Laird Hamilton e l'arte del surf

Laird Hamilton è considerato da molti il ​​più grande surfista di tutti i tempi e uno dei più grandi atleti del mondo.

Laird Hamilton, used with permission
Fonte: Laird Hamilton, usato con permesso

È noto per il "big wave riding", in particolare il suo 17 agosto 2000, in "Millennium Wave" a Teahupoo, Tahiti, che è considerata la più grande ondata di sempre. È anche accreditato per aver contribuito a inventare una forma poco ortodossa di surf chiamata "tow-in surfing", che consente a un veicolo acquatico di trainare qualcuno in onde grandi, in modo che possano guadagnare abbastanza velocità per cavalcarlo.

Quindi potrebbe essere una sorpresa per molti che Hamilton abbia deciso di smettere di partecipare alle competizioni di surf.

Ma questa sorpresa smentirebbe un fondamentale fraintendimento su Hamilton perché, per lui, il surf è sempre stato molto più un'arte, un processo creativo per il quale la motivazione è intrinseca, piuttosto che uno sport dettato da una ricompensa esterna. In effetti, Hamilton sentiva che la concorrenza stava effettivamente sminuendo i suoi progressi. E guardando il suo approccio all'arte del surf, possiamo capire come la propria spinta interna, supportata da anni di duro lavoro, possa aiutare chiunque a raggiungere i propri obiettivi e i propri sogni.

La motivazione intrinseca può essere definita come la spinta che proviene dall'interno di una persona e la soddisfazione derivante dall'attività, che è determinata da ricompense interne piuttosto che esterne. C'è una lunga storia di ricerca che suggerisce che livelli più elevati di motivazione intrinseca sono associati ad una maggiore creatività. Inoltre, la ricerca suggerisce che la motivazione intrinseca è un fattore chiave nella previsione di comportamenti salutari come l'aderenza ai regimi di esercizio.

Hamilton descrive la sensazione come un profondo senso di pulsione interiore che ha avuto per tutto il tempo che riesce a ricordare. "Ho qualcosa in me. L'ho avuto in me da quando ero piccola ", mi ha detto. "Non accetto le cose solo perché è così che viene fatto. Ho un bisogno e una voglia dentro di me di fare cose. In definitiva, la mia ricerca nel tentativo di cavalcare le onde giganti o il mio desiderio di essere innovativo; è davvero per me. "

Per Hamilton, la sua capacità di trovare la motivazione intrinseca si è sviluppata in tandem con un chiaro senso dello scopo. Ha descritto la ricerca di un senso di scopo come "[indovinando ciò che ti porta una sensazione di realizzazione" e come questa sia una parte importante della contentezza. Hamilton fa riferimento al film The Jerk, sulla ricerca del suo "scopo speciale".

"Penso di essere stato fortunato in un'età molto giovane a trovare" il mio scopo speciale ", che alla fine era essere nell'oceano e cavalcare le onde", ha detto Hamilton.

La ricerca suggerisce che le persone che hanno un senso dello scopo più chiaro e definito vivono più a lungo. Parte della spiegazione è che ci sentiamo meglio e siamo più motivati ​​a impegnarci in comportamenti sani e produttivi se sentiamo che la nostra vita ha significato e direzione.

Durante la nostra discussione sulla pulsione intrinseca e lo scopo, Hamilton ha rapidamente collegato il ruolo della dedizione e del duro lavoro nel suo approccio al raggiungimento dei suoi obiettivi. "Credo che ci sia una formula per il successo e una formula per il successo. Nel processo formativo del conseguimento, ti prepari. È tutta questa preparazione, il duro lavoro, l'apprendimento, il successo e il fallimento, ti riprendi e lo fai di nuovo. E poi nel tempo raggiungi qualunque cosa tu voglia raggiungere. E ogni volta che c'è una nuova situazione, ripeti quella formula finché non diventi abile e finché non diventa una nuova abilità. "

