L'acufene può letteralmente farti impazzire

Molti di noi hanno un suono o un ronzio nelle orecchie di tanto in tanto, spesso dopo l'esposizione ad un forte rumore. L'acufene è lo stesso tipo di ronzio o ronzio, ma non scompare mai. Di solito, ma non sempre accompagna la perdita dell'udito. Più grave è la perdita dell'udito, in generale, più grave è l'acufene. Molte persone imparano a gestirlo o ignorarlo, ma per una piccola percentuale diventa debilitante.

L'acufene può influenzare le prestazioni lavorative, provocare insonnia e, come ha scritto Sergei Kochkin, direttore esecutivo del Better Hearing Institute in un rapporto del 2011 che accompagna un'indagine sui malati di acufene, "può contribuire a disturbi psicologici, come depressione, ideazione suicida , disturbo da stress post-traumatico, ansia e rabbia. La costanza degli acufeni e la percezione della mancanza di controllo possono provocare paura, che aggrava il problema, portando ad un ciclo sempre crescente di sofferenza. "Un quarto degli intervistati nel sondaggio di Kochkin ha riferito che il loro acufene era disabilitante o quasi disabilitante.

L'American Tinnitus Association stima che da 40 a 50 milioni di americani hanno l'acufene e che due milioni ne sono così debilitati da non poter funzionare su base giornaliera normale.

Molti di loro sono veterani. Quasi un milione di veterani hanno ricevuto pagamenti di invalidità per l'acufene nel 2012. È la più grande singola categoria per le richieste di disabilità nell'esercito, con una perdita uditiva al secondo posto. La terza categoria più ampia è il disturbo da stress post-traumatico, che a sua volta può essere accompagnato da acufene e può esacerbarlo. Lesioni cerebrali traumatiche sono spesso accompagnate da acufeni.

I militari hanno interesse a trovare un modo per alleviare l'acufene. Il dottor James Henry, ricercatore del Centro nazionale per la ricerca uditiva riabilitativa presso il VA Medical Center di Portland, in Oregon, ha lavorato al problema dal 2006, sviluppando cinque protocolli di trattamento progressivamente più raffinati. Il Dr. Henry, come altri, sottolinea che non esiste una cura per l'acufene. L'obiettivo è la gestione.

Quando, insieme ai suoi colleghi, hanno inizialmente annunciato di essere alla ricerca di partecipanti a una sperimentazione clinica per la gestione degli acufeni, nel 2006 hanno ricevuto 800 risposte. Il 64% dei chiamanti ha rifiutato di iscriversi quando hanno saputo del tempo che avrebbero dovuto investire. Questi presumibilmente erano quelli che erano infastiditi dagli acufeni, ma non abbastanza da partecipare a un processo di multi-riunione e multi-riunione.

Progressive Tinnitus Management è un programma in cinque fasi, con un numero progressivamente in calo di partecipanti ad ogni livello. Il livello 1 del programma PTM è il triage, che fornisce linee guida destinate agli operatori sanitari sui pazienti che fanno riferimento ad un audiologo. Perché così tante persone con acufene cronico hanno anche la perdita dell'udito, il livello 2 è la correzione di tale perdita dell'udito con apparecchi acustici. Il VA fornisce apparecchi acustici senza alcun costo. Se non c'è perdita dell'udito, l'audiologo può adattarsi al paziente con un "generatore di suoni" a livello di orecchio.

Il livello 3 prevede cinque sessioni di terapia di gruppo con un audiologo e uno psicologo. La partecipazione scende drasticamente in questa fase, in parte a causa dello stigma tra i militari delle valutazioni psicologiche. I ricercatori ora realizzano che devono esortare i pazienti a frequentare i workshop, che per molti aspetti sono il componente principale del PTM, il componente che insegna ai malati di acufene come gestire l'acufene da soli.

L'audiologo si concentra sul mostrare ai pazienti come utilizzare il suono (suono rilassante, suono di sottofondo o suono "interessante", che coinvolge il paziente e aiuta a distogliere l'attenzione dagli acufeni). Lo psicologo, utilizzando la terapia cognitivo comportamentale, insegna esercizi di rilassamento, "ristrutturazione cognitiva" (dando una spinta più positiva ai pensieri negativi sull'acufene) e alla diversione (attività per distogliere la mente dall'acufene). Ai pazienti viene anche fornita una cartella di lavoro di auto-aiuto, "Come gestire il tuo acufene". Il libro non è disponibile al pubblico, ma è disponibile come download gratuito dal sito Web NCRAR: http: //www.ncrar.research. va.gov/Education/Documents/TinnitusDocuments/I….

Il Dr. Henry ha scoperto che il 95% dei partecipanti ai seminari di livello 3, quelli che non sono stati aiutati nei primi due livelli, riescono a gestire il loro acufene. Una piccola minoranza passa ai livelli 4 e 5. Nel Livello 4, dopo una valutazione multidisciplinare, i ricercatori propongono un programma su misura per il veterano, che include una terapia di gestione del suono individuale e incontri individuali con uno psicologo. Il livello 5 è una versione più intensiva del livello 4.

