L'advocacy della giustizia sociale sta bruciando i terapeuti?

Era l'anno scorso di Capodanno quando ho fatto una risoluzione che finalmente intendevo mantenere. Dopo anni di raccolta di libri clinici che raccomandavo ai miei clienti di terapia per sentito dire, intendevo iniziare a farli aprire. Brene Brown, Michael Singer, Daniel Siegel, Susan Cain e altri, ho divorato libro dopo libro sull'empowerment, la neuroscienza del cervello adolescente, l'introversione e altri argomenti infiniti. Mentre molti libri chiave rimangono ancora e la lista è davvero un po 'infinita, è stato meraviglioso leggere e integrare davvero tutta questa conoscenza. Cioè, fino alle ultime due recenti letture.

Alla ricerca di alcuni libri di pratica privati ​​aggiuntivi per saperne di più sul lato amministrativo delle cose (nessun background aziendale per questo psicologo!), Mi sono imbattuto nelle recensioni di Be a Wealthy Therapist di Casey Truffo : Infine, puoi fare una vita mentre fai un Differenza Il titolo sembrava il perfetto spot pubblicitario e le recensioni contrastanti lo rendevano abbastanza intrigante da raccogliere. Le valutazioni di una stella di Amazon che accusano le cinque stelle di essere amici dell'autore. Quindi, naturalmente, ho intervistato la lettura di frammenti del titolo di Truffo con la Mindful Therapy scritta da Thomas Bien. Il suo lavoro è veramente poetico e magistrale e direi facilmente uno dei migliori libri scritti per terapisti che abbia mai letto. Certo, sono anche un grande sostenitore della scuola di pensiero della consapevolezza.

Mentre leggo entrambi i libri (naturalmente uno molto più veloce e l'altro si prestava a un pensiero profondo – ti permetterò di capire quale era), mi trovai bloccato. Continuavo a pensare alla giustizia sociale. L'advocacy è stata una parte importante della mia formazione non solo come psicologa ma anche come ricercatrice multiculturale. Come aiutiamo i non votati? Come possiamo migliorare l'accesso alle cure? Qual è il nostro ruolo in questo grande arazzo?

Quello che ho capito è che parlare è economico. È facile dalle torri d'avorio inviare messaggi di promozione dell'uguaglianza e sporcarsi le mani. Ma lo stiamo davvero facendo, e in definitiva a quale costo per il clinico? Anche se il titolo del libro di Truffo non ha davvero alcun favore nel prenderlo sul serio, i suoi punti sono in realtà molto ben accolti. Parla della realtà del debito del terapeuta, della stanchezza del burnout e della compassione. Parla del mal di testa delle pratiche burocratiche, della burocrazia e di tutte le componenti che rendono la giustizia sociale un lavoro talmente oneroso per le persone coinvolte quotidianamente.

Nel frattempo, l'evocazione di Bien della meditazione di Thich Nhat Hanh con la quale ci si immagina come una montagna, un fiore, l'acqua e lo spazio ci invita a riconoscere la fragilità della vita. Ci ricorda che coloro che hanno deciso di guarire il mondo devono prima guarire se stessi. E quello stesso scempio è stato provocato da coloro che intendevano stabilire il mondo giusto. La spinta degli ordini del giorno provoca polarizzazione e nessuna vera voce è data all'agenda degli uguali diritti. Inoltre, ci invita a essere in contatto con il fiore in ognuno di noi, così delicato e transitorio. Ci chiede di considerare le circostanze che appassiscono il fiore dentro ognuno di noi. Egli afferma:

"Se le difficoltà dei pazienti sono troppo per te, se le loro interazioni con te sono troppo difficili per te, nonostante i tuoi migliori sforzi per affrontarle consapevolmente, devi riconoscere e riconoscere questo, e poi fare un appropriato riferimento. Nessuno è servito dal tuo andare giù con il tuo paziente "(pagina 37).

È interessante notare che, sebbene in un modo molto diverso, Truffo sta infine sostenendo un programma simile. La sua conclusione è che i terapeuti hanno lavorato duramente per la loro istruzione e meritano di essere adeguatamente compensati. Nella prefazione a uno dei suoi capitoli, usa una citazione di Marianne Williamson che recita:

"La nostra più profonda paura non è che siamo inadeguati. La nostra più profonda paura è che siamo potenti oltre misura. È la nostra luce, non la nostra oscurità che ci spaventa di più. Ci chiediamo: chi sono io per essere brillante, meraviglioso, talentuoso, favoloso? In realtà, chi non sei? Sei un figlio di Dio. Il tuo modo di suonare piccolo non serve il mondo. "(P 29).

