L'aggressività del cane è prevista dai metodi e dalla razza di addestramento

dog canine pet human animal bond aggression postman emotion risk

Uno dei problemi comportamentali più importanti associati ai cani riguarda l'aggressività, soprattutto quando quell'aggressività è diretta verso le persone. Uno studio recente trova una serie di fattori che possono essere utilizzati per prevedere quali cani sono più suscettibili di essere aggressivi e cerca anche di indicare quali sono le situazioni in cui si verifica l'aggressione. Questa ricerca è stata riportata nella rivista Applied Animal Behavior Science di Rachel Casey, Bethany Loftus, Christine Bolster, Gemma Richards ed Emily Blackwell della School of Veterinary Science presso l'Università di Bristol *. Si tratta di un enorme studio, che coinvolge 3897 proprietari di cani dal Regno Unito, e considera un gran numero di variabili differenti che influenzano il rischio che i cani mostrino comportamenti aggressivi. Sebbene molti dei risultati siano interessanti e potenzialmente utili, è probabile che le poche persone, a parte alcuni scienziati dedicati, lo leggeranno mai. Ciò è dovuto alle complesse analisi statistiche che riguardano cose come regressioni logistiche multivariabili, nonché all'assenza di tabelle semplici con medie aritmetiche o percentuali che potrebbero rendere i risultati accessibili a un lettore medio. Tuttavia, poiché alcuni dei risultati sono importanti, cercherò di approfondire alcuni dei punti salienti di questa ricerca per te.

La raccolta dei dati ha coinvolto questionari distribuiti in vari luoghi, tra cui pratiche veterinarie, esposizioni canine, eventi agricoli e equestri, negozi di animali o direttamente alle persone incontrate mentre camminavano con i loro cani. Lo scopo dello studio era di stimare il numero di cani che mostravano aggressività nei confronti delle persone in tre diversi contesti. Il primo coinvolgeva persone non familiari che entravano nella casa del cane, il secondo trattava di incontrare persone sconosciute fuori casa e il terzo coinvolgeva l'aggressione verso i membri della famiglia. Precedenti studi sull'aggressività dei cani sono stati di solito basati su effettivi episodi di morsi di cane, che rappresentano ovviamente il più alto livello di aggressività. Questo studio ha cercato di catturare una più ampia varietà di comportamenti aggressivi, compresi quelli di minore intensità. Così ai proprietari dei cani è stato chiesto se i loro cani hanno mai abbaiato, affondato, ringhiato o tentato di mordere una persona e se questo comportamento è un problema continuo.

La prima scoperta di interesse fu che molti cani mostrarono solo le loro tendenze aggressive in una o nell'altra delle tre situazioni. Ciò contrasta con la percezione comune dell'opinione pubblica secondo cui l'aggressività è una caratteristica della personalità di un individuo e che determinati cani sono sempre "perfettamente sicuri" o sempre "viziosi".

Un'altra scoperta importante è che i tassi di aggressività sono piuttosto bassi. Così, nel corso della vita del cane, solo il 3% circa dei proprietari ha denunciato aggressioni verso i membri della famiglia, il 7% ha riferito di aggressività verso persone non familiari che entrano in casa e il 5% ha riferito di aggressività a persone non familiari quando erano fuori casa. Si tratta di una frequenza notevolmente bassa poiché il criterio con cui i cani sono stati classificati come "aggressivi" o "non aggressivi" in questo studio è stato se i proprietari hanno segnalato comportamenti aggressivi in ​​assoluto. Ciò significa che i cani definiti "aggressivi" includevano quelli che avrebbero potuto ringhiare una volta in una situazione atipica, non solo quelli che mostrano frequentemente un'aggressione severa verso molte persone o in una varietà di situazioni.

