necessariamente perché è il partner più perfetto del mondo. Di conseguenza, lei non ha un interesse attivo nel cercare qualcun altro e vede la sua situazione come un bisogno di miglioramento. È contenta del suo destino e non ha bisogno di nessun altro. Avere una vita felice e soddisfacente implica la presenza di molte attività intrinsecamente preziose nella vita dell'agente. Mentre si sta impegnando in queste attività più interessanti e soddisfacenti, l'agente non ha alcun interesse attivo nell'ottenere più o qualcos'altro.

Una differenza tra avere lo stesso e avere abbastanza è che la preoccupazione principale nella prima è basata su un confronto superficiale con altri che potrebbero essere molto diversi e quindi irrilevanti per l'agente, dove in quest'ultima è l'atteggiamento dell'agente che è importante. La soddisfazione che otteniamo da ciò che stiamo facendo e da coloro con cui siamo associati dovrebbe prima venire dall'interno. Anche se non possiamo evitare di fare paragoni tra noi e gli altri, ciò che conta alla fine della giornata è ciò che ci dà più soddisfazione, e questo deve fare di più con la nostra intrinseca struttura personale che con ciò che hanno gli altri.

Riassumendo, nonostante il notevole valore dell'approccio egualitario, che esprime il valore di avere lo stesso di quello che hanno gli altri, uno sguardo più profondo alle nostre esperienze romantiche (e molte altre) indica che un valore più profondo è quello di essere contenti quello che abbiamo In quest'ultimo caso, avere lo stesso non è abbastanza buono: le nostre preoccupazioni e bisogni genuini giocano un ruolo più importante nel nostro benessere. Dovremmo solo fare attenzione che essendo soddisfatti della nostra buona situazione, non diminuiremo la motivazione a migliorarla.

Le considerazioni di cui sopra possono essere riassunte nella seguente affermazione che un amante potrebbe esprimere: "Cara, ci sono davvero persone che sono più belle, più saggi e più ricchi di te, ma non c'è nessuno che sia buono per me come te."

Solutions Collecting From Web of "L'amore richiede di avere lo stesso o di avere abbastanza?"