E il fallimento fa parte del percorso verso il successo. Hamilton ha spiegato, "Non ti scoraggi come hai fatto le prime 100 volte che hai fallito. Perché sei abituato a fallire e poi a raggiungere. La ferita è un grande insegnante. Ti fai male e ti chiedi: 'Questa gamba sarà sempre la stessa? Sarò in grado di fare ciò che faccio? ' E poi stai meglio, riabilisci e la tua gamba è più forte di [mai stata]. Poi la prossima volta che ti fai male è peggio di quanto tu abbia mai fatto male e poi torni più forte di quanto tu non sia mai stato. "

Ciò che Hamilton sta descrivendo potrebbe essere considerato sia la coscienziosità, l'attenzione continua sugli obiettivi che ritardano la gratificazione, o forse la grinta, che è la tenacia e la tolleranza di sofferenza necessarie per gestire il dolore e la sofferenza che si sperimentano spesso nel perseguire obiettivi. È stato dimostrato che la coscienziosità predice comportamenti sani, come l'esercizio fisico e una maggiore longevità, e la grinta è stata collegata al miglioramento delle prestazioni scolastiche.

Nel descrivere l'importanza della tolleranza al dolore, Hamilton ha detto: "Quello che puoi sopportare è quello che puoi ottenere. Quindi, nella capacità di ottenere grandi risultati, c'è una grande sofferenza. E non c'è davvero alcun modo per aggirare questo. Prendendo quello che può essere descritto come un approccio "basato sull'accettazione" per l'angoscia e la tolleranza al dolore, Hamilton conclude che "quello che impari è che ci soccombe. E poi alla fine di soccombere, finisci per scoprire che non è così male come pensavi. L'oceano è un grande maestro di questo. È implacabile nella sua disciplina. Non si ferma quando gli chiedi di fermarti e non puoi fuggire da esso quando ci sei dentro. "

Mentre Hamilton vede la strada verso il successo come iniziare con uno scopo e sognare in grande, una chiave per lui è essere realistici riguardo ai propri sforzi. "Mentirei se dicessi che quando ero un bambino non ho detto che volevo essere il più grande surfista che sia mai vissuto perché devi avere quei sogni, giusto? E devi credere che puoi fare l'impossibile per avere una possibilità di fare il possibile. Ma all'interno di questo è ancora l'attesa realistica lungo la strada. Quindi, se salti da una scogliera di 90 piedi, penso di poter saltare giù da una scogliera di 100 piedi. E poi attraverso quel processo inizi a guadagnare fiducia. Inizi a coltivare quell'abilità. E col passare del tempo, le cose che pensavo non potessi fare diventavano più realistiche. "

Può sembrare sorprendente per qualcuno che tenta di parlare di fatti considerati irraggiungibili in termini di realismo. Ma Hamilton ritiene che le sue alte aspirazioni siano meglio comprese nel contesto dei suoi anni di pratica e sviluppo. "Quando ho deciso di cavalcare l'onda più grande del mondo, sono stato allevato anche nella spiaggia più aggressiva del mondo. Ho imparato a nuotare alle tre e ho avuto la mia tavola da surf alle cinque e, quando hai 25 anni, fai surf da 20 anni. Quindi, quando ho deciso di fare qualcosa che sembra impossibile, da dove vengo e dove sto camminando, guardo ogni singolo gradino sulla via verso la cima della montagna, non solo per il tiro di me al in alto, dove qualcuno dice: "Bene, quanto è realistico? Hai guardato in cima alla montagna e sei andato là. " Non erano con me per ogni singolo passo lungo la strada e durante i momenti scoraggianti nel processo ", ha detto.

Mentre Hamilton cercava più obiettivi "impossibili" nel surf, spiega che non era guidato dalla competizione. "Il mio desiderio di cavalcare le onde giganti è puramente estraneo al mio desiderio per me, e non perché voglio farlo più di qualche altro ragazzo. Riconosce che molte persone sono motivate dalla competizione e fa riferimento a una citazione di Ayn Rand: "Un uomo creativo è motivato dal desiderio di raggiungere, non dal desiderio di battere gli altri." Hamilton ha detto: "Una persona creativa ottiene il successo attraverso la realizzazione e una persona competitiva ottiene il successo battendo gli altri. E quelli sono due cose diverse. "

La decisione di Hamilton di smettere di partecipare alle competizioni di surf è sensata alla luce del fatto che in alcuni casi in cui qualcuno è investito in una particolare attività, la ricompensa esterna può effettivamente minare la motivazione intrinseca. La ricerca suggerisce che per coloro che sperimentano la motivazione intrinseca di impegnarsi in un compito, la presentazione di una ricompensa esterna potrebbe effettivamente minare questo sforzo.

