La vita è bella, la vita è dura e poi muori

Pixabay, CC0 Public Domain
Fonte: Pixabay, CC0 Public Domain

Molti articoli di Psychology Today incoraggiano le persone a introspettarsi. Dopo tutto, c'è almeno una certa legittimità nell'ammonimento di Socrate che la vita non esaminata non vale la pena di essere vissuta.

In un altro mio tentativo di piegare il genere, invece di un how-to article o checklist, ecco un dibattito interno sulla gioia contro il nichilismo, sul fatto che, per la maggior parte delle persone, la vita sia bella o "sia dura e poi muori.

Forse suggerirà qualcosa che potresti voler fare per avvicinare la tua vita alla "vita è bella" della fine del continuum.

PERSON: Ovviamente la vita è bella: c'è amore, natura, famiglia, bellezza, l'iPhone per l'amor di Dio. È tutto miracoloso.

ALTER EGO: Sì, se non stai lottando per sopravvivere. Sai quante persone sono senza casa o ad un passo? E anche se hanno un lavoro, stanno facendo un lavoro di succhia-anima che sempre più probabilmente è part-time, temp, e pagando salari di merda.

E stiamo parlando di persone sane: che dire dei miliardi di dollari con la depressione, l'ansia, per non parlare della schizofrenia. E non dimenticare le malattie fisiche come il diabete, l'insufficienza cardiaca, l'AIDS e il cancro. E che dire dei letteralmente miliardi di persone sulla terra che vivono con 1 o 2 dollari al giorno, che lottano per completare un'aspettativa di vita media di 45 anni, vivono il caldo soffocante, affamati, combattono la malaria e in una cultura che può credere che l'AIDS è curato facendo sesso con un bambino?

PERSONA: Stai guardando il vetro come 9/10 vuoto. Non è. Persino le persone che vivono modestamente, anche nelle nazioni in via di sviluppo, non si lamentano dei disgraziati. Quando ho visitato la povera gente in Costa Rica, sembravano più felici di noi. E negli Stati Uniti, quasi tutti hanno cibo, acqua pulita, trasporti, una rete di sicurezza non ufficiale per la sanità e alloggi che non comprendono cartone ondulato. L'83% delle persone sceglie di pagare per la TV via cavo e nel 2015 il 68% degli americani possedeva uno smartphone, rispetto al solo 35% di quattro anni prima.

ALTER EGO: un grosso problema, una TV e uno smartphone.

PERSONA: è un grosso problema. La ricerca Google di uno smartphone ti connette istantaneamente a gran parte delle informazioni del mondo. E quel piccolo dispositivo ti consente di telefonare, inviare messaggi, inviare foto e video a chiunque nel mondo. Dai!

ALTER EGO: Sì, se possono permettersi i $ 1.000 all'anno.

PERSONA: Come ho detto, il 68% degli americani lo fa e la percentuale è alle stelle.

ALTER EGO: Se la vita negli Stati Uniti è così meravigliosa, come mai 16 milioni di americani soffrono di depressione? Come mai 9.3 milioni di americani considerano ogni anno il suicidio, incluso il 17% degli studenti delle scuole superiori?

PERSONA: Ignora gli oltre 300 milioni di americani che non sono né depressi né suicidi. Inoltre, il problema non è quello che è lo status quo. È se la vita offra alla maggior parte degli americani l'opportunità, con uno sforzo moderato, di avere una bella vita. Anche se il tuo lavoro è banale, ad esempio, ristorante o operaio, puoi sentirti produttivo, fare amicizia con i colleghi e avere un appartamento a temperatura controllata, e almeno goderti i semplici piaceri della vita: musica, arte, natura, sport, un creativo hobby, mangiare, amici, sesso, amore.

ALTER EGO: stai assumendo che sia tutto così facile. Sembra che quasi tutti quelli che conosco abbiano un grosso problema: stanno pagando un prestito studentesco che non possono permettersi. Si stanno prendendo cura del loro bambino incasinato o parente morente. Hanno il loro problema di salute. Le spese per l'alloggio e il college sono ridicole. Stanno combattendo contro i creditori. Sono sopraffatti. Mai camminare per strada e guardare i volti delle persone? La metà di loro sembra stressata o insensibile.

PERSONA: sei tornato a concentrarti sul bicchiere mezzo vuoto e stai ignorando la malleabilità della tua vita. Questo dibattito con me stesso mi sta facendo capire che devo fare un piccolo sforzo in più. No, la mia vita non diventerà un orgasmo senza sosta, ma sarà molto meglio di "La vita è dura e poi muori".

ALTER EGO: Sì, big shot, cosa hai intenzione di fare che non richiederà uno sforzo irrealisticamente grande e migliorerà ancora la tua vita in modo significativo?

PERSON: Sarò grato per il mio lavoro. Comincerò a praticare di nuovo la chitarra e cercherò di migliorare la mia relazione.

ALTER EGO: ci crederò quando lo vedrò.

Il Takeaway

Certo, dove cadi nel continuum tra la vita è buona e la vita è orribile è molto influenzata da chi sei nato e da altri incidenti del destino. Ma non completamente.

Quindi, alla luce della lettura del dibattito di cui sopra, c'è qualcosa che vuoi impegnarti a fare per spostare la tua vita più vicino alla "vita è buona" fine del continuum?

La biografia di Marty Nemko è su Wikipedia. Il suo nuovo libro, il suo 8 °, è Il meglio di Marty Nemko .

Solutions Collecting From Web of "La vita è bella, la vita è dura e poi muori"