La vita è dura, e …

Sì, so tutto sul disegnare la negatività su di me se mi concentro sul 'cattivo' invece che sul 'bene'. I buddhisti dicono "la vita è sofferenza". E poi ci dicono che è tutto a causa dell'attaccamento, e se non siamo attaccati, allora quando "perdiamo" le cose non soffriremo. Bene, non importa quanto ho cercato di non attaccare, allego … alle persone che amo, al mio cane, al mio pianoforte che è stato il centro della mia vita creativa. Altre cose materiali, non molto. A causa della diagnosi di demenza di mio marito ho dovuto rinunciare a molti beni materiali … la casa che avevamo costruito, le macchine che avevamo, uno stile di vita che era stato generoso con i privilegi. Tutto si è schiantato e bruciato nei pochi minuti necessari al medico per darci la diagnosi.

Ho dovuto mettere il mio amato piccolo Yorkie, Pooh, a dormire qualche settimana fa e sono addolorato e soffrire per la perdita di lui. Ero attaccato in grande stile a quel piccolo cane da 6 chili intelligente, intenzionale, e negli ultimi 2 anni cane estremamente compromesso … con diabete, cecità, pressione alta, trachea collassabile e cuore e fegato ingrossati. L'ho tenuto in vita e non soffrendo e lui era determinato quanto me. Fino a quando non potevo più aiutarlo. Speravo che si sarebbe addormentato quando ne avrebbe avuto abbastanza della sua piccola vita, così che non avrei dovuto prendere una decisione e vederlo lasciare il mio mondo, ma non doveva esserlo.

È più che non averlo seduto vicino alla porta quando torno a casa, o dirigermi verso la cucina quando la campana del microonde si spegne, o gli anni di premere il suo piccolo corpo nel mio mentre dormivamo, o svegliarmi alle 3 del mattina per testarlo e dargli da mangiare, o leccandomi le lacrime quando piango per mio marito e l'ingiustizia della vita. Con la perdita di Pooh ho perso anche la mia bussola. Sono stato un badante per un tempo molto lungo. Pensavo di essere "solo" quando mio marito è andato in un centro di demenza ma non lo ero. Ho avuto Pooh. Non sapevo quanto mi impedisse di sentire quella solitudine e solitudine finché non era più qui per toccare, baciare, nutrire e curare.

Ora non ho nessun altro a cui badare tranne me. Non posso più accontentarmi di scegliere una serata da solo con il mio cane per qualcosa che richiederebbe uno sforzo o persone la cui compagnia era meno soddisfacente della sua. Devo capire chi sono senza il cappello del mio caregiver e dove vado da qui. La mia domanda è cosa, non chi, mi prenderà cura di me e dove mi porterà che non sono mai andato prima? Sono di nuovo nell'ignoto ancora.

Sono triste. Sono solo … e sì, anche se sono resiliente, ripeto: la vita è dura.

Ecco la parte 'e'. Rimango anche una persona positiva e al rialzo. Non sono nato in quel modo. Non sono stato educato in quel modo. Ho imparato da me stesso come trovare la gioia nel dolore. Come trovare il sole in una giornata grigia anche se devo dipingere uno sulla mia finestra. Mi addoloro per il mio dolce piccolo Pooh e troverò la bellezza che mi circonda nell'amore della famiglia e degli amici; nel lavoro che faccio; nell'apprezzare i miei sforzi per sostenere le agenzie che salvano animali maltrattati; nella faccia grata del senzatetto che accetta il pranzo che ho fatto per lui; nel suono improbabile di un uccello cinguettante, qui al 26 ° piano del mio condominio di New York; negli alberi in erba a Central Park.

La primavera segue sempre l'inverno, non importa quanto squallida.

La vita è dura … e sopravviverò.

Solutions Collecting From Web of "La vita è dura, e …"