Hamilton ritiene anche che l'attenzione al confronto sociale possa aver ostacolato i suoi obiettivi. La ricerca suggerisce che le persone che fanno frequenti confronti sociali spesso tendono a provare emozioni negative.

"Normalmente non uso altre persone per capire dove mi trovo." Hamilton ha parlato di come farlo possa portarti alla delusione: "Mi sono sempre preso la responsabilità del risultato su di me … e, garantito, ci sono alcuni situazioni in cui non è completamente sotto il tuo controllo. Ma alla fine quello che è nel tuo controllo è come ti senti al riguardo. E alla fine della giornata, quando metti la testa sul cuscino, se senti un senso di realizzazione, allora è facile ricostruirlo. "

"E poi, inevitabilmente, stai facendo queste cose miracolose che altre persone non stanno facendo o non hanno fatto prima perché non l'hai mai usato come parte dell'equazione", ha detto. "Non si trattava mai di" Oh, nessuno l'ha mai fatto, quindi ho intenzione di fare questa cosa che nessuno ha fatto ". Non è mai stato per quello. Stava sempre a te che cercavi di capire come sentirti realizzato e fare le cose che volevi fare. "

In effetti, Hamilton ha scoperto che i supposti premi estrinseci della concorrenza sono una distrazione al punto di essere una seccatura. "È una seccatura completa. E sono stato abbastanza fortunato da identificarlo ", ha spiegato. "Vado, 'Sì, non ne vale la pena.' Non mi sta avvicinando. Non è che, se avessi vinto, sarei tipo "Wow, ho raggiunto il mio obiettivo" perché non era il mio obiettivo all'inizio ".

Per essere chiari, non è che Hamilton ignori la concorrenza. "Non voglio solo fingere di essere solo un artista. Perché alla fine, penso che ci sia un lato competitivo di me. E uno dei miei termini preferiti è "La vittoria attraverso l'attrito". Ho sempre amato questo concetto. E quando ero giovane, qualcuno avrebbe voluto essere competitivo, o avrebbero voluto combattere. E vorrei dire, 'No, andiamo a una scogliera, e inizieremo a saltare. E quando arriviamo a un punto in cui non salterai, e lo farò, beh, questo significa che vinco. Questa è una definizione molto definita di competitività. Che è che sono disposto a sopportare di più, andare oltre, saltare più in alto, durare più a lungo, qualunque cosa sia, al punto in cui sei solo – l'ultimo in piedi. E poi non c'è davvero nessuna domanda. Come il tempo, è una posizione di realizzazione molto chiara ", ha affermato.

Hamilton ha poi continuato a parlare del libro, Natural Born Heroes di Christopher McDougal e del concetto di come la competizione sia in definitiva intrattenimento. "Nella nostra evoluzione come specie, ci siamo intrattenuti l'un l'altro solo negli ultimi 10.000 anni, quando eravamo abbastanza abbondanti e siamo sopravvissuti all'evoluzione abbastanza da poter essere abbastanza a nostro agio da poter divertirci".

Hamilton ha descritto come la competizione interferisca anche con il supporto sociale e la cooperazione che possono essere sviluppati lavorando insieme, piuttosto che l'uno contro l'altro. "Ma eravamo molto più tempo prima. Dovevamo avere un cameratismo, dovevamo avere compassione. Non ci siamo battuti fino al punto in cui avremmo postulato e dettato gli obiettivi. Ci serviva l'un l'altro per sopravvivere. E da ciò deriva l'intero concetto di sollevarsi l'un l'altro e fare in modo che tutti facciano il meglio che possono fare, perché tutti coloro che hanno avuto successo e il loro raggiungimento sono nell'interesse della specie. Solo quando siamo diventati troppi, e siamo diventati troppo a nostro agio e annoiati a causa dell'ambiente, non c'era abbastanza resistenza e ostilità contro di noi per lavorare insieme, poi abbiamo creato intrattenimento e competizione, e tutto questo altro roba che ha generato queste cose che in realtà non erano così naturali per noi. "

Hamilton non è solo nel suo approccio alla sua arte come arte, piuttosto che come sport o merce. Forse non ironicamente, questo è un problema che è stato discusso dall'amico e partner di Hamilton in un episodio della serie "Iconoclast" di Sundance Channel, il musicista Eddie Vedder della band Pearl Jam.

