La vita agli estremi di David Bowie

Dalla morte di David Bowie a gennaio 2016 ho scritto numerosi articoli sulla psicologia di Bowie (puoi leggerne un paio qui e qui) ma questo articolo dà uno sguardo agli aspetti più estremi della vita di Bowie. Come fan di lunga data di David Bowie, ho intenzione di scrivere questo particolare articolo per molto tempo, ma non ci sono mai riuscito. Avevo fatto un sacco di appunti presi da varie biografie di Bowie (vedi 'Ulteriori letture' sotto) ma il dott. Dean Ballinger (Università di Waikato) mi ha picchiato pubblicando un articolo simile a quello che avevo programmato nel numero di marzo 2016 del Fortean Times .

Durante i cinquant'anni di musica di Bowie è stato intervistato su quasi tutti gli argomenti possibili, ma sono sempre le interviste sui suoi soggetti più estremi ed esoterici che hanno attirato la mia attenzione sia che riguardassero le sue convinzioni religiose e spirituali, le sue opinioni politiche o la sua filosofia morale. Ho sempre cercato significati nascosti nei suoi testi e ho ritenuto che i suoi testi fornissero una visione della sua personalità tanto quanto qualsiasi altra cosa che ho visto o letto su di lui nella stampa e nei media. Come la maggior parte degli altri fan di Bowie, ho studiato il testo del suo ultimo album in studio, Blackstar, ora sapendo che l'ha scritto e registrato mentre soffriva di una forma aggressiva di cancro. L'album è probabilmente il più criptico e misterioso dai classici della seconda metà degli anni '70 ( Station To Station , Low , e "Heroes" ) – anche se adoro anche 1.Outside e Heathen sia dal punto di vista lirico che musicale.

Guardando indietro, era probabilmente la title track di "Station To Station" che mi ha fatto davvero riflettere su cosa stesse succedendo nella testa di Bowie. Sebbene Bowie dica di essere "fuori di testa" alla cocaina in quel momento (e ha un piccolo ricordo della registrazione dell'album), i testi (da adolescente) non avevano alcun senso per me ( "Here are we / One magical movement / Da Kether a Malkuth / Ci sei / Guidi come un demone / Dalla stazione alla stazione " ). Non avevo idea che Kether ( "la corona" – volontà divina o luce pura) e Malkuth ( "la regalità" – il ricettacolo vivificante della luce) provenisse dalla Kabbalah (una scuola di pensiero esoterica radicata nel giudaismo) che rappresentava due dei dieci sephirots (a volte compitato 'sefirots') nell'albero della vita.

Durante i suoi giorni alimentati a cocaina, Bowie raramente dormiva e riempiva il suo tempo leggendo libri. Non solo libri sulla Kabbalah ma anche libri sull'occulto (alcuni libri di Aleister Crowley, Louis Pauwel e Jacques Bergier di The Morning of the Magicians , i libri di Israel Regardie sull'Ordine Ermetico della Golden Dawn), sulle ossessioni simboliche del nazismo (in particolare, The Spear of Destiny di Trevor Ravenscroft), e carte difensive di magia e tarocchi (Dion Fortune's Psychic Self-Defense ) e libri più generali sulla storia segreta del cristianesimo, degli UFO, delle cospirazioni politiche e della numerologia. Vale anche la pena notare che il personaggio del 1976 di Bowie ("Il sottile duca bianco" nella sua lirica "Station To Station") è quasi certamente tratto dalla poesia erotica di Crowley ("Il ritorno del sottile duca bianco che si fa colorare di bianco" dal libro del 1898 Macchie bianche ).

