L'America è più sicura quando i bravi ragazzi hanno le pistole?

Sembra una cosa terribilmente biblica. All'inizio, Abramo generò Isacco; e Isacco generò Giacobbe; e Giacobbe generò Giuda ei suoi fratelli; e più tardi la violenza armata generò violenza da arma da fuoco – ma in realtà ridusse la violenza non letale, così saith sociologo e criminologo Richard B. Felson della Pennsylvania State University e colleghi dell'Università dell'Iowa e dell'Indiana University.

Beh, forse non hanno detto la parte di Abramo e della sua gente.

Ma hanno analizzato statisticamente i dati relativi agli omicidi e ai risultati dell'International Crime Victimization Survey. Quando lo fecero, notarono che vivere in un paese con un alto tasso di violenza da arma da fuoco, come in America, mette in realtà uno a rischio ridotto di assalto senza armi e di aggressioni con armi che non sono letali. In altre parole, passare tutto il tempo in cui le persone casuali di tutto il mondo sono armate è buono – per qualcosa. Gli americani nelle città in cui molte persone si sparano a vicenda hanno meno probabilità, ad esempio, degli italiani di strappare le loro borse brutalmente e brutalmente a loro.

Perché? Per cominciare, a Roma un criminale potrebbe supporre che la sua vittima non porterà una pistola. Può anche presumere che se corre veloce se ne andrà, o nel peggiore dei casi sarà affrontato da un terzo. Mentre in America potrebbe immaginare che i ragazzi che fanno il caldo siano "ovunque". Peggio, potrebbero voler tutti essere eroi.

Ed è vero che, in Italia nel suo insieme, il crimine di strada piccolo è abbastanza comune, mentre la testa è saltata fuori non lo è.

Sfortunatamente, naturalmente, come sottolinea Felson, con le pistole ovunque, gli americani sono molto più propensi di persone in paesi con bassi tassi di violenza da parte delle armi a far saltare le loro teste. Forse, come suggerisce, avere pistole ovunque intensifica piccoli crimini in omicidi attraverso ciò che Felson chiama "effetto avversario".

Il che significa che i criminali si armano in modo uguale a quello del loro avversario immaginato. Di norma, i criminali non armati evitano la violenza con avversari fisicamente più forti o con potenti alleati. Ma quando non riescono a evitare la violenza con avversari pesantemente armati, alcuni prendono provvedimenti per armarsi.

Ora, tenendo a mente l'effetto avverso proposto da Felson e tornando al suo sguardo sulle statistiche di omicidi, potrebbe essere che quando un criminale precedentemente disarmato si alza, ciò che potrebbe essere inteso come un semplice assalto diventa molto più consequenziale.

Quindi … a quelli che direbbero che l'America è più sicura quando i bravi ragazzi portano armi, direi "più sicuro da cosa?" Dagli assalti non letali? Sì, sembra così. Ma siamo più a rischio di perdere la vita.

Di giorno Rebecca Coffey è una giornalista scientifica, che contribuisce a S cientific American, Discover e Vermont Public Radio. Di notte è una scrittrice e umorista . ISTERIORE: Anna Freud's Story (2014, She Writes Press) ha ottenuto ottime recensioni da Booklist e LAMDA Literary, ed è stata raccomandata nel numero di giugno 2014 della rivista Oprah.

Solutions Collecting From Web of "L'America è più sicura quando i bravi ragazzi hanno le pistole?"