A prima vista, potrebbe sembrare che l'abbinamento sia stato fatto grazie alla prominenza di Vedder nella musica e all'amore per il surf, in combinazione con la preminenza di Hamilton nel surf e l'amore per la musica. Ma uno sguardo più attento rivela una connessione più profonda tra i due. Più di due decenni fa, Vedder era molto esplicito sulla sua convinzione che la musica fosse una forma d'arte e il suo disgusto per giudicare l'arte, che egli considera accuratamente come interpretazione soggettiva e parziale. Vedder e Pearl Jam hanno spesso discusso la tensione tra la loro musica come forma d'arte e come merce. Infatti, è stato suggerito che abbiano chiamato il loro album "Vs." per commentare questo tema, prendendo in giro la concorrenza del loro secondo album non solo per il successo del loro primo album, ma anche per l'album dei Nirvana "In Utero".

Hamilton ha spiegato la sua relazione con Vedder: "Eddie Vedder ed io, ad esempio, abbiamo un certo spirito affine nei nostri confronti. Quello che ho trovato è che ho più cose in comune con certe persone a certi livelli di successo in campi diversi rispetto a quello che faccio con altre persone che fanno quello che faccio. La gente dice: "Oh, sei un surfista. Devi essere amico di questo surfista e sapere che surfista 'e davvero il 99% dei surfisti a cui non mi riferisco. Perché alla fine … sono un contrarian. Quando sei un contrarian, hai più cose in comune con altri contrarian che non necessariamente con persone che fanno ciò che fai ".

In effetti, Hamilton ha provato molto del suo disgusto per il lato commerciale della sua arte, e ha visto come ha interferito con i suoi rapporti durante le riprese di "Iconoclasts".

"Ad un certo punto, ricordo che stavamo filmando tutto quello che facevamo. Stavamo girando ogni sessione di surf e ho iniziato a risentirlo davvero. Perché sentivo che era una distrazione dall'arte. Ora sono le riprese dell'arte e non solo l'arte. E stava iniziando a raggiungermi perché sentivo che mi distraeva davvero dalla concentrazione pura di ciò che stavamo facendo. E quindi desideravo un giorno speciale in cui non avessimo filmato. E l'ironia è stata che il prossimo inverno abbiamo finito per avere il giorno più importante che abbiamo fatto surf ed era semplicemente troppo grande per portare qualcuno fuori. E quattro di noi uscirono e cavalcarono l'onda più grande che avessimo mai visto o surfato. E sono state le onde più grandi di quelle che abbiamo visto qualcun altro navigare così lontano ", ha detto.

"Ma non c'erano fotografie di esso. E in un certo senso è stata una grande emozione per me, e questo mi porta gioia oggi che ce l'ho nella mia tasca. Solo perché non abbiamo filmati e solo perché la gente non l'ha scrutinato e solo perché qualcuno non ha detto che hai cavalcato l'onda più grande e solo perché non c'è il libro dei Guinness e non abbiamo ottenuto il colpo, non questo significa che non è successo? Oh, no, è successo, è reale, e non lo dimenticheremo mai, e ce l'abbiamo con noi. E in un certo senso, è quasi l'arte più vera. Come quei monaci tibetani che fanno quei castelli d'arte con la sabbia colorata. Passano un mese a farlo e soffiano via un giorno. In un certo senso è quasi così. "

"Ora vivo ancora in un mondo in cui ho ipoteche e conti da pagare e Eddie Vedder ha ancora delle band che devono guadagnarsi da vivere. La tua arte non può essere solo per te e per la sua purezza. C'è qualcosa che tu sacrifichi nel catturarlo, nella sua presentazione, nel suo scrutinio e nel suo pubblico. C'è qualcosa che ti perdi. Ma c'è un equilibrio in cui puoi rimanere fedele alla tua arte ed essere ancora là fuori a fare cose. Perché alla fine il dipinto che nessuno vede nell'armadio non lo rende meno incredibile. E il fatto che le persone lo vedano non lo rende meno incredibile ", ha spiegato Hamilton.

