La vita nella corsia veloce, seconda parte: sviluppare una strategia di vita veloce

Caro gentile sergente Krupke,
Devi capire,
E 'solo il nostro portarci su-ke
Questo ci fa sfuggire di mano.
Le nostre madri sono tutte droghe,
I nostri padri sono tutti ubriachi.
Golly Moses, natcherly siamo punk!
-Da West Side Story

Alcune persone vivono la vita veloce e alcune persone vivono una vita più lenta. La costellazione di tratti e comportamenti che comprendono la vita veloce (ad esempio, comportamenti a rischio, alto sforzo di accoppiamento, basso investimento genitoriale) potrebbe essersi evoluta nel corso dell'evoluzione umana come strategia per migliorare la capacità riproduttiva in ambienti pericolosi e instabili (vedi Parte I , Evoluzione della vita veloce ).

Ogni singolo essere umano nasce con un pacchetto del genoma umano totale. Le strategie di accoppiamento che le persone usano nelle loro vite sono pesantemente influenzate dal pacchetto genetico unico che hanno ereditato dal loro lignaggio personale (risalente ai loro primi antenati all'alba dell'evoluzione umana) che interagisce con il loro ambiente immediato. La complessa interazione tra geni, influenze del vicinato (pari, clima generale) e il supporto familiare che contribuisce allo sviluppo della strategia di una storia di vita individuale è affascinante e molto sfumata. Iniziamo con i geni.

Natura

Qual è la prova che mostra che il pacchetto di tratti e comportamenti che compongono la vita veloce ha una base genetica? Accedendo a un database che includeva un campione rappresentativo a livello nazionale di 309 gemelli identici e 333 coppie gemelle fraterne di età compresa tra 25 e 74 anni, Figueredo e colleghi (2004) hanno analizzato 30 scale di tratti di storia di vita (ad esempio, qualità delle relazioni familiari, comportamenti altruistici), sintomi medici (ad esempio, malattia della tiroide, ulcera), tratti della personalità (es. nevroticismo, estroversione, coscienziosità, apertura all'esperienza) e background sociale (es. stato finanziario).

Hanno scoperto che tutti gli oggetti erano moderatamente correlati tra loro e formavano un "fattore K" di ordine superiore (vedi Parte I, Evoluzione della vita veloce ). Gli individui che ottengono punteggi più alti sul fattore K tendono a vivere una vita più lenta, mentre quelli che ottengono punteggi più bassi sul fattore K tendono a vivere una vita più veloce. Questo fattore K di ordine superiore spiegava la maggior parte delle correlazioni genetiche tra le scale, era 68% ereditabile e rappresentava l'82% delle differenze genetiche tra i fattori di ordine inferiore. Secondo i ricercatori, questi risultati suggeriscono che "la strategia della storia della vita potrebbe essere fortemente influenzata da geni regolatori che coordinano l'espressione di un'intera gamma di tratti della storia della vita".

I geni regolatori non si attivano semplicemente, comunque. Richiedono trigger ambientali, altrimenti non saranno espressi. Quali sono i fattori scatenanti ambientali importanti?

Ambienti difficili e imprevedibili

Analizzando un database rappresentativo a livello nazionale che ha seguito migliaia di adolescenti dalla giovinezza all'età adulta, Brubach, Figueredo ed Ellis (2009) hanno scoperto che due fattori ambientali in particolare hanno spiegato una notevole quantità delle differenze riscontrate nella strategia di vita (ad esempio, la K -fattore).

Sia l'asprezza ambientale ("esposizione auto-riferita alla violenza da parte dei conspecifici") che l' imprevedibilità ("frequenti cambiamenti o incongruenze in corso in diverse dimensioni degli ambienti infantili") hanno spiegato in modo indipendente gran parte della variazione di un fattore K costituito da un numero intrecciato dei tratti della storia della vita come la salute mentale e fisica, la stabilità relazionale, la restrizione sessuale, la devianza sociale e il successo economico. I tratti della storia della vita nell'adolescenza erano abbastanza stabili nel tempo e erano significativamente correlati alla strategia della storia della vita nei giovani adulti. Secondo i ricercatori,

"… nel momento in cui le persone raggiungono la metà degli anni venti, hanno formato una coerente strategia di storia della vita che è caratterizzata dalla loro salute generale, dall'approccio ai partner romantici e sessuali e dalla quantità di impegno che hanno dedicato all'educazione e all'occupazione ".

