Laicità, religione, Israele, Palestina

La religione causa più danni che benefici? Non sono mai stato in grado di rispondere in modo decisivo a questa domanda.

Da un lato, le comunità religiose possono spesso essere piene di persone gentili e generose che amano il potluck e il bingo. Le persone religiose sono spesso quelle che gestiscono mense, rifugi per senzatetto e altre organizzazioni caritatevoli. La religione è stata spesso una forza positiva dietro il progressivo cambiamento sociale – prendi il movimento per i diritti civili, ma per un breve esempio. I rituali religiosi forniscono tradizioni significative attraverso le generazioni. Le credenze religiose, pur essendo false, spesso forniscono alle persone sofferenti conforto e speranza. E la storia è piena di esempi di beacon morali religiosi – Sophie Scholl viene subito in mente.

D'altra parte, sappiamo che le comunità religiose possono spesso essere bastioni di intolleranza, razzismo, sessismo e omofobia. Le persone religiose sono spesso le più contrarie al progressivo cambiamento sociale e al progresso scientifico. La religione è spesso una forza oppressiva che limita i diritti e le libertà delle persone, aumenta il tribalismo e il frazionismo e mette un gruppo contro l'altro. I rituali religiosi possono spesso essere malsani, restrittivi o barbari – pensate alla circoncisione, per esempio. E le credenze religiose possono anche causare alle persone inutili sensi di colpa, paura, disgusto di sé – per non parlare della falsa speranza. E la storia pullula di esempi di canaglie religiose – Jim Jones, per esempio.

Nonostante sia in grado di avanzare pretese generali sul costo o il beneficio della religione per l'umanità nel lungo corso della storia, ne sono abbastanza certo: quando si parla di conflitti nazionali o etnici, la religione di solito è più simile al cherosene che alla neosporina. Cioè: la religione spesso accresce e infiamma le passioni nazionali e l'orgoglio etnico, rendendo i vari conflitti nel mondo peggiori, piuttosto che migliori. Pensa al conflitto in Bosnia negli anni '90. Pensa al conflitto nell'Irlanda del Nord. Pensa alla faida tra India e Pakistan sul Kashmir. Pensa al genocidio turco degli armeni. Pensa all'olocausto. Pensa al Sudan. In tutti questi, la religione era / è parte integrante del problema.

Con questo in mente, consideriamo l'attuale tragico stato delle cose in Israele e in Palestina. Parliamo di sofferenza, dolore, perdita – con i palestinesi che hanno il peso maggiore di tutti e tre, per essere sicuri.

Solo due settimane fa, alcuni israeliani sono fuggiti sotto la copertura dell'oscurità nel villaggio palestinese di Duma e hanno dato fuoco a una casa dove, all'interno, una famiglia stava dormendo. L'incendio ha ucciso un ragazzo di 18 mesi e suo padre e ha gravemente bruciato la madre e l'altro suo figlio. Questi assassini israeliani erano estremamente religiosi, tra l'altro – come lo sono la maggior parte dei coloni israeliani che continuano a costruire comunità illegali sulla terra palestinese occupata. Per decenni, i palestinesi sono stati indebitamente e illegalmente molestati, picchiati, arrestati, torturati e uccisi dal popolo e dalle politiche di Israele. Certo, molti civili israeliani – compresi i bambini – sono stati anch'essi menomati e uccisi dai terroristi palestinesi nel corso degli anni. E la carta ufficiale di Hamas, l'organizzazione che attualmente governa la striscia di Gaza, sostiene l'uccisione di tutti gli ebrei, ovunque.

È un brutto conflitto.

Ma ecco la cosa: ha una soluzione ovvia. Si chiama una soluzione a due stati. Quando due popoli ostili stanno combattendo per lo stesso pezzo di terra, l'opzione migliore è dividerla, dividerla, dividerla. Lascia che gli israeliani abbiano il loro paese, e lasci che i palestinesi abbiano il loro, e trasformi Gerusalemme – la capitale contestata – in una città internazionale, condivisa e amministrata da entrambi i popoli. Piuttosto basico, no?

Bene, questo dipende. Se sei laico, allora si. Ma se sei religioso, allora no. Israele e palestinesi laici hanno molte più probabilità di sostenere una soluzione a due stati rispetto a religiosi israeliani e palestinesi. In effetti, più un israeliano è laico, più è probabile che lei sostenga i diritti dei palestinesi e desideri porre fine alla sofferenza palestinese. E più un palestinese è laico, più è probabile che accetti il ​​diritto all'esistenza di Israele e si opponga alla violenza contro gli ebrei. Viceversa, più è religioso un israeliano, più è probabile che si opponga ai diritti dei palestinesi e chiuderà un occhio sulle sofferenze palestinesi, e più un palestinese è religioso, più è probabile che disprezzi Israele e sostenga la violenza contro gli ebrei.

In altre parole, le persone religiose non sono i fari morali nel conflitto israelo-palestinese, ma lo sono le persone secolari. Eppure sono le persone secolari che sono spesso dipinte come immorali. E le persone religiose che sono viste come morali. Ma quando si tratta di uccidersi a vicenda, sfidandoci a vicenda e negandosi a vicenda, è il pio in Israele e in Palestina a vincere il premio, a mani basse.

Peccato che le persone religiose di entrambe le parti abbiano molti più figli dei loro pari secolari. I dati demografici non sono di buon auspicio per questo conflitto in corso, che si svolge in Terra Santa, nientemeno. Oh, l'ironia.

Solutions Collecting From Web of "Laicità, religione, Israele, Palestina"