L'affermazione: le persone non vogliono l'uguaglianza economica

ID 54404408 © Věra Kontríková | Dreamstime.com
Fonte: ID 54404408 © Věra Kontríková | Dreamstime.com

In un recente saggio sull'Atlantico , lo psicologo di Yale, Paul Bloom, afferma che non vi è alcuna ombra di prove che gli esseri umani (o qualsiasi altra specie) apprezzino naturalmente l'uguaglianza fine a se stessa. Né dovremmo, sostiene, perché non è l'uguaglianza che bramiamo ma l'equità.

Sì, vogliamo l'uguaglianza

Anche se perspicace, questa affermazione è anche fuorviante. Vogliamo e chiediamo l'uguaglianza quando si tratta di diritti, protezione e opportunità previsti dalla legge. Vogliamo che le nostre leggi riflettano il fatto che l'omicidio è omicidio, indipendentemente da chi sia la vittima: giovane, anziana, ricca, povera, peccatrice o santa. In effetti, questo è il messaggio del movimento Black Lives Matter .

Chiediamo uguaglianza anche quando si tratta di essere trattati con dignità e rispetto. Nulla suscita la rabbia come la sensazione di essere trattati come se non contassimo e non importassimo. Questo è un problema con il quale Bloom dovrebbe essere ben conosciuto perché le università si trovano di fronte a proteste sempre più volgari da parte dei loro studenti rispetto a quelle che percepivano come umilianti "micro-aggressioni". Le popolazioni universitarie oggi sono più diversificate di quanto non fossero in passato. I college d'élite ora hanno studenti che hanno affrontato più ingiustizie nei loro 18 anni di quanto la maggior parte dei professori universitari hanno in tutta la loro vita. Come lo descrive Yale Dean Jonathan Holloway:

"Gli studenti, per loro non si tratta di libertà di parola. Non stanno mettendo in discussione i diritti della libertà di parola. Stai ascoltando questo incredibile dolore e frustrazione legato al problema di essere costantemente emarginati, sentendo che il loro modo di parlare e la loro esistenza semplicemente non ha importanza. Ricevono quel messaggio da tutti i tipi di stimoli diversi nella loro vita, sia che si tratti del mondo della cultura pop, sia che stiano imparando in classe, o colleghi che non li valutano e il loro contributo, o colleghi che pensano semplicemente non meritano di essere in questo posto. "

Questi studenti non vogliono solo essere trattati in modo equo dai loro coetanei. Vogliono essere trattati come uguali. Quindi, sì, spesso ci aspettiamo e chiediamo l'uguaglianza.

Sì, siamo disposti a tollerare la disuguaglianza economica, entro i limiti.

Ma ciò di cui Bloom è più preoccupato nel suo saggio è l'enigma della nostra risposta a un particolare tipo di disuguaglianza, in particolare la disuguaglianza economica. È qui che Bloom sostiene che in realtà non vogliamo l'uguaglianza. Come prova, cita la ricerca condotta da Dan Ariely, Duke University, professore di psicologia e economia comportamentale e autore di Predictably Irrational . Ariely ha scoperto che quando viene chiesto alle persone di creare una società perfetta, scelgono una società in cui quelli nella quinta superiore hanno una ricchezza tre volte maggiore di quelli nella quinta inferiore. I risultati sembrano indicare che le persone sono disposte a tollerare (o persino a preferire) la disuguaglianza economica, entro i limiti.

Perché tolleriamo la disuguaglianza economica?

Quindi, perché tolleriamo la disuguaglianza economica quando l'ineguaglianza in altre sfere ci rende così arrabbiati. Una risposta a questa domanda, suggerisce Bloom, si può trovare nel recente libro del filosofo Harry Frankfurt, On Inequality . Francoforte afferma che l'uguaglianza economica non ha valore intrinseco. Un semplice esperimento mentale lo dice chiaramente: immagina un mondo in cui tutti siano ugualmente poveri. Pochi, ritiene Francoforte, preferirebbero quel mondo a quello in cui viviamo adesso.