Sebbene sia chiaro cosa significhi vivere in un ambiente difficile (l'esposizione alla mortalità e alla violenza ha una definizione chiara), non è così ovvio quali siano gli specifici elementi imprevedibili dell'ambiente che influenzano maggiormente lo sviluppo della strategia della vita di una persona. . Un certo numero di importanti studi negli ultimi 20 anni hanno guardato al primo ambiente familiare per trovare indizi.

Famiglia

L'ambiente domestico di un bambino può svolgere un ruolo significativo nella strategia della storia di vita di un individuo. Mentre è certamente vero che l'investimento genitoriale umano è estremamente alto rispetto ad altre specie (Flinn & Ward, 2005), ci sono molte circostanze in cui i bambini vengono cresciuti in ambienti familiari imprevedibili con poca cura dei genitori. Vari studi, compresi quelli che hanno controllato gli effetti della trasmissione genetica, mostrano che le relazioni stressanti genitore-figlio e la genitorialità negativa hanno un effetto significativo sui tempi puberali. Questo effetto sembra essere più forte per le ragazze, sebbene lo stress familiare possa accelerare anche l'adrenarca nei maschi (vedi Belsky et al., 2007; Ellis & Essex, 2007; Tither & Ellis, 2008).

C'è anche una ricerca sugli effetti dell'assenza totale dei genitori sullo sviluppo della strategia della storia della vita. Poiché l'assenza del padre è più comune dell'assenza materna e mostra una maggiore variabilità culturale (ci sono società "padre-assente" e "padre-presente" ma non società "madre-assenti" coerenti), un'area di indagine particolarmente attiva è le conseguenze dell'assenza del padre sullo sviluppo della strategia della storia di vita di un individuo.

In generale, quando il padre non investe in cure parentali, c'è una tendenza per i ragazzi a vivere una vita più veloce – aumento della delinquenza, aggressività e altri indicatori di alto sforzo di accoppiamento (Figueredo, Brumbach, Jones, Sefcek, Vasquez e Jacobs , 2008). Dal momento che è più facile osberve un chiaro punto di riferimento della maturazione sessuale nelle ragazze (ad esempio, l'età del primo ciclo mestruale), c'è molta più ricerca sull'effetto dell'assenza del padre sulle ragazze. Le donne tendono anche a ricordare l'età del loro primo ciclo mestruale che consente studi retrospettivi.

In un'importante rassegna della letteratura, Ellis (2004) presenta la prova che le ragazze che crescono in una casa dove il padre è assente o negligente nella genitorialità hanno maggiori probabilità di passare attraverso il loro primo ciclo mestruale (cioè "menarca") da l'età di 12 rispetto ai loro coetanei. Infatti, l'età in cui le "ragazze assenti dal padre" tendono a passare attraverso il menarca è legata al numero di anni di assenza del padre, alla quantità di tempo che i padri hanno trascorso a prendersi cura delle figlie durante i primi cinque anni di vita e alla quantità di affetto osservato nelle relazioni genitore-figlio.

Le correlazioni comportamentali e psicologiche di avere un padre assente per le ragazze corrono in lungo e in largo, tendendo a scatenare tratti e comportamenti tipici della vita veloce come rapido sviluppo sessuale, maggiore fertilità, minore attaccamento adulto a partner romantici, maggiori livelli di manipolazione e sfruttamento atteggiamenti, meno cure parentali dedicate alla propria prole, maggiore comportamento a rischio, maggiore incidenza di disturbi affettivi, aggressività sociale, promiscuità sessuale e preferenza per la varietà sessuale.

Inquadrando gli effetti dell'assenza dei genitori sulla strategia della storia della vita in un contesto evolutivo, Belsky et al. (1991) e Chisholm (1993) sostengono che i bambini nei primi anni di vita usano il loro livello di sicurezza dell'attaccamento come un segnale di rischio e incertezza, e questo influenza quindi lo sviluppo della loro strategia riproduttiva. Un ambiente sicuro e prevedibile (vicinato, sociale e genitoriale) attiverà una strategia riproduttiva più lenta, con particolare attenzione alla successiva riproduzione e all'alto sforzo genitoriale. Un ambiente pericoloso e incerto, d'altra parte, innescherà la vita veloce, implicando una riproduzione anticipata, un maggiore sforzo di accoppiamento e un minore investimento dei genitori. Secondo la logica evolutiva (una prospettiva strettamente sull'occhio dei geni), se il padre di una ragazza non investe nelle sue cure, allora forse altri maschi agiranno allo stesso modo e quindi è evolutivamente adattivo a non contare sugli uomini come fornitori a lungo termine e invece impiegare una strategia di accoppiamento a breve termine.

