L'Altruist dell'aeroporto di Newark

Geralt / Pixabay
Fonte: Geralt / Pixabay

Quindi, ecco lo scenario da incubo in cui mi sono ritrovato: dopo circa 10 ore di viaggio da Halifax, bellissimo ma lontano, all'Aeroporto di Newark (90 minuti ancora a sud di casa), mia figlia ed io, esausti e affamati, siamo a una cena 30 minuti a nord dell'aeroporto. Siamo appena tornati dal 10 ° incontro annuale della Società di psicologia evolutiva di NorthEastern (NEEPS – è stato fantastico!) E non vedevamo l'ora di essere a casa. Suona il mio cellulare: è un numero chiamato Halifax. Hmm …

Glenn: "Ciao?"

Bella signora canadese: "Ciao signore, sto chiamando dall'Hotel SuchandSuch in cui sei stata ospite."

Glenn: "Ho lasciato qualcosa lì?"

Bella signora canadese: "Non proprio. Ho appena ricevuto una telefonata dall'Autorità Portuale di New York e New Jersey su di te. "

(dopo aver ascoltato questa meravigliosa affermazione, sono sicuro che ora sono ricercato oltre i confini internazionali per qualche motivo … e che le cose stanno per andare a sud per me in tutti i modi … anche se, ovviamente, non ho fatto nulla sbagliato (o almeno, niente di male!))

Glenn: "Oh?"

Bella signora canadese: "Un uomo dell'aeroporto ha chiamato. A quanto pare hai lasciato una borsa con un computer, un iPad e molti altri oggetti sul bus di parcheggio economico. "

(Che cosa ha appena detto ??? Questo era peggio di quanto avessi temuto! )

Glenn: "Oh?"

Bella signora canadese: "La tiene per te per l'aeroporto e mi ha dato il suo numero di telefono da darti in modo che tu possa ritirarlo a tuo piacimento".

Glenn: "Mi dispiace, puoi ripetere? …”

Storia vera! Ora concesso, questo ragazzo, Billy, lavora per l'aeroporto e immagino che aiutarlo con questo tipo di compito fosse una specie del suo lavoro – ma ancora! Vuoi sapere cosa sarebbe successo nella mezz'ora da quando ho lasciato l'aeroporto? Si scopre che ho avuto zero informazioni identificative in quella borsa. Avevo solo un biglietto da visita da un tassista di Halifax in quella borsa. Quindi Billy deve aver chiamato quel numero – ha chiesto se l'autista ha lavorato di recente con un New Yorker – ha trovato l'hotel che ha ospitato il New Yorker – li ha chiamati – e li ha fatti capire come hanno fatto – e poi mi ha chiamato per prendermi il telefono di Billy numero. Quando mai le cose funzionano così in questi giorni? Questa è, ovviamente, una situazione che si avvicina allo stato di miracolo!

Quindi chiamo Billy. Prende subito. Spiega che ha le mie cose e sarà lì "fino alle 4:00" quindi non c'era bisogno di tornare all'aeroporto. Io e mia figlia finiamo il pasto, torniamo all'aeroporto, troviamo subito Billy (che è il più utile nella storia del North Jersey), prendi le mie cose e dirigiti a nord. Ovviamente l'ho appena abbracciato nel frattempo. Incredibile – Avevo sempre pensato che se avessi mai lasciato qualcosa di importante in un posto come Newark Airport – in particolare qualsiasi cosa con valore, sarebbe stato come farlo cadere in un bidone della spazzatura. In realtà, non necessariamente!

L'aiuto degli estranei

Il comportamento prosociale è un'area centrale studiata dagli psicologi evolutivi (vedi il mio breve libro di testo sull'argomento, Psicologia evolutiva 101, per un'introduzione dettagliata a quest'area). L'aiuto degli altri a un costo per se stessi (cioè "altruismo") è particolarmente interessante da una prospettiva evolutiva perché il tempo e l'energia impiegati per aiutare un altro è il tempo e l'energia che viene tolto dai propri imperativi darwiniani di sopravvivenza e riproduzione. Quindi gli evoluzionisti sono veramente interessati a capire questo tipo di cose!

Molte ricerche si sono concentrate sull'assistenza di parenti (si veda Hamilton, 1964) o sull'aiuto di altri che potrebbero ricambiare (See Trivers, 1971) – ma l'aiuto di estranei sembra essere particolarmente difficile da comprendere da una prospettiva evoluzionistica.

Un modo in cui possiamo comprendere l'aiuto disinteressato degli estranei riguarda la segnalazione (vedi Miller, 2000). Quando aiutiamo gli estranei, altri prendono nota. Nei nostri mondi sociali non sempre perfetti, cerchiamo gli altruisti come alleati, amici e persino come compagni. I veri altruisti sono i migliori partner sociali per noi e trovare gli altri che mostrano segni distintivi di tale personaggio ci distinguono davvero. Qualcuno che va fuori strada per (a) non rubare il computer, (b) cercare un numero di contatto in modo da aiutare, (c) chiama un numero per inseguire un altro numero, ecc … wow! Non avevo mai incontrato Billy di Newark prima, ma ora penso che se vivesse nella mia città, penso che vorrei che fosse il mio migliore amico! E, secondo Miller, questo è esattamente il tipo di risposta che segue dall'osservazione dell'aiuto degli estranei – questa è, in sostanza, la funzione evolutiva di tali atti.

Linea di fondo

Impariamo molto dalle azioni delle persone in situazioni che richiedono l'aiuto degli altri. Scelgono di aiutare? L'aiuto è modulato dalla natura dell'obiettivo dell'aiuto (è il potenziale aiutante più propenso ad aiutare la famiglia che gli amici – o ad aiutare gli amici che gli estranei, per esempio). Il cospicuo aiuto degli estranei è una specie di supremazia nell'altruismo negli umani. E segnala una tonnellata di informazioni positive sull'assistente. Billy di Newark, non credo che sarò in grado di offrirti di comprarti una birra in qualsiasi momento presto visto che vivi troppo lontano – ma puoi scommettere che sto per presentare un commento sul tuo lavoro a la pagina del servizio clienti per il tuo datore di lavoro. E in una vera forma moralistica sociale umana – ti ringrazio – sinceramente – ed eternamente! Se hai mai bisogno di qualcosa da questo altruista reciproco, dì solo la parola!

(E sì, questo blog è stato scritto sul computer che, poche ore fa, è stato abbandonato da un viaggiatore un po 'stanco e distratto sull'autobus del parcheggio economico all'aeroporto di Newark).

Riferimenti

Geher, G. (2014). Psicologia evolutiva 101. New York: Springer.

Hamilton WD (1964). "L'evoluzione genetica del comportamento sociale. IO". J. Theor. Biol. 7, 1-16.

Miller GF (2000). La mente dell'accoppiamento: come la scelta sessuale ha modellato l'evoluzione della natura umana. Londra, Heineman.

Trivers, RL (1971). L'evoluzione dell'altruismo reciproco. Revisione trimestrale di biologia, 46, 35-57.

Solutions Collecting From Web of "L'Altruist dell'aeroporto di Newark"