La vita dopo il burnout

Mentre mi sedevo per scrivere questo – il mio primo blog dopo più di un anno – dovrei spiegare dove sono stato tutto questo tempo; perché una pausa così lunga? Pensavo di aver smesso di bloggare (e di essere attivo sui social media) perché avevo finito con quell'aspetto della mia carriera. Pensavo di voler andare avanti, magari pensare alla pensione e perseguire altri interessi, poi recentemente mi ha colpito: avevo bisogno di una pausa perché ero bruciato. Proprio non me ne sono reso conto al momento.

Medico guarisci te stesso

Fino alla fine del 2015, stavo lavorando a un pilota sparato in Colorado e in California, ancora con il mio studio a Lake Charles, e lavorando al mio ultimo libro, The ADHD Advantage: Quello che pensavi fosse una diagnosi potrebbe essere la tua più grande forza , io volerebbe anche avanti e indietro settimanalmente a New York per fare commenti alle notizie sulle principali reti via cavo. Ho scritto di questo periodo in un capitolo del mio libro, Better than Normal: come ciò che ti rende diverso può renderti eccezionale , e guardando indietro ora, è difficile per me ricordare come ho gestito tutto questo.

Sono molto energico, quindi ho gestito la parte da viaggio abbastanza bene, ma non c'è dubbio che mi sentivo come se stavo correndo su qualche fonte extra di energia che mi ha fatto andare avanti per settimane alla volta. Mi sono persino sentito annoiato nei fine settimana che non erano completamente prenotati con attività back-to-back. Non mi è mai venuto in mente che avrei potuto spingere la mia busta, lasciandomi pochissimo spazio per le emergenze o altri fattori di stress.

Geralt/Pixabay
Fonte: Geralt / Pixabay

Quando The ADHD Advantage è stato pubblicato nell'agosto 2015, ho quindi aggiunto un tour completo del libro nel mix. Stavo gestendo, ma a malapena, fino a quando mi sono trovato di fronte a sfide importanti nella mia famiglia e nella mia vita personale. Piuttosto che modificare il mio programma, mi sono semplicemente accatastato, di nuovo, senza pensare molto a quanto ero stanco, sia fisicamente che mentalmente.

Poi è successo. Non volevo più fare la TV, non volevo scrivere un altro libro e non avevo voglia di aggiornare i social media perché non pensavo di avere molto da condividere. Non sono il tipo per parlare dei miei problemi, perché credo nel potere della speranza e un atteggiamento positivo, quindi non mi è venuto in mente di condividere che stavo attraversando un periodo difficile. Invece, ho solo pensato che la mia mancanza di ispirazione e motivazione a dire qualcosa significava che non avevo nulla da dire, ed era giunto il momento di trovare qualcosa di nuovo da perseguire.

Ho lasciato il viaggio avanti e indietro, e ho fatto un passo indietro per meditare sulle mie altre opzioni. Naturalmente, dopo aver fatto un passo indietro, ho avuto un po 'di riposo, ho passato del tempo con la mia famiglia e sono tornato a vivere quello che la maggior parte delle persone considererebbe una vita "normale".

Ma dopo diversi mesi, ero irrequieto. Mi sono reso conto che mi mancava l'interazione. Leggevo i post delle persone sui social media e mi rendevo conto che avevo qualcosa da dire. Volevo aiutare le persone, volevo dare consigli e fare molte delle stesse cose che pensavo di aver fatto. È diventato abbastanza ovvio che non volevo andare in pensione per niente!

Così mi sono seduto per scrivere questo post, e proprio come ho detto, mi ha colpito: non avevo finito, ero distrutto.

Se avessi considerato il testo del mio libro con più attenzione, avrei potuto individuare il vero problema prima. È tutto lì dentro, il Modello del Continuum, e la descrizione di come i livelli di energia fluttuano, e la chiave per le persone come me è capire i loro stati d'animo, identificare alti e bassi e adattarsi di conseguenza. Ma non l'ho fatto. Ho appena deciso di smettere.

Il fatto è che ho avuto il lusso di poter cambiare marcia come ho fatto io. Non tutti possono farlo. Se quello che è successo a me è successo alla maggior parte delle persone, finiscono nei guai reali, nelle loro carriere, nelle loro vite personali o in entrambi. La maggior parte delle persone non può semplicemente svegliarsi un giorno senza un piano e fermarsi solo perché non vogliono più fare ciò che stanno facendo, non importa quanto stressante possa essere.

Con questo in mente, voglio usare il resto di questo post per condividere con voi alcuni dei primi segnali di allarme di burn out, quindi non aspetterete fino a quando non arriverete al punto in cui dovrete allontanarvi completamente come ho fatto io .

Stai bruciando? Trova i segni!

Prima di tutto, cos'è esattamente il burnout? È quando ogni giorno è una brutta giornata e ti senti annoiato o sopraffatto il più delle volte. Non sei solo stanco, ti senti come se stessi camminando attraverso jello. È una sensazione che può insinuarsi nella tua vita personale e nelle relazioni, ma generalmente inizia a lavorare, o come risultato della tua routine quotidiana. Le mamme casalinghe possono essere bruciate, così anche gli studenti.

Il burnout può anche essere il risultato di relazioni difficili o di situazioni personali. Prendersi cura di un parente anziano o malato, passare attraverso una separazione o un divorzio, o semplicemente occuparsi di una persona tossica, al lavoro o nella vita personale. Qualunque cosa ti spinga oltre i tuoi limiti in modo troppo coerente, per troppo tempo, può metterti a rischio di esaurimento.