L'interazione dinamica tra natura e nutrimento

La complessa e dinamica interazione tra natura e cultura si rafforza a vicenda. I geni delle persone, che sono parzialmente condivisi con i loro genitori, possono influenzare in una certa misura quali aspetti dell'ambiente in cui si impegnano e tali ambienti possono a loro volta innescare e rafforzare l'espressione di quei geni. Questo può essere sfortunato in situazioni in cui, ad esempio, i geni che predispongono a qualcuno a vivere una vita veloce inducono quella persona a correre rischi pericolosi che rendono il suo ambiente ancora più pericoloso, causando un ciclo pericoloso. Pertanto, guardando allo sviluppo della strategia della storia della vita, né l'ambiente né la composizione genetica possono essere visti in totale isolamento l'uno dall'altro.

Per esempio, se l'assenza del padre è dovuta a morte accidentale, e quindi la sua assenza non riflette i geni comuni tra padre e figlia, le probabilità della figlia di vivere una vita veloce sono molto inferiori a quelle che se l'assenza del padre è dovuta al divorzio o all'abbandono (Khron e Bogan, 2001). In altre ricerche, Comings et al. (2002) hanno scoperto che una variante del gene del recettore degli androgeni legato all'X tende a predisporre entrambi i padri all'assenza dai loro figli e figlie a vivere la vita veloce (ma si veda Jorn et al., 2004 dove questo risultato non è stato replicato). Gli effetti dell'ambiente iniziale devono tenere conto dell'influenza dei geni in comune tra il bambino e il genitore

Affascinanti ricerche epigenetiche che esaminano le interazioni genotipo per ambiente (GxE) suggeriscono anche che non tutte le persone sono ugualmente influenzate dalle condizioni ambientali. Alcune ragazze e ragazzi sono più reattive agli ambienti precoci stressanti rispetto ad altre perché sono biologicamente preparate per essere reattive a tali fattori scatenanti ambientali. Neonati e bambini con un temperamento altamente reattivo e emotivamente negativo tendono ad essere più influenzati dai genitori rispetto ad altri bambini, così come i bambini che trasportano un particolare recettore D4 allelle o alleli associati a bassa attività di MAOA (Bradley & Corwyn, 2008; Bakermans-Kraneburg & Van IJzendoorn, 2006; Caspi et al., 2002). Ambienti familiari stimolanti e di supporto sembrano avere un maggiore effetto positivo su questi bambini, e sembrano anche essere influenzati negativamente da ambienti duri e non sostenibili. In uno studio molto recente, Barry, Kochanska e Philibert (in corso di stampa) hanno esaminato la sicurezza dell'attaccamento nei neonati e hanno scoperto che i bambini con uno o due alleli brevi sul gene del trasportatore della serotonina (5-HTT) erano, senza sorpresa, influenzati dalla sensibilità materna ( la bassa sensibilità portava all'insicurezza dell'attaccamento), ma in modo interessante praticamente tutti quelli che portavano due lunghi alleli sono stati attaccati in modo sicuro indipendentemente dalla qualità dell'assistenza ricevuta.

Le revisioni dei modelli di Belsky et al. (1991) e Chisholm (1993) riconoscono questi importanti effetti genetici riportando i geni nel quadro. Belsky (2005) sostiene che mentre un ambiente familiare precoce e imprevedibile può avere un effetto sullo sviluppo della strategia di vita di una persona, non tutte le figlie sono ugualmente inclini alla vita veloce dopo aver vissuto in ambienti domestici imprevedibili. Questo certamente non significa però che tutte le persone non possano usare una vasta gamma di segnali per regolare la propria strategia di vita.

Il modello mutualmente reciproco di natura e cultura assicura che né i geni né l'ambiente da soli sono il destino (vedi Straight Talk su Twin Studies, Genes e Parenting: cosa ci rende chi siamo ). Solo perché la strategia della tua storia di vita ad una certa età è piuttosto stabile non significa che non puoi cambiare la tua strategia (se lo desideri); le strategie di life history sono estremamente plastiche e altamente sensibili ai trigger ambientali (sebbene ciò non significhi che il cambiamento sarà necessariamente facile). Cambia i trigger e aumenti le possibilità che cambi il pattern di attivazione dei geni. L'evoluzione ha "progettato" gli esseri umani per essere altamente sensibili agli stimoli ambientali e costruito in una grande quantità di plasticità nel genoma umano. Tale plasticità sarebbe più adattabile rispetto al rigido "hard-wiring" alla nascita della strategia di vita di una persona o consentendo all'ambiente di esercitare un controllo completo. Come spiegano Figueredo e colleghi (2005),

