L'acciaio e la grazia della creatività.

Recentemente ho ricevuto un'email da un caro amico in un altro stato. Ha scritto che si sentiva depressa per un bel po '. Era stata in medicina ma odiava nel modo in cui la faceva sentire … che non era molto meglio … e ha deciso di provare la vita senza di essa. Scava profondamente nel buddismo e riceve sostegno dai suoi principi e pratiche di meditazione. Ma, mentre parlavamo, lei ha confessato che l'unica cosa che non ha fatto è tendere alla sua arte. È un'artista enormemente dotata e io ero davvero sconvolto nel sentire che la pittura non faceva più parte della sua vita quotidiana. Le ho raccontato alcune delle cose che ho imparato sulla mia vita creativa nella speranza che sarebbe rilevante per lei e spero che lo sarà anche per il tuo.

Durante i periodi di ansia e depressione che ho vissuto dopo che mio marito è entrato in una struttura di demenza, ho iniziato a cercare dentro di me per scoprire come mi sono tenuto insieme nei tempi passati in cui la vita mi ha sopraffatto. Quali forze ho avuto per sopportarmi e mi ha permesso di attraversare quei momenti difficili?

Per prima cosa ho scoperto che ho una forte volontà di sopravvivere. La mia capacità di sopravvivere a ciò che mi sento impreparato a gestire emotivamente è dovuta, in gran parte, al fatto che da bambino ho iniziato a costruire dentro di me un nucleo di acciaio, qualcosa di indistruttibile che mi ha fatto attraversare. Qualcosa che non mi ha permesso di piegarmi e morire. L'ho sfruttato per tutta la mia vita, attraverso tutte le morti e i traumi. Non ho mai ceduto. Non ho mai mollato. Il nucleo d'acciaio teneva fuori i sentimenti e le emozioni devastanti per poter agire. Ho avuto persone che si affidavano a me, che necessitavano della mia attenzione, quando ero quello che aveva più bisogno dell'attenzione. Sfortunatamente, ho imparato troppo bene come non provare. Alla fine, questo "acciaio" ha bloccato tutti i buoni sentimenti e sono diventato insensibile alla vita. Nella mia ricerca di pienezza, alla fine ho imparato che posso sentire e anche sopravvivere.

Ma era più di quel nucleo d'acciaio che mi ha aiutato. Qualcosa di molto più sano, qualcosa di vivo, qualcosa di potente. La grazia della mia stessa creatività.

Quando avevo 6 anni mi è stato dato un piano. L'ho implorato per uno da quando un amico pianista di mia madre mi ha fatto sedere accanto a lei e mi ha intrattenuto con musica di ogni genere. Ma in quei primi anni avevo un uso diverso dal solito per il mio pianoforte. Quando la rabbia e le urla nella mia casa dovevano essere troppo, mi toglievo la scarpa e suonavo il piano … non creativo e difficilmente musicale, ma ha funzionato. Mi ha liberato dalla tensione e spesso ho interrotto i combattimenti. Con l'aumentare delle mie capacità nel corso degli anni ho continuato a tenere le mie scarpe, ma sono riuscito a trovare la musica appropriata per esprimere le emozioni profonde che non potevo esprimere verbalmente, anche comporre musica per conto mio. Stavo usando attivamente la musica come supporto senza capire veramente cosa stavo facendo allora. Ma sicuramente mi ha portato attraverso le parti più croccanti della mia vita.

Il mio amore per la scrittura è stato, all'inizio, anche un modo per esprimere ciò che non potevo dire. Ben presto la forma che prese divenne diversa dall'introspective journaling. Ho scritto in molti generi, anche storie per i miei recital di studenti di pianoforte. Alla fine ho creato un libro di memorie e sto lavorando su molti altri libri. Mi collego quotidianamente con la musa.

Sia la scrittura che la musica si intrecciano nella loro importanza nella mia vita. Mi aggrappo ai miei due sbocchi creativi dove trovo sia la catarsi che il conforto. E ora so che il motivo per cui mi sento così bene quando suono o scrivo musica è perché sto attingendo a quella grande fonte di sostentamento. Non mi sto nascondendo ma trovando me stesso. Se rimango connesso al mio lavoro, rimango senza paura. La mia vita interiore è la mia vera vita. Mi nutre costantemente e mi rinnova. Trovo di poter far fronte a ciò che sorge nella mia realtà esterna perché il mio lavoro creativo mi fornisce il mio vero centro. Spesso prendo un pezzo della mia scrittura o una canzone che ho scritto e lo ripongo e lo metto in tasca. Se sono in circostanze che possono provocare ansia o farmi dimenticare momentaneamente chi sono, lo tengo in mano. È dare forza. E, ho capito da tempo che, come il latte materno, ciò che viene utilizzato viene rapidamente reintegrato. La fonte del flusso creativo è senza fine. Mi fido di questo, poiché non mi sono fidato di nient'altro nella mia vita e sento continuamente la gratitudine per questo e il ruolo centrale che svolge nella mia vita e nel mio benessere.

Qual è la tua fonte creativa di sostentamento?

Vedi: Spostarsi al centro del letto: la creazione artistica di una vita da solo

Solutions Collecting From Web of "L'acciaio e la grazia della creatività."