Francoforte sostiene invece che ciò che le persone contestano sono le cause ingiuste di disuguaglianza economica – disuguaglianza economica che non deriva dal merito ma da fattori al di fuori del controllo, come la classe sociale dei tuoi genitori, il colore della tua pelle o il tuo sesso. Sottolinea inoltre che le persone si preoccupano delle conseguenze della disuguaglianza economica (l'erosione della democrazia e dell'aumento della criminalità) e della sofferenza di coloro che sono disperatamente impoveriti. Siamo preoccupati, dice, non perché alcuni ne abbiano di meno, ma piuttosto perché "quelli con meno hanno troppo poco". Questo morso sonoro perfetto coglie sinteticamente le motivazioni dietro i recenti movimenti per alzare il salario minimo. Gli americani credono che lavorare per una settimana lavorativa di quaranta ore dovrebbe produrre un reddito al di sopra della soglia di povertà, non uno che impone loro di avvalersi dell'assistenza del governo semplicemente per sopravvivere.

Che cosa conta come imparzialità?

Se Francoforte e Bloom sono corretti, quindi, non è la disuguaglianza a preoccuparci ma l'ingiustizia. Ma Bloom fa un ulteriore passo avanti nel sostenere che ciò che le persone considerano giusto spesso non lo è. Quando si parla di equità, gli umani e gli animali non umani mostrano " una motivazione particolarmente forte per non ottenere meno di chiunque altro ". In altre parole, due per te e uno per me sono ingiusti. Ma due per me e uno per te va bene.

Bloom cita alcuni studi che indagano l'equità nelle interazioni e nel comportamento di bambini, animali non umani e individui che vivono in società su piccola scala. Conclude che i loro risultati sembrano supportare questa versione piuttosto equivoca di equità. Ma questa conclusione è troppo semplicistica: uno sguardo più ravvicinato a queste letterature di ricerca piuttosto ampie racconta una storia diversa: l' equità è un concetto complesso che dipende da molti fattori sociali .

Ad esempio, in uno studio recente, i cani hanno deciso se estrarre un vassoio contenente un trattamento per un altro cane. Il cane donatore non ha ricevuto il trattamento, solo il cane ricevente ha fatto. I ricercatori hanno scoperto che i cani donatori hanno tirato volontariamente il vassoio verso un cane familiare, ma spesso hanno rifiutato di tirare il vassoio quando un cane sconosciuto avrebbe beneficiato.

Come spiegarlo? Se agissero per puro altruismo, avrebbero tirato il vassoio ai cani familiari e sconosciuti allo stesso modo. Se fossero motivati ​​unicamente dall'egoismo, non avrebbero tirato il vassoio per nessuno se non per se stessi.

Invece, il loro comportamento è più coerente con la nozione di altruismo reciproco: ti aiuterò se mi aiuti più tardi. I cani hanno imposto un costo su se stessi (tirando il vassoio) a beneficio di un altro cane, ma solo se il cane era familiare a loro, suggerendo, forse, un'aspettativa di scambio futuro di benefici da parte dei cani che pensavano avrebbero rivisto.

Risultati simili sono stati trovati con gli umani. Siamo più generosi verso parenti, amici e persone che consideriamo membri dei nostri gruppi, in gran parte perché sappiamo che ci impegneremo in future transazioni con queste persone. Ma dove le cose diventano veramente interessanti è quando le differenze nello stato percepito entrano in scena.

Quando lo stato superiore rende le persone comportano correttamente o generosamente

Lo stato relativo percepito influisce notevolmente sulla nostra valutazione di equità, e la natura di questo impatto dipende molto da come viene interpretato lo stato relativo. Quando si ritiene che le differenze di status derivino da processi arbitrari (ad esempio, la fortuna dell'estrazione), le persone si comportano in modo equo negli studi delle transazioni economiche. Ad esempio, negli studi in cui a una persona viene dato il controllo completo su come condividere una somma di denaro, il "Dittatore" di solito dà circa il 30% della somma all'altra parte. Quando l'altra parte ha la possibilità di rifiutare l'offerta (nel senso che nessuno ottiene soldi), l'importo offerto è in genere di circa il 50%. Nei giochi ripetuti in cui le persone hanno l'opportunità di imbrogliare, le persone pagheranno effettivamente un premio per punire qualcuno che li ha trattati ingiustamente.

Al contrario, quando le persone credono che lo status si ottiene conferendo benefici agli altri, gli individui di alto rango si comportano generosamente verso individui di rango inferiore: offrono di più, si aspettano di meno e mostrano una maggiore tolleranza verso gli imbrogli. Questo modello è indicato come noblesse oblige .

