La vita non è un enigma, è una corsa attraverso un territorio inesplorato

Le chiacchiere vanno bene, ma se ti ritrovi a voler festeggiare la festa in questa stagione di festa, chiedi ai tuoi ospiti che sono venuti per primi alla materia o alla materia, alla fisica o alla coscienza, alle sostanze chimiche o alle informazioni, solo le cose fisiche o un Dio o potenza superiore con un piano principale.

Fino a poco tempo fa tutti dicevano che l'importanza veniva prima. L'universo fisico è una manifestazione del piano generale di un potere più alto. La creazione era top-down con un capomastro che la creava dal nulla perché gli importava.

Questo approccio ha origine da Platone e dalle idee che fluivano da lui nella nostra cultura cristiana. La perfezione era eternamente presente, l'ideale da abbinare agli sforzi della vita. Il miglioramento consisteva nel ravvicinare la perfezione preesistente, come adattare il proprio comportamento a un modello esistente. La vita era come un indovinello. Potresti non sapere ancora la risposta, ma esiste già perfettamente compilata sul retro della rivista in attesa di essere scoperta. La vita era radicata in una grande catena dell'essere. In cima c'era La risposta giusta, nella forma dell'Ideale, un potere superiore o Dio. Arricchiti a distanze successive da questa perfezione c'erano angeli, umani e gli umili animali, più lontano da Dio e la perfezione, risposte incomplete e sbagliate all'enigma. Se il piano generale esiste già, le persone potrebbero affermare di sapere già che cosa è e gongolare o andare su crociate e jihad per far sapere agli altri quanto sono lontani dalla perfezione.

La teoria evolutiva capovolge la storia. Ci troviamo in un universo di 14 miliardi di anni, i primi 10 miliardi dei quali non avevano alcun comportamento che abbiamo trovato che richiede una spiegazione dall'intelligence. La materia è emersa dalla materia. Apparentemente la coscienza ha dovuto fare il bootstrap dalla fisica. Darwin ci ha dato una risposta parziale a come, e gli scienziati continuano a riempire la storia.

Con Evolution, non solo le risposte non sono pre-esistenti sul retro della rivista, ma le domande continuano a cambiare. Costruiamo la strada mentre la viaggiamo. Non corrispondiamo a un modello di perfezione preesistente, o addirittura a una destinazione predeterminata, stiamo indovinando cosa funzionerà ora e le nostre ipotesi cambiano le nostre circostanze, quindi ciò che funziona oggi potrebbe non funzionare domani. Noi brancolare nel buio per un bersaglio in movimento. La vita, si scopre, evolve per tentativi ed errori. A molte scale dai nostri gesti individuali alle nostre intere vite, alle nostre culture e alle nostre nazioni, siamo processi nei processi di prova ed errore, concorrenti nelle competizioni. Siamo concorrenti per risorse limitate. Non siamo test-taker per un test universalmente standardizzato. Non siamo caduti dalla grazia, siamo cresciuti dalla melma e le qualità che vincono nella competizione che affrontiamo sono diverse da quelle che hanno vinto nelle nostre viscide origini. Non esiste uno standard morale universale supremo diverso da quello che funziona, qualunque cosa mantenga le tue prove in gioco.

Sebbene la stragrande maggioranza delle persone che si incontrano nelle feste natalizie sia platonica e non darwiniana nella loro prospettiva, gli Stati Uniti, la nostra democrazia di mercato orgogliosamente libera riconosce e abbraccia la competizione evolutiva. Aspiriamo ad essere una meritocrazia egualitaria: possano tutti avere un posto e la linea di partenza, e quindi la vittoria migliore! Che vinca il più grande talento! Possa il miglior partito politico! Nella competizione globale, può vincere il miglior sistema di governo! Possano le nazioni migliori vincere!

Tuttavia, non è divertente perdere. Al centro della moderna condizione umana c'è una tensione tra l'abbracciare l'intera competizione e il desiderio personale di vincere. Diciamo "Lascia che il meglio vinca" e "lascia che sia io". Il processo per tentativi ed errori ha senso. Ci ha portato così lontano, quindi lo onoriamo. Ma come processo nel processo di prova ed errore, ci sforziamo di essere il processo che prevale nella competizione. Abbiamo diviso le alleanze, con il gioco e con il nostro team.

C'è un po 'di perdente ferito in ognuno di noi. In questi giorni, ascoltiamo tra i patrioti iper-intransigenti l'insistenza sul fatto che la nostra nazione e la nostra cultura hanno già vinto la competizione e la competizione è stata davvero platonica – l'incontro con l'ideale di Dio. L'America ha diritto al bottino della vittoria ora e sempre di più. Nella grande catena dell'essere siamo più alti degli altri. E se per qualche motivo il bottino della vittoria non è imminente, qualcun altro sta barando. I perdenti doloranti spesso piangono "ingiusti!" Quando si sentono minacciati di perdita.

Eppure nel cuore delle nostre vacanze è l'idea di buona volontà per tutti gli uomini e le donne. Abbraccia la concorrenza. Resisti al nostro doppio standard universale e naturale. Non essere un perdente ferito.

Solutions Collecting From Web of "La vita non è un enigma, è una corsa attraverso un territorio inesplorato"