L'abuso di Internet dovrebbe diventare un disturbo mentale?

Net Addictions Home

La prossima volta che tuo figlio implora di continuare a giocare a Nintendo Wii per cena, tua figlia manda messaggi ai suoi amici per l'ennesima volta quel giorno, o ti ritrovi perso online, perseguendo follemente collegamenti a nuovi siti web, considera questo: gli psichiatri americani sono impegnati a discutere se tale le attività dovrebbero presto essere conosciute come "dipendenza da Internet".

Un anno fa, l' American Journal of Psychiatry pubblicò un editoriale che chiedeva il riconoscimento della dipendenza da Internet come un "disturbo comune". Seguì una serie di articoli di giornale quasi surreali, con titoli come "Net Addicts Mentally Ill, Top Psychiatrist Says".

Ma la risposta delle nostre comunità mediche e di salute mentale era più vicina allo sbadiglio collettivo. È vero, una risposta scettica arrivò dalla lettera di salute mentale di Harvard , il cui direttore, Michael Craig Miller, avvertì che "probabilmente non è utile inventare nuovi termini per descrivere problemi antichi come la natura umana". A parte lui, pochi esperti sembravano notare -molto di meno-che il diario di punta della psichiatria americana stava discutendo abbastanza seriamente che l'uso eccessivo di internet poteva essere una malattia psichiatrica, alla pari con, per dire, la schizofrenia.

L'anniversario dell'editoriale sembra un buon momento per rivisitare le sue controverse affermazioni e vedere se hanno qualche merito.

Jerald J. Block, l'autore del pezzo di Portland, ha sostenuto che il disturbo presenta tre sottotipi: "giochi eccessivi, preoccupazioni sessuali e messaggi di posta elettronica". Visto lo scenario di apertura che ho descritto di caos a cena, non è un ipotesi selvaggia per dire che l'ultimo si applica a parecchi adolescenti. Né è una sorpresa per i drogati di notizie come me che la metà risulta essere applicabile a un numero considerevole di ex senatori, governatori e sindaci.

In tutta serietà, una delle ragioni per cui la proposta di Block è così azzardata è che così tante professioni, organizzazioni e servizi dipendono dall'e-mail, da Internet e, naturalmente, dai computer. La linea che separa il comportamento compulsivo dal duro lavoro è anche difficile da valutare e molto meno da diagnosticare in modo affidabile. Sarebbe già abbastanza difficile da individuare in una società che non vanta già un'ardente etica del lavoro, ma è praticamente impossibile isolare in uno con un'economia vacillante, in cui le condizioni sono così precarie che molti lavorano online fino a tarda notte e solo per aggrapparsi .

Nel suo editoriale Block ha espresso comprensibile preoccupazione per il grande numero di scolari nella Corea del Sud che trascorrono ore ogni settimana a mandare SMS, giocare e fare surf. Chiaramente, molti perdono la prospettiva e lasciano che la tecnologia travolga le loro vite. Eppure, questo è davvero un disturbo mentale nel senso strettamente psichiatrico del termine? Non è invece un segno che la tecnologia può essere onnipresente e che, insieme ai suoi vantaggi, presenta seri inconvenienti che richiedono un'attenzione particolare?

In questo paese, molti genitori e insegnanti disperano per la quantità di tempo che i loro bambini e studenti sprecano nel cyberspazio e in gadget elettronici, tempo che chiaramente non viene speso per divorare libri. Eppure Block mi sembra completamente fuorilegge quando afferma che il rimedio per questo problema è il farmaco. Come ha affermato, facendo riferimento a un singolo documento della conferenza, "Circa l'80% di coloro che necessitano di trattamento [per uso eccessivo di Internet] potrebbe aver bisogno di farmaci psicotropi e forse il 20% -24% richiede il ricovero." Antidepressivi e ospedalizzazione? Per giochi e messaggi di testo? Abbiamo perso ogni prospettiva qui?

In un articolo del New York Times pubblicato nel novembre 2007, Martin Fackler descrisse uno dei 140 centri di consulenza per le dipendenze da Internet sponsorizzati dal governo nella Corea del Sud e non menzionò mai una volta le medicine. I loro programmi di trattamento "seguono un rigoroso regime di esercizio fisico e attività di gruppo, come l'equitazione, finalizzati a costruire legami emotivi con il mondo reale e indebolire quelli con quello virtuale".

Prima di curare altri adolescenti e adulti, fermiamoci e chiediamoci se l'uso eccessivo di internet appartiene davvero alla schizofrenia in un manuale di disturbi mentali. Certamente dobbiamo riconoscere e rispondere a come la tecnologia sta plasmando, a volte rovinando, molte vite. Se i programmi di trattamento della Corea del Sud sono qualcosa a cui rivolgersi, la soluzione risiede in legami più stretti con altri esseri umani, non più un legame esagerato con l'industria farmaceutica.

Christopher Lane, il professore di ricerca Pearce Miller della Northwestern University, è l'autore più recente di Shyness: come il comportamento normale diventa una malattia. Seguilo su Twitter: @christophlane

Solutions Collecting From Web of "L'abuso di Internet dovrebbe diventare un disturbo mentale?"