Se il tuo cervello o il tuo corpo getta la spugna dipende prima se stai spingendo te stesso fisicamente o emotivamente, ma è probabile che vedrai i segnali di avvertimento di tensione in entrambi allo stesso tempo.

A differenza dello stress, in cui le persone si sentono a loro agio se riescono a tenere le cose sotto controllo, il burnout ti lascia svuotato, immotivato e al di là di attenzione. Le persone che stanno vivendo il burnout spesso non vedono alcuna speranza di cambiamento positivo nelle loro situazioni. È davvero un passo avanti alla depressione clinica sul continuum e puoi guardarlo come un segnale di avvertimento che la tua vita è fuori equilibrio.

"Se lo stress eccessivo è come annegare nelle responsabilità, il burnout si sta esaurendo".

Per fortuna il burnout non è inevitabile. Puoi guardare i segnali e essere proattivo quando li vedi. Se inizi a notare una delle seguenti cose nella tua vita, devi prestare attenzione.

Geralt/Pixabay
Fonte: Geralt / Pixabay

Sintomi fisici

Stanchezza – non solo sonnolenta, ma quella sensazione pesante e pesante che non migliora subito, anche dopo una buona notte di sonno. Devi trascinarti fuori dal letto, o trovarti ad addormentarti alla scrivania, oa sognare ad occhi aperti senza l'intenzione di farlo. Cominciano ad apparire l'insonnia e altri cambiamenti nelle abitudini del sonno.

Disturbi digestivi – bruciore di stomaco frequente, nausea, diminuzione dell'appetito.

Mal di testa : mal di testa da tensione, emicrania, forse causata da affaticamento degli occhi, o come conseguenza della privazione del sonno o della disidratazione (entrambi comuni quando si spinge forte).

Immunità abbassata : si sente malandato e spesso si ammala.

Mal di schiena – Ti senti come se potessi sempre trarre beneficio da un massaggio o avere qualcuno che ti spacca la schiena? È normale portare tensione nella schiena quando ci si avvicina al burnout.

Sintomi emotivi e comportamentali

La noia – il sintomo emotivo più comune del burnout è una noia generalizzata. Non sei infelice, non sei semplicemente felice. Le cose che ti piacevano non sembrano divertenti o impegnative. Hai un sentimento generale di "stato-di-essere-quello", specialmente di cose che ti eccitavano, e non c'è una ragione ovvia per cui. L'unica cosa che è cambiata è quanto tempo hai fatto quella cosa, o quanto intensamente.

Confusione o dimenticanza – è necessario scrivere tutto, e controllarlo due volte tante volte, ma ancora scoprire che le cose stanno ancora scivolando attraverso le fessure. La tua mente sta vagando quando le persone ti parlano, e ti confondi facilmente se qualcuno parla troppo velocemente o ti fa troppe domande contemporaneamente. Se cerchi di imparare qualcosa di nuovo, è più difficile del solito, o ti senti come se stessi facendo girare le ruote senza fare progressi.

Impazienza e irritabilità : ti ritrovi a perdere la calma più spesso o a piangere più facilmente. Piccole cose ti mettono fuori gioco e non ti interessa uscire o passare il tempo con gli amici di famiglia. Se sei con gli altri, potresti ritrovarti a eliminare le tue frustrazioni o la tua noia.

Frustrazione o cinismo : non sei sicuro di vedere più il punto di ciò che stai facendo. Non ti senti motivato o apprezzato, e potresti anche iniziare a saltare il lavoro o arrivare abitualmente in ritardo. La procrastinazione diventa un meccanismo di coping, e poi ti senti più sopraffatto e frustrato di quanto non lo fossi prima.

L'uso del cibo e dell'alcool per far fronte a ciò – il comfort alimentare o una bevanda quotidiana (o entrambi) diventano più simili alle necessità che alle leccornie, e inizi a chiedervi se potreste passare la giornata senza di loro.

Naturalmente, questi potrebbero anche essere sintomi di altre cose, come un disturbo della tiroide o depressione clinica, quindi se qualcuno di questi suoni familiare, dovresti parlare con il tuo medico il prima possibile. Se tutto si verifica, dovresti seriamente considerare se stai bruciando come fossi.

Pensi di bruciare? Ecco cosa fai.

Fai qualche introspezione, fai qualche domanda, pensa di fare qualche miglioramento. Pensa alla tua vita personale. Avete un supporto sociale e lavorate l'equilibrio della vita? E il tuo lavoro? Ti senti in controllo della tua carriera, hai chiare aspettative di lavoro e senti che il lavoro è "adatto" alle tue capacità o ai tuoi interessi? Se non rispondi a queste domande, potresti concentrarti sulle aree della tua vita che potrebbero essere causa del burnout.

Più importante, abbi fiducia nel tuo intestino. Se ti svegli ogni giorno e ti senti come se qualcosa non fosse giusto, o le persone che conosci bene ti stanno dicendo che non sembri il tuo "vecchio sé", corri attraverso queste domande e fai un piano. Anche se scopri che è già troppo tardi, ti riprenderai dal burnout molto più velocemente se lo riconosci per quello che è.

Per quanto riguarda il trattamento, questo è molto individuale centrico. A volte una semplice modifica di vacanza o stile di vita può fare il trucco, altre volte potrebbe essere necessario un cambio di carriera o una revisione della vita totale. Come sottolineo costantemente, trascorro molto tempo da solo e faccio qualche riflessione profonda. Questo è fondamentale e utile per capire cosa ti sta succedendo.

Se proprio non riesci a trovare le risposte, potrebbe essere necessario un terapeuta per aiutarti a sistemare le cose.

Solutions Collecting From Web of "La vita dopo il burnout"