"La selezione naturale e sessuale presumibilmente favorirebbe una sufficiente plasticità evolutiva nel controllo della strategia della storia della vita per rispondere a una serie di contingenze adattative che erano attendibilmente presenti nella storia evolutiva umana. I nostri risultati sono coerenti con questa affermazione, indicando che una parte sostanziale della variazione dei tratti della storia di vita rimane sotto controllo ambientale. "

Inoltre, queste sono tutte correlazioni imperfette. Non tutti quelli con i geni della vita veloce cresciuti in ambienti difficili e imprevedibili inizieranno a vivere il veloce stile di vita. E non tutti quelli che vivono nello stile di vita veloce hanno necessariamente i geni della vita veloce o addirittura sono stati allevati in condizioni difficili e imprevedibili. Stiamo solo parlando di probabilità.

Il seducente fascino della vita veloce

Le ricerche precedenti avevano dimostrato un legame tra i tratti dell'ambiente iniziale e della storia di vita. Per esempio, c'è una ricerca che mostra un legame tra l'esposizione dei giovani alla violenza e le loro possibilità di fumare sigarette (Fick & Thomas, 1995), un legame tra l'età dei primi rapporti sessuali nell'adolescenza e la crescita in un quartiere socioeconomico basso ( Browning et al., 2005), e una relazione tra stress materno e sofferenza e sviluppo della strategia di vita nei ragazzi (Barry, Dunlap, Cotten, & Lochman, 2005).

La prospettiva della strategia di storia della vita, tuttavia, colloca queste scoperte in un solido quadro evolutivo e delinea le condizioni specifiche che aumentano la probabilità di vivere la vita veloce. Non è solo lo stress generale nel vicinato o qualsiasi aspetto dell'ambiente domestico che influenza il modo in cui si sviluppa la strategia della vita di una persona, ma in particolare un'interazione dei geni di una persona con un ambiente imprevedibile e alto nei rischi di mortalità che influenza principalmente se lui o lei, entro la metà degli anni '20, è probabile che sviluppi una storia di vita più veloce o più lenta.

Il fatto che una tale vasta gamma di comportamenti siano collegati tra loro, sono sostanzialmente sotto il controllo genetico e possono essere attivati ​​da particolari circostanze di vita urla in alta fedeltà Rock N 'Roll, per una spiegazione evolutiva (vedi Parte I, Evoluzione del digiuno Vita ). La teoria della storia della vita, derivata dai principi evolutivi, fornisce proprio questa spiegazione e predice che "la struttura della famiglia, il comportamento sessuale, il comportamento sociale e la personalità saranno correlati per produrre una strategia di storia della vita globale. "Per coloro che hanno una specifica costellazione di geni che vivono in condizioni ambientali difficili e imprevedibili, la vita veloce può essere particolarmente allettante.

© 2010 di Scott Barry Kaufman

Altre parti della serie

Parte I, Evoluzione della vita veloce

Parte III, attaccamento romantico nella corsia veloce

Parte IV, ribellione, rischio, devianza sociale e intervento educativo

Parte V, classe sociale e politica pubblica

Parte VI: Consilienza, Pop Culture e Modern Living

Riferimenti

Bakermans-Kranenburg, MJ, e van Ijzendoorn, MH (2006). Interazione genica-ambientale del recettore D4 della dopamina (DRD4) e insensibilità materna osservata che prevede un comportamento esternalizzante nei bambini in età prescolare. Psicobiologia dello sviluppo, 48 , 406-409.

Barry, TD, Dunlap, ST, Cotten, SJ, Lochman, JE, & Wells, KC (2005). L'influenza dello stress materno e dell'angoscia sui problemi di comportamento distruttivo nei ragazzi. Journal of American Academy of Child and Adolescent Psychiatry, 44 , 265-273.

Barry, RA, Kochanska, G., & Philibert, RA (in corso di stampa). Interazioni GXE nell'organizzazione dell'allegato. Psicologia dello sviluppo.

Bradley, RH e Corwyn, RF (2008). Comportamento infantile, genitorialità e comportamento esternalizzante in prima elementare: un test dell'ipotesi di suscettibilità differenziale. Journal of Child Psychology and Psychiatry and Allied Disciplines , 49 , 124-131.