È stato affermato da Chris O'Leary (autore dell'eccellente Rebel Rebe e fondatore del sito Pushing Ahead of The Dame ) che "l'immersione di Bowie nella Kabbalah era parte di una ricerca spirituale che lo ha portato dal buddhismo tibetano (si è quasi unito a lui un monastero alla fine degli anni '60, fino a quando il suo insegnante gli disse che avrebbe fatto un musicista migliore del monaco) al misticismo cristiano, all'adorazione occulta e ad un flirt con l'immaginario neo-nazista che quasi deragliò la sua carriera quando si scoprì che aveva collezionato nazisti memorabilia”. Non mi ero reso conto che Bowie avesse fatto riferimento all'occulto in altre canzoni precedenti come "Quicksand" (L'Ordine della Golden Dawn – un'organizzazione di fine XIX / inizio XX secolo dedicata alla pratica dei fenomeni occulti, metafisici e paranormali, e la radice delle più tradizionali pratiche occulte dei giorni moderni come Thelema e Wicca) e del buddismo tibetano (più specificamente il suo uso della parola "Bardo" nella canzone – lo stato di esistenza intermedio tra due vite sulla terra).

L'interesse di Bowie per il Buddismo e il Tibet risale agli anni '60, come dimostrano canzoni come "Silly Boy Blue" (primo demo del 1965). In un'intervista di Bowie con Melody Maker (24 febbraio 1966) note:

"Voglio andare in Tibet. È un posto affascinante, sai. Mi piacerebbe fare una vacanza e dare un'occhiata nei monasteri. I monaci tibetani, i lama, si seppelliscono all'interno delle montagne per settimane e mangiano solo ogni tre giorni. Sono ridicoli, e si dice che vivano da secoli … Per quanto mi riguarda, l'intera idea della vita occidentale – questa è la vita in cui viviamo ora – è sbagliata. Queste sono difficili convinzioni da inserire nelle canzoni, però ".

Chris O'Leary ha anche osservato che:

"L'interesse di Bowie per il buddismo tibetano non era un'affettazione di moda improvvisa – aveva iniziato ad esplorare la religione quando era nella sua adolescenza, ispirandosi per la prima volta a leggere il libro di Heinrich Harrer nel 1952 Seven Years in Tibet, e alla fine incontrò e fece amicizia con il tibetano lama Chimi Youngdong Rimpoche, che fu esiliato a Londra. Bowie ha persino fantasticato di diventare un monaco buddista, tagliandosi i capelli e tingendoli di nero, indossando abiti color zafferano e persino cambiando il colore della sua pelle (avrebbe dovuto accontentarsi di diventare Ziggy). Il buddhismo è stato una delle prime influenze nelle sue canzoni: aveva inteso per il coro di sostegno del suo singolo "Baby Loves That Way" suonare come cantori canori ".

Bowie non sembrava avere forti credenze religiose. In un'intervista del 1997 ha notato che c'era un "costante bisogno in me di vacillare tra l'ateismo o una specie di gnosticismo … quello di cui ho bisogno è trovare un equilibrio, spiritualmente, con il modo in cui vivo e la mia morte", ma in relazione a pensieri sulla sua stessa mortalità ha detto "Credo in una continuazione, una specie di stato di sogno senza i sogni. Oh, non lo so. Tornerò e te lo dirò ". In aggiunta alle sue inclinazioni spirituali, il dottor Ballinger nel suo articolo del Fortean Times del 2016 giunge a dire che i temi occulti e paranormali costituivano una "dimensione integrale" della carriera di Bowie. Chiaramente Bowie aveva un interesse per gli alieni, la fantascienza e il paranormale che si riflette in molti dei suoi singoli risalenti a "Space Oddity" (1969) fino a "Loving The Alien" (1984) e "Hallo Spaceboy" (1994) ( così come molte tracce di album e la sua svolta come attore nel film di Nic Roeg The Man Who Fell To Earth ). Il dott. Ballinger ha anche sostenuto che:

