La zombificazione non è un risultato accettabile del farmaco

All'avvicinarsi della stagione di Halloween, mi sono nuovamente ricordate le frequenti preoccupazioni di molti genitori che stanno prendendo in considerazione l'uso di farmaci come parte del piano di trattamento per i problemi emotivi comportamentali del loro bambino.

Nello specifico, il dilemma che io e molti altri medici ripetutamente sentiamo dai genitori è che vogliono che i sintomi del loro bambino migliorino senza cambiare la personalità del bambino e, più precisamente, non vogliono che il loro bambino si trasformi in uno "zombi".

Sono sempre un po 'rattristato quando sento questa preoccupazione, non perché non sia legittima, ma perché l'affermazione dietro la dichiarazione è che io, come medico curante, andrebbe bene se il mio paziente si comporta come uno zombi. Dico a me stesso – il mio amato campo di psichiatria ha davvero suscitato un tale sospetto o qualcuno ha volato sul nido del cuculo ha avuto troppe repliche? In tutta onestà, non ho mai incontrato né sentito un medico che vedrebbe un bambino ottuso e svogliato e dichiari che il trattamento è un successo. Purtroppo, tuttavia, devo ammettere che tra il coma insulinico, le madri in frigorifero e le infinite degenze ospedaliere in passato forse ho bisogno di guadagnare la fiducia della famiglia, nonostante molti dei molti passi positivi che la psichiatria ha condotto.

Quindi … per contrastare tali preoccupazioni, ora dico in modo specifico a genitori e figli che "anche la zombificazione non è un risultato accettabile per me." Molto spesso questa affermazione porta un sorriso e una giusta dose di sollievo. Ho scoperto che il vero valore sta dicendo esplicitamente ai genitori e ai bambini che non sono interessato a continuare i farmaci che causano effetti collaterali o che non funzionano, e che coloro che sono interessati a fare zombi non avranno problemi a trovare i Halloween.

Una volta che quella facile domanda è fuori mano, la più difficile dietro l'angolo è se sia effettivamente possibile trattare i sintomi senza toccare la personalità. Una delle conclusioni principali del mio libro Child Temperament: New Thinking About the Boundary Between Traits and Disorder è che i sintomi e i disturbi psichiatrici sono spesso abbastanza intrecciati con i tratti della personalità o del temperamento. Ciò significa, ad esempio, che essere in grado di asportare chirurgicamente "impulsività" senza alterare la "spontaneità" potrebbe essere una sfida nel trattare un bambino con ADHD. D'altra parte, non è raro sentire un trattamento di successo di qualcosa come la depressione o un disturbo d'ansia che i genitori si sentano come se avessero il loro bambino "indietro", una volta che i sintomi che hanno offuscato la natura interiore di un bambino sono stati rimossi .

Sfortunatamente, non disponiamo di dati di ricerca sufficienti per rispondere a questa domanda critica. Uno studio sugli adulti ha dimostrato che il cambiamento di personalità era rilevabile con il trattamento farmacologico, ma piuttosto interessante, era presente anche nel gruppo trattato con la psicoterapia. Questo ritrovamento con personalità all'inizio può sembrare sorprendente, ma poi, non è questo ciò che la psicoterapia doveva fare in primo luogo? Inoltre, nonostante tutti i termini che abbiamo convenientemente fatto per noi stessi (temperamento, personalità, sintomi, disturbi della personalità), tutti devono finalmente risiedere in quel singolo cervello che tutti noi abbiamo.

David Rettew è autore di Child Temperament: New Thinking About the Boundary Between Traits and Illness e un bambino psichiatra nei dipartimenti di psichiatria e pediatria dell'Università del Vermont College of Medicine.

Seguilo su @PediPsych e come PediPsych su Facebook.

Solutions Collecting From Web of "La zombificazione non è un risultato accettabile del farmaco"