Per ora, concentriamoci sui dati sull'aggressione verso le persone non familiari. A causa della quantità di ricerche e preoccupazioni pubbliche associate al problema se alcune razze di cani sono più aggressive di altre (clicca qui o clicca qui per esempi) questi ricercatori hanno affrontato la questione confrontando i tassi di aggressività dei cani di razze conosciute con un campione casuale di cani di razza mista valutati dalla loro indagine. Mentre non c'è spazio qui per esaminare tutte le scoperte dei gruppi di razza e razza, uno è di particolare interesse. Si scopre che alcune razze sono significativamente meno aggressive nei confronti di persone non familiari che entrano nella loro casa e queste includono: Labrador Retriever, Golden Retriever, Cocker Spaniel, Springer Spaniel e altri retriever (inclusi Chesapeake Bay Retrievers, ricci rivestiti, Retriever patinati e Nova Retrievers Scotia Duck Tolling Retrievers). Anche i bassi di aggressione sono stati i Setter (inclusi Setter inglesi, Setter di Gordon, Setter irlandesi e Setter Irlandesi rossi e bianchi). Contrariamente ad altre ricerche che dimostrano che i Pit Bull-Type Terrier sono generalmente più aggressivi, questo non è stato confermato in questa ricerca, d'altra parte un certo numero di altri terrier erano significativamente più bassi nell'aggressione verso le persone rispetto al gruppo di riferimento di razza mista ( inclusi Airedales, Terrier di Terranova, Terrier di Cairn, Terrier di Cesky, Terrier di volpe, Terrier di volpe a pelo duro, Glen of Imaal Terrier, Terrier irlandesi, Norfolk Terrier, Kerry Blue Terrier, Lakeland Terrier, Terrier di Manchester, Welsh Terrier, Terrier di Norwich, Terrier scozzesi e Terrier di Wheaten Soft Coated). Finalmente possiamo aggiungere Boxer alla lista che mostra bassa aggressività verso gli estranei in visita.

In questo particolare set di dati l'aggressività verso le persone sconosciute all'esterno della casa è stata trovata solo per pastori tedeschi e belgi rispetto al gruppo di incroci.

Una scoperta molto interessante riguarda gli effetti positivi delle lezioni di socializzazione dei cuccioli. Secondo questi dati tali classi sembrano conferire un effetto protettivo contro l'aggressività. Frequentare classi di cuccioli in almeno due occasioni prima che il cane avesse 12 settimane di età era associato a un rischio di aggressività 1,4 volte inferiore verso le persone non familiari che entravano in casa e un rischio 1,6 volte ridotto di mostrare aggressività a persone non familiari fuori dalla casa.

Mentre sul tema dell'addestramento cinofilo, una delle scoperte più significative trovate in questa ricerca riguarda l'effetto che il tipo di allenamento ha sul rischio di aggressione del cane. Ci sono stati diversi studi che hanno riportato che le procedure di allenamento basate sulla punizione possono avere conseguenze negative (clicca qui per un esempio). In questo studio i ricercatori hanno definito tali tecniche di allenamento punitivo includendo cose come punizione fisica (colpire il cane), punizione verbale (gridare), collari elettrici o citronella, catene di soffocamento e strappi al guinzaglio, collari a punta, pistole ad acqua, recinzioni elettriche e così via. Tali tecniche punitive sembrano aumentare il rischio di aggressione nei cani. Sono associati a un rischio di aggressione 2,9 volte maggiore ai membri della famiglia e a 2,2 volte maggiore rischio di aggressione verso le persone non familiari al di fuori della famiglia.

Ho solo brevemente toccato alcuni dei risultati di questo studio complesso, tuttavia i dati chiariscono che i metodi di allenamento, la razza e le classi di socializzazione dei cuccioli hanno effetti significativi sul rischio di cani che mostrano comportamenti aggressivi nei confronti delle persone.

Stanley Coren è l'autore di molti libri tra cui: The Wisdom of Dogs; Do Dogs Dream? Nato per Bark; The Modern Dog; Perché i cani hanno i nasi bagnati? The Pawprints of History; Come pensano i cani; How To Speak Dog; Perché amiamo i cani che facciamo; Cosa sanno i cani? L'intelligenza dei cani; Perché il mio cane agisce in questo modo? Capire i cani per i manichini; Ladri del sonno; La sindrome di sinistra

Copyright SC Psychological Enterprises Ltd. Non può essere ristampata o ripubblicata senza autorizzazione

* I dati riportati qui provengono da: Rachel A. Casey, Bethany Loftus, Christine Bolster, Gemma J. Richards, Emily J. Blackwell (2014). Aggressione umana diretta nei cani domestici (Canis familiaris): occorrenza in diversi contesti e fattori di rischio. Scienza del comportamento animale applicato, 152, 52-63

Solutions Collecting From Web of "L'aggressività del cane è prevista dai metodi e dalla razza di addestramento"