L'ambiente e deterrenza della criminalità

"Abbiamo un crimine molto piccolo qui su Moorea", ha detto il direttore del tour, parlando della piccola isola che abita nascosta nella Polinesia francese. Mi chiesi se il suo commento fosse semplicemente un altro aspetto della rappresentazione rosea della vita in un paradiso tropicale dei mari del Sud, gli chiesi di spiegare. Pur rispondendo a braccio, era in realtà piuttosto serio mentre commentava: "Siamo così pochi di noi qui che tutti conoscono gli affari degli altri". La sua affermazione riflette l'influenza di un ambiente in cui i criminali hanno una sfera limitata in cui operare .

I commenti del direttore del tour mi hanno ricordato un caso in cui avevo valutato un adolescente che si stava evolvendo in un'ondata di criminalità da un uomo. Risiedendo in un'area metropolitana e in gran parte senza sorveglianza da parte di due genitori laboriosi, Tom ha fatto taccheggio, è stato coinvolto in numerosi furti e ha commesso una serie di altri reati. Andò alla deriva, annusando le opportunità per sfruttare la debolezza e la vulnerabilità. Tom era abile nell'ingannare gli altri sulla sua ubicazione e nel riuscire a coprire le sue tracce. Le sue attività criminali in corso non erano attribuibili alla sua vita familiare perché aveva fratelli che si comportavano in modo responsabile se i loro genitori erano in giro per sorvegliarli o meno. Erano dove dovevano essere e facevano ciò che dovevano fare.

I genitori di Tom sentirono una tale disperazione che a malincuore lo mandarono a vivere con i parenti in una piccola città rurale. Nel suo nuovo ambiente, non ci volle molto perché altri conoscessero Tom. Si diffuse la voce che doveva essere attentamente osservato. Il trasferimento in un ambiente più restrittivo non ha comportato una cura geografica. Questo adolescente non è stato improvvisamente trasformato in un angelo. I suoi parenti che conoscevano meglio Tom lo trovavano ancora subdolo, abrasivo e testardo. Ma le sue opportunità di commettere reati e farla franca sono state drasticamente ridotte perché, alla fine, la gente sapeva di tenerlo d'occhio.

Funziona dall'altra parte Gli uomini che diventano criminali in carriera hanno commesso principalmente reati minori nelle piccole città in cui sono stati allevati. La loro criminalità sembrava esplodere quando si trasferirono in città e furono da soli. Trovarono facilmente altri che condividevano i loro interessi e insegnarono loro le lezioni che erano desiderosi di imparare. Trasferirsi in città e unirsi a un elemento criminale non li ha trasformati in qualcosa che prima non erano. Il loro passaggio ai centri urbani ha portato alla luce ciò che già risiedeva in loro.

Un sindaco della città intensifica la presenza della polizia per migliorare la sicurezza pubblica in una zona commerciale del centro. La parola esce e, almeno temporaneamente, i crimini cadono. I criminali non cambiano le loro personalità e diventano improvvisamente rispettosi della legge. Spostano le loro operazioni in aree in cui la sicurezza è inferiore.

Alcuni paesi hanno regimi totalitari che infliggono severe punizioni per reati penali. Pertanto, i loro tassi di criminalità sembrano essere bassi. Quando questi governi cadono, c'è un vuoto di potere in cui i criminali prosperano. La fine dell'Unione Sovietica e il rovesciamento di Saddam Hussein in Iraq non sono che due esempi.

In breve, imponendo più o meno deterrenza, l'ambiente può offrire maggiori o minori opportunità per il crimine di prosperare.

Alcune persone commetteranno crimini, non importa dove siano. Ma per gli altri, l'ambiente può avere un impatto deterrente significativo. I governi cercano costantemente di trovare un equilibrio. Offrire una maggiore libertà consente ai loro cittadini di scegliere tra un'abbondanza di stili di vita. Tuttavia, il criminale è pronto a sfruttare quella stessa libertà per depredare e vittimizzare gli altri.

Solutions Collecting From Web of "L'ambiente e deterrenza della criminalità"