La vita nella fattoria dei bambini

"Una donna preoccupata per l'allevamento dei bambini a Varsavia è stata accusata di aver ucciso settantacinque bambini. È stata condannata a 3 anni di prigione. "Notate nell'edizione di mercoledì 2 aprile 1890 sul Bathurst Free Press and Mining Journal , un quotidiano distribuito in Australia e nel Nuovo Galles del Sud.

"Sig.ra. Geisen-Volk ottiene da 3 a 7 anni: il giudice chiama il suo diavolo incarnato dopo aver letto il rapporto sulla sua fattoria, "urlò i titoli del New York Times il 23 luglio 1925. Secondo il procuratore, aveva abusato e ucciso 53 bambini al momento del suo arresto; secondo la signora Geisen-Volk, il conteggio delle vittime era "solo dodici o quattordici".

E, naturalmente, c'era la macellaio Amelia Dyer, che credeva di aver ucciso almeno 400 bambini dopo aver ingannato disperate donne incinte nel consegnare il loro figlio illegittimo a pagamento con la promessa di un posto con una amorevole famiglia adottiva. Alla fine è stata impiccata, ma solo dopo 20 anni e dopo aver scontato solo sei mesi di prigione per aver causato la morte di un bambino per negligenza.

Nato in cattivi tempi

Tre anni di prigione per l'omicidio di 75 bambini ? Un massimo di 7 anni per l'infanticidio a due cifre? Come è potuto accadere?

Per spiegare questo, o almeno tentare di farlo, dobbiamo viaggiare indietro nel tempo per capire come fosse la vita per le donne incinte e non sposate e che tipo di assistenza sanitaria fosse per tutti tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo.

Innanzitutto, per preparare il terreno: l'aborto era illegale. La concezione era poco conosciuta. Il tasso di mortalità infantile era elevato e i bambini indesiderati erano spesso a rischio per una famiglia (o una ragazza) già in precarie condizioni finanziarie. La gravidanza fuori dal matrimonio era un peccato mortale; la maggior parte delle famiglie ha ostracizzato il proprio familiare "caduto" ed è stata costretta a recarsi in un'altra città dove, senza amici e da sola, ha avuto il figlio. (Se è stata fortunata, le è stato permesso di tornare all'ovile dopo il parto e la sua famiglia avrebbe potuto trovare una ragione plausibile per un nuovo bambino o se fosse tornata senza.)

Una volta consegnata, non esistevano cure per l'infanzia organizzate e nessuna possibilità per una donna single non qualificata poteva sostenere se stessa e prendersi cura di suo figlio allo stesso tempo. Se la sua famiglia non l'aiutava, non c'era nessun altro a cui intervenire. Molti orfanotrofi, convinti che un figlio bastardo avrebbe ereditato la natura immorale dei genitori, rifiutarono di accettare bambini nati fuori dal matrimonio. E le probabilità di sposarsi con un figlio illegittimo al seguito erano davvero ridotte; dopotutto, quale uomo che si rispetti assumerebbe una donna con un così scarso carattere morale?

Da queste circostanze sorsero "contadini", donne non regolamentate e non addestrate che accettarono di prendersi cura o adottare il figlio illegittimo di una donna. (A volte i piccoli allevatori fornivano anche posti in cui una donna incinta poteva vivere fino alla nascita.) A volte funzionavano come genitori adottivi professionisti (anche se la madre potrebbe andare per settimane o mesi senza vedere suo figlio o rinunciare a tutte le visite pur continuando a pagare il canone settimanale o mensile e, a volte, sperare in un giorno di reclamare suo figlio). Altre volte, il piccolo agricoltore acconsentirebbe di trovare una famiglia amorevole ad adottare il bambino o accettare di adottare il bambino stesso. Il bambino sarebbe stato consegnato al piccolo contadino (a pagamento, ovviamente) e la madre naturale non avrebbe più avuto notizie dal bambino.

Infatti, a causa dello stigma attribuito alle madri non sposate, l'intera faccenda era spesso avvolta nel segreto, specialmente quando il bambino veniva adottato. Ai piccoli agricoltori non era richiesto di tenere un registro dei bambini che avevano accolto, le madri di nascita riconoscenti o grate erano riluttanti a fare domande, e raramente i medici sollevavano le sopracciglia quando un bambino moriva.

La nascita di assistenza all'infanzia criminale

Non c'è dubbio che queste baby sitter abbiano riempito una fessura attraverso la quale molte donne sfortunate sono scivolate. E molti di loro non erano malintenzionati; in effetti, alcuni degli allevatori di bambini erano donne dal cuore buono che continuavano a prendersi cura delle loro accuse anche quando la madre non poteva più pagare. Alcune erano donne senza figli che facevano esattamente quello che proclamavano i loro annunci pubblicitari – adottarono un bambino per amore e trattarono il bambino come se fosse uscito dal loro ventre.

Sfortunatamente, la situazione era anche la tempesta perfetta per la corruzione. Prima di tutto, i piccoli agricoltori non stavano vivendo esattamente una vita di lusso; molti di quelli che entrarono nel mondo del bambino lo fecero dopo aver fallito nelle poche altre vie d'affari a disposizione di lei. Margaret Waters (impiccata in Inghilterra nel 1870 per omicidio infantile), per esempio, avrebbe vissuto una vita rispettabile fino a quando il marito morì inaspettatamente quando lei aveva solo ventotto anni. Dopo aver iniziato a lavorare in un negozio di abbigliamento e aver perso denaro mentre affittava stanze fuori da casa sua, ha acconsentito quando una frontiera incinta ha chiesto ad Waters di adottare il suo bambino appena nato in cambio di tre sterline. La prima delle sue 27 pubblicità sul giornale di Lloyd in cerca di bambini da adottare è apparsa poco dopo aver "sfogliato" suo figlio vendendolo a una famiglia benestante per tre volte quello che era stata pagata dalla madre naturale.

Lo stesso accordo finanziario era parzialmente il problema. Da un lato, le donne che hanno pagato per la cura dei loro figli entro il mese hanno dato al fornitore di assistenza ai bambini un motivo per tenere in vita il bambino, ma con i mezzi più economici possibili. Questi bambini sono stati spesso trascurati e hanno ricevuto la minima quantità di cure. Peggio erano i clienti forfettari; a parte la morale, non esisteva alcun incentivo finanziario per mantenere in vita un bambino una volta che il pagamento fosse stato fatto (si mangerebbe solo i profitti). Come tali, centinaia di questi bambini sono morti per negligenza, sia direttamente dalla malnutrizione o da una malattia secondaria a causa di un sistema immunitario indebolito.

La linea di fondo

È stato sostenuto che i tempi in cui viviamo danno forma alla forma malvagia. Le tre donne all'inizio di questo articolo danno certamente credito a questo argomento. Non sapremo mai se avrebbero intrapreso qualche altro percorso malevolo se quello che scelsero non fosse stato loro disponibile, un percorso che iniziò con l'inganno e finì con l'omicidio.

Solutions Collecting From Web of "La vita nella fattoria dei bambini"