"Bowie stava anche leggendo argomenti esoterici e idee alternative in un modo relativamente approfondito oltre la caduta del nome alla moda, reso chiaro dalle canzoni del suo quarto album, Hunky Dory (1971). Il simpatico pop di "Oh You Pretty Things!" è smentito dai testi che evocano una visione piuttosto sinistra dell'evoluzione spirituale, in cui l'ascoltatore è invitato a "farsi strada" per "la prossima gara" dei super-bambini Nietszchiani "homo superior" … Anche la "prossima gara" è un probabile cenno del capo al romanzo di Bulwer-Lytton con lo stesso nome che divenne un caposaldo del mito "Vril" associato ai nazisti di mente occulta, un argomento che avrebbe un'influenza piuttosto negativa su Bowie nel prossimo futuro. Più palese è la ballata 'Quicksand', in cui Bowie espone un manifesto New Age – 'Io non sono un profeta o un uomo dell'età della pietra / Solo un mortale con il potenziale di un superuomo' – con riferimento alla tradizione magica occidentale (' Sono più vicino alla Golden Dawn / Immersed nell'uniforme / nell'immaginario di Crowley, [e] The Tibetan Book of the Dead ("Puoi raccontarmi tutto sul prossimo Bardo") ".

Bowie non è stato il primo musicista a utilizzare il Tibetan Book of the Dead come ispirazione per i testi. Più notoriamente, John Lennon l'ha usato per il classico dei Beatles "Tomorrow Never Knows", la traccia finale dell'album Revolver del 1966 (qualcosa che ho dimenticato di menzionare nel mio precedente articolo su Bowie e The Beatles). Tuttavia, John Lennon ha basato i suoi testi dopo aver letto The Psychedelic Experience: Un manuale basato sul libro tibetano dei morti scritto da Timothy Leary, Ralph Metzner e Richard Alpert. (E mentre sto uscendo con le tangenti, volevo solo dire che il libro più famoso di Alpert Be Here Now è il titolo del terzo album degli Oasis (Beatle-loving).

Il dott. Ballinger sostiene inoltre che nell'episodio discografico di Bowie del 1972 The Rise and Fall di Ziggy Stardust e Spiders From Mars ci sono state "evidenti risonanze tra occultismo e carriera musicale" e che ha tratto ispirazione da una vasta gamma di influenze culturali esoteriche per trovare "idee stimolanti e immagini da esplorare in testi, costumi e video" . Ballinger afferma anche che il lavoro di Bowie in questo momento della sua carriera aveva un rapporto più integrale con la teoria e la pratica della magia e dell'occultismo:

"L'eredità di Parsing Crowley, uno degli aspetti chiave della magia è la trasformazione del sé (e, possibilmente, la più ampia realtà sociale) attraverso atti che focalizzano l'immaginazione / volontà verso tale cambiamento, atti quali sesso, consumo di droghe, meditazione, e performance creative (es. rituali). In questo modo Bowie può essere considerato un musicista decisamente magico la cui intera carriera ruota intorno alla trasformazione del sé e della cultura più ampia attraverso le "performance rituali" della musica rock, come concerti, registrazioni e video. Nel suo periodo più influente degli anni '70, Bowie creò personalitàe (come Ziggy, Aladdin Sane e il Thin White Duke) e intraprese esperimenti musicali ("l'anima di plastica" di Young Americans e la sintesi avanguardistica / krautrock / funk di la "trilogia di Berlino") che a sua volta ha trasformato la cultura rock ispirando decine di altri artisti. La piegatura di genere è stato un aspetto notevole delle personalità di Bowie in questo periodo (ad esempio, la foto di copertina androgina di L'uomo che vendette il mondo (1970) o il video del 1979 per 'Boys Keep Swinging'), e la coltivazione di bisessuali le sfumature nei suoi testi e nella sua interpretazione ("John, I'm Only Dancing" come un racconto di angoscia bisessuale), sono anche interessanti da considerare in relazione all'enfasi posta da Crowley sulla sessualità come componente fondamentale della trasformazione magica ".