Gli studi in corso del Dr. Henry ora includono l'uso del PTM per i veterani con tinnito e trauma cranico. Poiché questi pazienti tendono ad essere sparsi per il paese, lo studio sta misurando l'efficacia dell'utilizzo del telefono per le valutazioni e le procedure consultive, integrate da materiali come i libri di lavoro consegnati per posta. Lo studio confronta l'efficacia di questo trattamento su veterani con TBI lieve, TBI moderata o grave e quelli con fastidioso tinnito ma senza TBI.

PTM è una variazione sul tema della gestione che si è dimostrata efficace: utilizzando la correzione dell'udito, il mascheramento, la CBT e l'allenamento di rilassamento. Il fatto che il PTM sia effettivamente più efficace di uno solo di questi è l'oggetto di una sperimentazione clinica randomizzata che lui ei suoi colleghi stanno conducendo presso tre centri VA, con trecento pazienti. I pazienti che si qualificano per lo studio e ricevono apparecchi acustici o altri servizi di audiologia vengono quindi informati dello studio e del programma di terapia educativa in cinque parti. Coloro che optano per le cinque sessioni hanno la possibilità di ricevere "cure immediate" o di aspettare sei mesi, durante i quali ricevono "cure usuali". La cura usuale, il gruppo di controllo, include un test dell'udito, che si adatta agli apparecchi acustici se necessario, o adatto a generatori di rumore a livello delle orecchie, o una combinazione dei due. C'è una quantità minima di consulenza. I risultati completi dello studio saranno disponibili alla fine dell'anno, ma analisi preliminari dei dati suggeriscono che l'inclusione della consulenza fa una differenza misurabile, afferma il Dr. Henry.

La prevenzione è anche un'importante operazione militare. Il tenente colonnello Mark Packer, direttore del Lackland Center for Hearing Excellence, osserva che i soldati in servizio attivo devono essere in grado di sentirsi reciprocamente e il nemico, ma naturalmente hanno anche bisogno di protezione dai rumori quotidiani della guerra: colpi di pistola, esplosioni, il rumore di macchinari pesanti. Gran parte di questo rumore è casuale, lasciando poco tempo per inserire i tappi per le orecchie. Nei primi anni della Guerra del Golfo e dell'Afghanistan, l'esercito emetteva i tappi per le orecchie a doppia faccia, un lato per l'uso in circostanze normali e l'altro in condizioni più forti. Nessuno li indossava. Ora l'esercito usa un auricolare mono-lato, che si spegne se il rumore raggiunge un certo livello di decibel. A decibel più bassi, il saldatore può sentire meglio che poteva senza i tappi per le orecchie.

Per un soldato di ritorno dalla guerra, l'acufene può sembrare una cosa piccola rispetto alle ferite invalidanti di cui sentiamo parlare più spesso. Alcuni commenti on-line gocciolano con disprezzo: "Disabilità ??? Ho avuto la tinnite per 40 anni e nessuno mi ha risarcito. Non è niente; un nulla minore, persistente, insistente, perpetuo, sempre presente. Affrontarla. Crederò una cura quando non posso più sentirlo. "

Il maggiore Jim Stevens, un ufficiale dell'Air Force di 62 anni, fu trattato per la perdita dell'udito e l'acufene a Walter Reed. Il suo acufene è costante, ha detto in una e-mail, ma è entrato gradualmente e pensa che per questo motivo sia stato in grado di adattarsi ad esso. Ha frequentato un corso di gestione degli acufeni presso Walter Reed, dove si è reso conto di quanto gravemente ne siano stati influenzati gli altri: "Sono rimasto sorpreso nel sentire gli altri studenti descrivere tutti i tipi di problemi che hanno riscontrato, compresa l'incapacità di concentrarsi sulla lettura, il sonno, la conversazione, ecc. Una signora ha raccontato di aver provato dolore fisico ".

Nonostante le ricerche dimostrino che programmi come il PTM, la meditazione consapevole e la CBT sono efficaci nella gestione dell'acufene, molti pazienti continuano a cercare una soluzione rapida.

Le persone provano di tutto, dall'orecchio al neti, che irriga i passaggi nasali con acqua salata.

A volte l'acufene può essere causato inavvertitamente da una tossina. Nel febbraio di quest'anno, il Centro di aiuto per la perdita dell'udito ha pubblicato un elenco completo di farmaci, erbe e sostanze chimiche che possono causare l'acufene. Non tutti, naturalmente, ma se si dispone di acufene si potrebbe dare un'occhiata e prendere in considerazione la rimozione di alcune delle tossine citate dal proprio ambiente.

Solutions Collecting From Web of "L'acufene può letteralmente farti impazzire"