Belsky, J. (2005). Suscettibilità differenziale all'influenza di allevamento. In BJ Ellis e DF Bjorklund (a cura di), Origini della mente sociale: psicologia evolutiva e sviluppo infantile (pp. 19-44). New York: The Guilford Press.

Belsky, J., Steinberg, L., & Draper, P. (1991). Esperienza infantile, sviluppo interpersonale e strategia riproduttiva: una teoria evolutiva della socializzazione. Sviluppo del bambino, 62 , 647-670.

Belsky, J., et al. (2007). Famiglia che legge l'antecedente dei tempi puberali. Sviluppo del bambino, 78 , 1302-1321.

Browning, CR, Leventhal, T., e Brooks-Gunn, J. (2005). Iniziazione sessuale nella prima adolescenza: il nesso tra controllo dei genitori e della comunità. American Sociological Review, 70 , 758-778.

Brumbach, BH, Figueredo, AJ, & Ellis, BJ (2009). Effetti di ambienti duri e imprevedibili nell'adolescenza sullo sviluppo di strategie di storia della vita. Human Nature, 20 , 25-51.

Caspi, A., McClay, J., Moffitt, TE, Mill, J., Martin, J., Craig, IW, et al. (2002). Ruolo del genotipo nel ciclo di violenza nei bambini maltrattati. Scienza, 297 , 851-854.

Chisholm, JS (1993). Morte, speranza e sesso: teoria della storia della vita e sviluppo di strategie riproduttive. Antropologia corrente, 34 , 1-24.

Coming, DE, Muhlemann, D., Johnson, JP & Mac Murray, JP (2002). Trasmissione genitore-figlia del gene del recettore degli androgeni come spiegazione dell'effetto dell'assenza del padre sull'età del menarca. Sviluppo del bambino, 73 , 1046-51.

Ellis, BJ (2004). Tempi di maturazione puberale nelle ragazze: un approccio integrato alla storia della vita. Bollettino psicologico, 130 , 920-958.

Ellis, BJ, & Essex, MJ (2007). Ambienti familiari, adrenarche e maturazione sessuale: una prova longitudinale di un modello di storia di vita. Sviluppo del bambino, 78 , 1799-1817.

Fick, AC, e Thomas, SM (1995). Crescere in un ambiente violento: relazione a credenze e comportamenti relativi alla salute. Gioventù e società, 27 , 136-147.

Figueredo, AJ, Vásquez, G., Brumbach, BH, & Schneider, SMR (2004). L'ereditarietà della strategia della storia della vita: il fattore K, la covità e la personalità. Biologia sociale , 51 , 121-143.

Figueredo, AJ, Vasquez, G., Brumbach, BH, Sefcek, JA, Kirsner, BR, e Jacobs, WJ (2005). Fattore K: differenze individuali nella strategia della storia di vita. Personalità e differenze individuali, 39 , 1349-1360.

Figueredo, AJ, Brumbach, BH, Jones, DN, Sefcek, JA, Vasquez, G., & Jacobs, WJ (2008). Vincoli ecologici sulle tattiche di accoppiamento. In G. Geher e G. Miller (a cura di), Intelligenza coniugale : sesso, relazioni e sistema riproduttivo della mente (pagine 337-365), Lawrence Erlbaum.

Flinn, MV, & Ward, CV (2005). Ontogenesi ed evoluzione del bambino sociale. In BJ Ellis e DF Bjorklund (a cura di), Origini della mente sociale: psicologia evolutiva e sviluppo infantile (pp. 19-44). New York: The Guilford Press.

Jorn, AF, Christensen, H., Rodgers, B., Jacomb, PA, e Easteal, S. (2004). Associazione di esperienze infantili avverse, età del menarca e comportamento riproduttivo degli adulti: il gene del recettore degli androgeni svolge un ruolo? American Journal of Medical Genetics: B, 125 , 105-111.

Khron, FB, & Bogan, Z. (2001). Gli effetti che i padri assenti hanno sullo sviluppo femminile e sulla frequenza al college. College Student Journal, 35 , 598-608.

Tither, JM, & Ellis, BJ (2008). Impatto dei padri sull'età delle figlie al menarca: uno studio genetico controllato dall'uomo e dall'ambiente. D Psicologia evolutiva, 44 , 1409-1420.

Solutions Collecting From Web of "La vita nella corsia veloce, seconda parte: sviluppare una strategia di vita veloce"