L'altruismo può andare troppo lontano?

Perché alcune persone diventano "persone che fanno il bene estremo", disposte a sacrificare il loro conforto, tempo e denaro per aiutare gli altri? "Non si tratta solo di sacrificio", dice Larissa MacFarquhar che ha intervistato dozzine di questi eroi non celebrati nel suo nuovo libro, Strangers Drowning: Grappling with Impossible Idealism, Drastic Choices, e Overpowering Urge to Help . "Acquisiscono un profondo senso dello scopo, la sensazione che vivano la vita come dovrebbero, che stanno facendo la cosa giusta, e questa è una sensazione meravigliosa." Ecco di più da MacFarquhar:

Jennifer Haupt: Ciò che distingue i donatori estremi, quelli che cercano sempre di fare di più per gli altri?

Fonte: Phillip Gourevitch

Larissa MacFarquhar: Una cosa che li contraddistingue è la loro volontà di ignorare le convenzioni. Sono persone moralmente appassionate, implacabili e incredibilmente testarde: inventano vite che non hanno molto senso per chi le circonda. Per esempio, una coppia di "Strangers Drowning", Sue e Hector Badeau, adottò venti bambini con bisogni speciali. Alcune persone pensavano di essere santi, ma altri pensavano che fossero presuntuosi per immaginare di poter essere buoni genitori per così tanti, e altri ancora pensavano che fossero pazzi per scegliere quel tipo di vita. Hanno ignorato tutto ciò. Per di più, per gran parte della loro vita, Sue andò a lavorare e guadagnò i soldi, mentre Ettore rimase a casa e cambiò i pannolini e preparò i pranzi. Questi ruoli erano adatti a loro, e non gli importava se apparivano strani agli estranei.

I donatori hanno un tale senso del dovere e dello scopo che si preoccupano poco delle norme sociali, ma per la maggior parte di noi, le convenzioni e le aspettative giocano un ruolo enorme nel modo in cui viviamo. Parte del motivo per cui non diamo di più è che non ci si aspetta che lo faccia. Ma queste aspettative possono cambiare enormemente, e molto velocemente, in determinate circostanze, e quindi anche cambiamenti di comportamento. In una crisi, come un uragano o una guerra, improvvisamente le persone percepiscono che molto di più è richiesto da loro, e la maggior parte salgono all'occasione. Mentre in tempi normali, si potrebbe pensare che sia oltraggioso chiederti di sacrificare la tua vita per una causa più grande, in tempo di guerra è un luogo comune, e molti lo fanno. Questa è un'altra differenza tra chi fa il bene e il resto di noi: per chi fa del bene è sempre tempo di guerra. Sanno che ci sono sempre persone bisognose, e sentono l'urgenza e il peso di quel bisogno, anche quando è lontano, e le persone che soffrono sono persone con cui non hanno nulla in comune e di cui non sapranno mai il nome.

JH: Che cosa hai imparato che ti ha sorpreso – forse era anche un po 'inquietante – quando intervisti questi "estremi" donatori?

LM: Una cosa che mi preoccupava dei bravi sostenitori era la misura in cui erano disposti a mettere in gioco non solo la loro felicità ma anche quella della loro famiglia per aiutare gli estranei. Baba Amte, ad esempio, fondò una comunità di pazienti affetti da lebbra nel deserto dell'India, alla fine degli anni '50. Lui e sua moglie portarono con sé i loro due figli maschi e diversi cani, per proteggersi dagli animali selvaggi. Ognuno dei cani fu portato via e mangiato dalle tigri; i due bambini umani sopravvissero, ma cosa sarebbe successo se non l'avessero fatto? I due ragazzi non hanno preso la lebbra, ma avrebbero potuto farlo. Questo è il livello di rischio che un do-gooder impegnato è disposto a prendere, e può essere spaventoso.

La maggior parte di noi vuole dare alle nostre famiglie il più possibile. Non solo vogliamo farlo, crediamo che sia la cosa giusta da fare. I donatori amano le loro famiglie come chiunque altro, ma non credono sia giusto dare loro tutto ciò che hanno – tutto il loro tempo, i loro soldi, le loro cure e le attenzioni – con l'esclusione di estranei il cui bisogno è maggiore. Questa, penso, è la differenza più profonda tra i do-gooders e il resto di noi. Naturalmente ci sono dei piccoli motivi per cui la maggior parte della gente non dà di più: siamo egoisti, siamo pigri, siamo convenzionali e tutto il resto. Ma c'è anche questa spinta profondamente umana a dare tutto alla tua famiglia, al tuo popolo, e questo è molto più difficile da superare, anche se lo volessimo.

JH: Esiste qualcosa come dare troppo?

LM: Sono stato in metropolitana l'altro giorno e ho visto che Con Edison aveva lanciato una campagna di manifesti per convincere la gente a usare meno elettricità; lo slogan sui manifesti era "Tutto ciò che conta". E pensavo che fosse solo uno slogan terribile, una formula per la follia!

Essere un dongiovanni di successo che mantiene il suo impegno nel lungo periodo piuttosto che bruciare o guidare se stesso completamente pazzo, richiede dei limiti. Una donna di cui scrissi, Julia Wise, si sentiva piuttosto sopraffatta dal bisogno del mondo. Lo sentiva così acutamente che spendere anche piccole somme di denaro su di sé – quattro dollari su una mela candita, ad esempio – le sembrava un orribile egoismo.

Per anni Wise non poteva giustificare l'avere figli, anche se li voleva perché avrebbe significato che avrebbe dato meno soldi a opere di beneficenza mediche salvavita. I suoi stessi figli avrebbero, in effetti, ucciso i figli di altre persone. Ma sapeva anche che doveva trovare un sistema di parametri morali che potesse soddisfare il suo senso del dovere e impedirle di perdere la testa, e alla fine lo fece. (Ora ha due figli e ne è molto felice.) Fare questo è stato incredibilmente importante, perché il senso di panico travolgente per il bisogno del mondo può essere paralizzante e può portare a una persona che fa di meno, piuttosto che di più.

J H : Qual è l'unica cosa vera dell'altruismo che hai imparato a scrivere questo libro?

LM: Molte persone sembrano pensare che i buoni siano semplici e noiosi; altri pensano il contrario, cioè i buoni sono in qualche modo contorti e stravaganti, per abbracciare questi principi estremi. Quando stavo lavorando a questo libro, molte persone mi dicevano: "Sono tutti malati di mente, giusto?" Mi rendeva triste quando l'ho sentito, perché penso che ci sia una bellezza straordinaria per questi strenuamente morali vite – una bellezza che è stata oscurata e dimenticata a causa di tutte le nozioni errate e i pregiudizi sui buoni.

Se c'è una cosa che spero che Strangers Drowning trasmetta, è che una vita dedicata a prendersi cura degli estranei può essere tanto umanamente complessa, incredibilmente difficile, e tanto elettrizzante quanto una vita dedicata all'arte, all'atletica o qualsiasi altra cosa sorta di sforzo umano verso un obiettivo difficile e degno.

Larissa MacFarquhar è stata scrittrice di The New Yorker dal 1998. Tra i suoi soggetti figurano John Ashbery, Barack Obama e Noam Chomsky, tra gli altri. Precedentemente è stata redattrice senior di Lingua Franca e redattrice di consulenti presso The Paris Review . Strangers Drowning è il suo primo libro. Vive a New York.

Solutions Collecting From Web of "L'altruismo può andare troppo lontano?"