L'amministratore delegato ha lasciato l'edificio: controllo e lobi frontali

Patient drawing

La copia di Phillipa della figura complessa

In questi giorni, tutti sembrano sapere dei lobi frontali; le parti del cervello che continuano a svilupparsi attraverso i nostri ragazzi e nei nostri primi anni venti. Per essere più precisi, l'area che viene comunemente definita il lobo frontale è la parte anteriore del lobo frontale; etichettato il lobo prefrontale. Gli umani hanno la corteccia prefrontale più sviluppata di qualsiasi animale, ed è probabilmente questo, più di ogni altra cosa, che ha catapultato l'umanità fino alla cima dell'albero evolutivo. Certo, altri direbbero che è il linguaggio, e più specificamente la capacità di parlare, che ci ha permesso di prendere il controllo del mondo (e distruggerlo a un livello elevato). E altri ancora credono che dobbiamo la nostra supremazia alla nostra capacità di camminare eretti e liberare le mani per la costruzione degli strumenti. Tutte queste teorie sono probabilmente corrette, e in effetti tutti questi passaggi evolutivi sono correlati.

Come neuropsicologo clinico, sono interessato ai lobi prefrontali perché queste aree del cervello sono terrificantemente vulnerabili al danno da incidente, come trauma cranico; da influenze ambientali come l'alcol; e da disturbi neurologici come la demenza. I lobi prefrontali sono anche riccamente connessi alla maggior parte delle altre parti e sistemi del cervello, e quindi quando le connessioni da e verso i lobi frontali sono danneggiate, ciò può anche portare a sintomi del lobo frontale. Ad esempio, le persone con malattia di Parkinson possono mostrare alcuni sintomi del lobo frontale, tra cui una difficoltà a cambiare set mentale, a causa di un'interruzione della via della dopamina tra i gangli della base, nel profondo del cervello e i lobi frontali.

La "sindrome del lobo frontale", come viene comunemente chiamata, è una collezione sciolta di sintomi frequentemente osservati in pazienti che soffrono di disfunzioni del lobo prefrontale – cioè, queste aree del cervello non funzionano più o funzionano come dovrebbero, a causa di danni al prefrontale si lobbe o perché le connessioni da e verso di esse sono danneggiate. Questi sintomi includono menomazioni nelle seguenti abilità cognitive: organizzazione e realizzazione di piani futuri; prevedere le conseguenze delle proprie azioni; controllo emotivo, inibendo comportamenti inappropriati; intuizione nei propri comportamenti; capacità di imparare dagli errori; pensando in modo astratto; memoria di lavoro; ricordando di ricordare (es: cosa dovevi comprare dal negozio); motivazione; iniziativa; iniziare una nuova attività. Le persone con danni al lobo frontale molto gravi ai lobi frontali sinistro e destro possono mostrare tutti questi sintomi, ma le persone con danni al lobo frontale più lievi ne dimostrano solo alcuni, e in alcuni casi anche quei sintomi possono essere sottili.

Non dimenticherò mai il primo paziente che ho incontrato che soffriva di una grave sindrome del lobo frontale. Phillipa, un'attraente donna di 35 anni, salutava chiunque fosse passato vicino al suo letto, gridando a squarciagola: "Salve, voi là. Vieni qui e parla con me. "A lei non sembrava importare che lei la salutasse in questo modo: un altro paziente, un dottore che non conosceva, o la donna che puliva il pavimento. La maggior parte delle persone sembrava imbarazzata, rispose con un breve "Ciao" e si allontanò rapidamente. Le loro uscite sarebbero punteggiate da un forte giuramento da parte di Phillipa o commenti come "Bastardo serpente, corri per la tua vita!" In un'occasione avevo visto l'infermiera tirare rapidamente la tenda attorno al suo letto dopo che Phillipa aveva cominciato a spogliarsi, gaiamente preoccupata di esporre il suo sé nudo agli altri pazienti e ai loro visitatori.