Mentre Hamilton continua a lavorare per il suo senso dello scopo, sta scoprendo che questo problema emerge mentre è genitore di moglie, l'ex olimpionica, Gabrielle Reece.

La gente chiede loro se i loro figli navigano o se la loro figlia giocherà a pallavolo e Hamilton dice: "Prima di tutto, se potessi sollevare un contenuto umano, mi sentirei come se avessi adempiuto il mio lavoro di genitore eccezionale. Se guardi, non ci sono davvero molti altri umani. E probabilmente ho imparato a diventare più contento nel tempo. "

"Voglio che i miei figli trovino il loro scopo speciale. E hanno bisogno di trovare ciò che li porta ad adempiere ".

Hamilton pone l'accento sull'introduzione dei propri figli a molte opportunità che potrebbero catturare l'interesse e l'attenzione dei bambini. "Si tratta di esposizione. Prima di tutto, li espongo a me facendo ciò che faccio e ciò che mi porta … Vedono le prove e le tribolazioni e i sentimenti di realizzazione, la gioia, l'agonia e tutte quelle cose che vengono con quello che faccio e ciò che faccio 'ho fatto."

"In questo momento, mia figlia dice: 'Papà fa surf. Non voglio navigare. ' Bene, non c'è pressione. Ma ti piace l'oceano? Ti piace il boogie-boarding? Cosa ti piace fare? Sono su veicoli motorizzati di tutti i tipi. Cavalcano. Sono in jiu jitsu. Sparano pistole. Sparano arco e frecce. Vai alla lezione di danza, arte. Stiamo solo creando l'opportunità di avere un'incredibile esposizione in tutte queste aree per trovare forse qualcosa … e loro dicono, 'Wow, identifico [con] ciò che lo porta. Quindi forse posso identificare qualcosa in cui mi sta portando una cosa simile. '"

Per essere sicuro, Hamilton ritiene che i suoi figli dovrebbero applicare le stesse regole di dedizione, duro lavoro e pratica che ha nella sua ricerca. Ha descritto: "Non c'è un modo semplice per aggirarlo. Vuoi diventare più forte, devi lavorare finché non sei dolorante. Vuoi andare più lontano, dovrai cavalcare finché non ti senti male. Nel processo di apprendimento, ci saranno molti dolori e dolori. E più ti senti a tuo agio in quello stato e il miglior rapporto che hai con quello, più facile è. E poi molto presto, sei tipo, 'Beh, questa è solo una parte del processo.' "

Oltre ad aiutare i suoi figli, Hamilton gode del processo di aiutare gli altri attraverso questo processo. "Trovo che ora nel tempo ciò che mi piace davvero è aiutare gli altri a realizzare cose che pensavano di non poter fare. Mi aiuta nel mio processo di farlo da solo. È di nuovo conferma del processo. E in qualche modo è nel miglioramento di tutti. Alla fine, vinciamo tutti, perché abbiamo alzato il livello del bar, ovunque si trovi. E non stiamo usando l'altra persona come riferimento per dove si trova la barra. Stai usando il tuo bar. "

E Hamilton non vede l'ora di continuare il suo viaggio, sapendo che continuerà a permettere che la sua motivazione intrinseca e il suo senso di proposito lo portino a un successo continuo.

"E alla fine, è così che puoi mettere la testa sul tuo cuscino e sentire quel risultato."

Michael Friedman, Ph.D., è uno psicologo clinico a Manhattan e membro del comitato consultivo medico di EHE International. Segui Dr. Friedman su Twitter @DrMikeFriedman e EHE @ EHEINT.

Solutions Collecting From Web of "Laird Hamilton e l'arte del surf"