Entrambi gli autori stanno in effetti scrivendo articoli di advocacy sul terapeuta. Forse non intenzionalmente, ma quando tanta parte della retorica riguarda il fare tutto ciò che è possibile per aiutare il cliente, offrono una prospettiva tanto necessaria nel sostenere i diritti del terapeuta. A prima vista, io per primo, mi sento in colpa. Dopo tutto, molti di noi sono stati cresciuti con un complesso di Madre Teresa. Dai, dai, e quando è rimasto poco altro, dai ancora più. Ma a che serve fare altro che burnout i giovani professionisti e impedire loro di aiutare quelli che possono?

Ricordo molti anni fa di aver sentito parlare degli assistenti sociali che erano andati in trincea per aiutare i loro clienti, solo per trovarsi proprio lì accanto a loro. Con il debito dei prestiti studenteschi per ottenere i loro diplomi di MSW e posti di lavoro a bassa retribuzione, si stavano allineando ai buoni pasto accanto ai loro clienti. Come avrebbero dovuto aiutare i loro clienti ad accedere ai servizi quando ora stavano scivolando sotto la soglia della povertà da soli?

Quando sono andato a cercare online la suddetta storia, tutte le condizioni di ricerca degli assistenti sociali in condizioni di povertà hanno portato a risultati di glorificazione degli assistenti sociali che aiutano, aiutano, aiutano, senza riconoscere le sfide che possono affrontare. È come se fossero destinati a essere supereroi con niente come la loro kryptonite. Ho tuttavia trovato un articolo di Adrian Anderson, assistente professore alla Savannah State University, che ha discusso di come il lavoro sociale non sia mai stato inteso come una "professione di povertà". Scrive:

"Possiamo promuovere la giustizia sociale e onorare il nostro codice etico in posizioni di alto salario o come proprietari di imprese da miliardi di dollari. Possiamo essere milionari e praticare il lavoro sociale nello stesso spirito di alcuni ricchi filantropi che promuovono e migliorano la società. Inoltre, alcuni dei primi pionieri del lavoro sociale che hanno stabilito la nostra professione sono emersi da famiglie molto benestanti e hanno usato le loro ricchezze personali per migliorare la società ".

Forse nel campo del lavoro sociale c'è un maggiore dialogo su cosa significhi aiutare in un contesto di giustizia sociale di quanto non ci sia in psicologia. Ma quello che so bene è l'atteggiamento che, come afferma Truffo, il denaro è sporco. Discute l'idea di sporcizia povera e sporca ricca. Comunque lo guardi, c'è sicuramente una natura sgradevole ad esso. E quindi non ne parliamo. Anche se i tassi di rimborso per i professionisti della salute mentale diminuiscono ogni anno e sono in ritardo rispetto a quelli di altri fornitori di servizi medici, a causa del nostro privilegio ci siamo rassegnati al senso di colpa. E il ciclo si ripete. Siamo fortunati ad avere un lavoro, tetti sopra le nostre teste e così via. Ma ci sono anche molti modi per realizzare ciò che non equivale alla seduta con dolore e sofferenza.

Inoltre, proprio come afferma Anderson, la ricchezza può fare molto bene nel sostenere programmi di giustizia sociale forti. Perché non permettere ai terapeuti di essere in questa posizione? Dopotutto, non sarebbero i meno propensi a cadere nelle trappole dell'avidità delle multinazionali e sarebbero i più propensi a dare via tutto comunque? Cioè, se riescono a superare la loro colpa di avere degli eccessi di essere in questa posizione in primo luogo.

Alla fine delle letture della risoluzione del nuovo anno di quest'anno con una serie piuttosto eclettica di argomenti, è stato interessante concludere questo dilemma. Quando tutto ciò che mi è stato insegnato (o più equamente assorbito?) Ha riguardato la difesa della giustizia sociale per i non votati, a che punto rivolgo l'obiettivo a me stesso e ai miei colleghi? Questa è un'espressione del mio privilegio? O espone solo metà della storia?

Mentre continuo a digerire la saggezza nel libro di Bien, mi chiedo se l'agenda dovrebbe essere sempre stata sulla consapevolezza. Forse la consapevolezza farebbe di più per la nostra società oggi che la giustizia sociale. O forse è solo una sua espressione. Forse la consapevolezza incoraggerebbe più gentilezza, meno combattimenti, più compassione, meno rabbia e molto altro alla fine della giornata. È difficile dire in questi tempi turbolenti quando per così tanti i riflessi sono diventati per proteggersi e emarginare gli altri. Tuttavia, per quanto tu lo guardi, meritiamo tutti la gentilezza e dobbiamo sempre prenderci cura di noi stessi anche quando non possiamo volere a spese degli altri. Ma è nostro dovere essere in grado di servire solo una volta che abbiamo onorato il fiore dentro di noi, protetto e poi usato la sua bellezza per illuminare il mondo.

Seguimi su Twitter su MillenialMedia

Solutions Collecting From Web of "L'advocacy della giustizia sociale sta bruciando i terapeuti?"