Per la sua famiglia e i suoi amici, Phillipa si era trasformata in una persona diversa, una persona che non capivano, non poteva condividere i ricordi, non si comportava più come la loro madre, la loro moglie, il loro amante, il loro migliore amico e chi, a volte, sembrava troppo strano perfino da amare. Solo due mesi prima, questa donna intelligente con una laurea in letteratura inglese ha lavorato come insegnante di scuola elementare e ha condiviso una vita intensa con suo marito e i loro due figli, di soli otto e 10 anni. Poi un sabato pomeriggio era stata brutalmente picchiata in testa con una sbarra di ferro quando sorprese un ladro che aveva fatto irruzione nella scuola elementare dove insegnava. Era andata alla scuola deserta per aggiornarsi sulla preparazione del lavoro. Per caso, il preside decise anche di fare un lavoro di fine settimana e, arrivando poco dopo l'assalto e trovando chiari segni di irruzione, scoprì che Phillipa giaceva in una pozza di sangue e profondamente incosciente. Senza dubbio, sarebbe morta se fosse rimasta lì molto più a lungo. L'osso frontale del suo cranio era stato distrutto e il cervello sottostante era gravemente danneggiato a sinistra. Per salvarle la vita il neurochirurgo dovette fare quello che equivaleva a una lobectomia frontale sinistra parziale, tagliando via la parte anteriore del lobo frontale sinistro, il lobo prefrontale. Fortunatamente, la corteccia più posteriore del lobo frontale non è stata danneggiata, preservando la capacità di parlare di Phillipa. Aveva anche subito un danno moderatamente grave al lobo prefrontale destro, quindi non era sorprendente che fosse rimasta con una grave "sindrome del lobo frontale".

Il suo assalitore fu catturato e imprigionato per molti anni, ma il termine di Phillipa era per la vita. Fisicamente, si è ripresa molto rapidamente dal trauma cranico e dalla neurochirurgia. Nel giro di un mese, anche se debole sul lato destro, riuscì a sedersi sul letto o su una sedia a rotelle. La sua disabilità fisica impallidisce nell'insignificanza rispetto ai suoi problemi cognitivi e psicologici. Secondo suo marito, prima del danno al cervello era stata una persona pratica e positiva che non soffriva gli stupidi volentieri. "Poteva fare tre cose in una volta e quasi mai sembrava stancarsi o stancarsi, anche quando i ragazzi si stavano comportando in modo corretto e aveva ancora due ore di marcatura da fare", mi ha detto. "E anche se aveva un gran senso del divertimento, ei bambini della sua classe l'amavano, era davvero piuttosto convenzionale. Penso che sia la cosa più difficile riguardo a questi cambiamenti nella sua personalità. È così-buona, immodesta-ora qualche volta. "Lui arrossì, e poi incespicò. "Non avrebbe mai giurato pubblicamente come adesso, e prima non si spogliava mai di fronte alle persone, nemmeno davanti ai nostri figli. So che è solo il suo cervello a parlare di danni, ma se continua così non riesco a capire come potremmo farcela a casa sua. "

I lobi frontali sono spesso definiti "lobi esecutivi" in quanto sono veramente gli amministratori delegati del nostro cervello. Senza di loro possiamo ancora leggere, scrivere, parlare, viaggiare, giocare e continuare con attività che sono ben apprese, ma darci qualcosa di nuovo da fare e siamo sconcertati. L'illustrazione è il tentativo di Phillipa (disegno in basso) di copiare la figura sopra. I suoi abbellimenti sulla sua copia – di cui era al corrente e che trovava molto divertenti – sono espressioni della sua incapacità di comportarsi in modo appropriato. Sono i loro comportamenti inappropriati e la loro mancanza di comprensione della gravità dei loro problemi che rende i pazienti con una sindrome del lobo frontale marcata quasi impossibile da riabilitare, e angosciosamente difficili da affrontare per le famiglie. Il marito di Phillipa si sforzò di prendersi cura di lei a casa finché un giorno i suoi figli fuggirono, terrorizzati dalle imprevedibili esplosioni violente della madre. I bambini sono stati trovati quella sera, freddi e spaventati, e Phillipa è stata collocata in una casa di cura psichiatrica dove è rimasta da allora. Sembra ancora che si goda le visite dalla sua famiglia, ma se rimangono troppo a lungo inizia a urlare e bestemmiare, e pochi minuti dopo che se ne sono andati, ha dimenticato di essere lì. In questi casi tragici, i membri della famiglia probabilmente soffrono più del paziente, che è risparmiato da una mancanza di intuizione. Forse questo è il modo di affrontare la mente: le persone gravemente disabili che mantengono la loro intuizione possono esistere in un inferno privato e richiedono anni di terapia e farmaci per aiutarle a fronteggiare la depressione. La terapia e la riabilitazione non sono di alcuna utilità per Phillipa, ma per la sua terapia familiare li ha aiutati ad andare avanti, finalmente in grado di liberarsi da immeritati sensi di colpa.

Solutions Collecting From Web of "L'amministratore delegato ha lasciato l'edificio: controllo e lobi frontali"