Per esempio, io e i miei colleghi abbiamo indagato su noblesse oblige in uno studio interculturale di sette paesi che implicava chiedere alla gente quanto fossero disposti a continuare un semplice accordo di carpool quando la parte che avrebbe dovuto pagare il gas avrebbe onorato l'accordo al 100% , 75%, 50% o 25% del tempo. Il problema è che alle parti è stato chiesto di adottare la prospettiva di un datore di lavoro alla guida di un dipendente o viceversa. Abbiamo riscontrato che rispetto ai partecipanti che hanno adottato una prospettiva dipendente, coloro che hanno adottato la prospettiva di un capo erano molto più disposti a continuare l'accordo nonostante una significativa non conformità da parte del loro partner di car pooling, erano più propensi a ritenere di essere stati trattati abbastanza anche quando il dipendente non ha mantenuto la sua parte del patto tutto il tempo, sentiva meno animosità nei confronti dei suoi partner truffatori, e credeva di aver ottenuto l'affare migliore perché sentiva che portavano meno costi e riceveva più valore dall'accordo. I paesi coinvolti erano Australia, Singapore, Canada, Giappone, Inghilterra, Germania e Stati Uniti.

Potresti pensare che questo noblesse oblige possa essere attribuito all'assunzione che il capo abbia fatto più del dipendente. Ma abbiamo trovato lo stesso schema anche quando il dipendente è stato descritto come a fare più del capo a causa di bonus di vendita.

Come attirare l'avidità nelle persone

Ma qui è dove la gomma colpisce davvero la strada: quando il denaro è legato allo status e al prestigio, il lato cattivo della natura umana tende a mostrare il suo volto. Negli studi in cui le persone sono state indotte a ritenere che le classifiche di stato riflettessero i risultati in termini di rendimento competitivo, quelle in cima si sono comportate in modo strumentale con individui di rango inferiore. Hanno offerto alle persone più in basso la catena alimentare e richiesto di più quando hanno avuto l'opportunità di rifiutare la divisione proposta. Ancor più inquietanti, gli individui di rango inferiore erano disposti ad accettare di meno e offrire di più a individui di rango superiore. In altre parole, entrambe le parti credono che i vincitori siano superiori e quindi meritino di più. Tenete a mente che le "gare" coinvolte in questi studi sono semplici come test di banalità.

Questa mente attenta allo status sembra essere molto vecchia che abbiamo in comune con altre specie le cui organizzazioni sociali sono di natura gerarchica. In uno studio recente, Brosnan e de Waal hanno scoperto che gli scimpanzè dominanti erano più arrabbiati quando erano sul lato ricevente di una ricompensa minore rispetto a quelli più bassi nell'ordine gerarchico.

Quando l'uguaglianza è considerata ingiusta

Quando le persone arrivano a credere che meritano più di altre, finiscono per sperimentare l'uguaglianza come una grande ingiustizia, come questa persona che ha commentato il saggio di Bloom sull'Atlantico :

"Mia moglie, un medico residente, è stata piuttosto infastidita da tutta la faccenda di $ 15 / ora perché, quando lei paga il suo stipendio in paga oraria, guadagna circa $ 13 / ora … Concesso, farà circa $ 60 / ora quando lei è fatto con la residenza …. Un lavoratore di fast food senza set di abilità apprezzabile fa circa la metà di quanto l'avvocato medio del primo anno? "

Per parafrasare Gore Vidal, per queste persone, non è sufficiente essere ricchi. Altri devono essere impoveriti. Non diventano dottori o avvocati perché vogliono praticare medicina o legge. Diventano dottori o avvocati perché sono professioni prestigiose e ben pagate, e cercano il prestigio, lo status e la ricchezza. Vogliono sentire di avere diritto a più della maggioranza degli altri, e protesteranno abbastanza volentieri se sentono che il divario tra i loro salari e quelli più in basso nella catena alimentare sta iniziando a diminuire, anche se quella "erosione" prende forma di sollevare persone che lavorano sodo dal profondo della povertà.

Quindi vogliamo davvero equità, non uguaglianza? Un'abbondanza di ricerche sembra dimostrare che una domanda migliore è quando siamo disposti a tollerare la disuguaglianza (e fino a che punto) prima che la nostra indignazione per l'ingiustizia percepita raggiunga il punto di ebollizione?

Copyright Dr. Denise Cummins, 24 dicembre 2015

Il dott. Cummins è uno psicologo ricercatore, un membro dell'Associazione per la scienza psicologica e l'autore del buon pensiero: sette idee potenti che influenzano il modo in cui pensiamo.

Maggiori informazioni su di me possono essere trovate sulla mia homepage.

I miei libri possono essere trovati qui.

Seguimi su Twitter.

E su Google+.

E su LinkedIn.

Solutions Collecting From Web of "L'affermazione: le persone non vogliono l'uguaglianza economica"