Come alcune delle migliori musiche dei Beatles, alcune delle migliori musiche fatte da Bowie erano mentre usava droghe in modo eccessivo (spesso descritto dai suoi biografi come una "psicosi indotta dalla cocaina"). Lo stesso Bowie sostiene che nel 1975 aveva una scarsa salute mentale e fisica, ma ironicamente stava producendo parte della migliore musica (e recitazione) della sua carriera. Tuttavia, la dipendenza da cocaina di Bowie è stata anche usata come scusa per il suo comportamento durante il periodo 1976 in cui flirtava con l'occultismo nazista e sosteneva che il Regno Unito avrebbe beneficiato di un leader fascista ( "Penso che potrei essere stato un maledetto Hitler Sarei un dittatore eccellente, molto eccentrico e piuttosto folle " ). Molti musicisti hanno affermato di essere interessati alle immagini e alla moda naziste (ad esempio, Bryan Ferry) e altri hanno collezionato cimeli nazisti (ad esempio, Lemmy), ma questi interessi non significano che tali persone siano amanti del nazismo o fascisti.

Gli interessi esoterici e occultisti di Bowie sembrano diminuire mentre la sua carriera progredisce e non è stato fino al suo album finale che Bowie sembrava usare la musica (e i video promozionali di accompagnamento) in un modo simbolico per le persone a reinterpretare la sua musica come un criptico nota di morte a tutti i suoi accoliti hardcore (di cui includerei me stesso). A meno che Bowie non lasci alcuna spiegazione per le sue ultime sette canzoni, possiamo solo ipotizzare. Tuttavia, ti lascio con i pensieri del dottor Ballinger che ha fatto un lavoro migliore di quello che potrei mai fare:

"L'album Blackstar ha visto Bowie uscire con un botto decisamente occulto … Come ogni precedente copertina dell'album di Bowie ha ritratto un ritratto, la" stella nera "a cinque punte di questo è presumibilmente pensata per rappresentare anche Bowie – forse nella sua ultima personalità come spirito (la stella a cinque punte è un classico simbolo ermetico / gnostico di "uomo come microcosmo", con l'immagine contraddittoria di una "stella nera" che evoca anche un koan o l'unione alchemica degli opposti). L'atmosfera inquietante evocata dai testi della title track – "Nella villa di Ormen / Stand una candela solitaria / Nel giorno dell'esecuzione / Solo donne stanno e sorridono" – è evocata con successo nel video per la canzone. Bowie è raffigurato come un predicatore di una fede oscura del 21 ° secolo, brandendo una bibbia Blackstar tra gli accoliti la cui "danza" spasmodica suggerisce uno stato di possesso. Una lettura delle immagini qui come analoga a Crowley e al suo Libro della Legge è forse adatta; il regista Johan Renck, che ha progettato i video con Bowie, ha citato Crowley come punto di riferimento. Una sorta di sottotesto ermetico / gnostico sull'eternità, lo spirito e la carne è ulteriormente implicito nell'immaginario dell'altra "trama" del video, in cui l'ombra di un astronauta morto – lo stesso Bowie, nel suo personaggio formativo di Major Tom? – galleggia in una "stella nera" dell'eternità, prima, in un possibile riferimento orfico, lasciando dietro di sé il suo teschio ingioiellato per la venerazione rituale di una setta di donne mutanti. Dove i tratti esoterici del video "Blackstar" sono inquietanti, quelli del video di "Lazarus" sono commoventi. Bowie interpreta se stesso come un paziente in un letto d'ospedale, il cui armadio è un portale dal quale appare un sosia che è apparentemente destinato a significare il suo spirito essenziale. Questa figura non è vestita come Ziggy, il Thin White Duke o uno dei personaggi più famosi di Bowie, ma nella tuta nera a righe in cui ha intrapreso il famoso servizio fotografico occulto per Station to Station, in cui è raffigurato mentre disegna simboli Kabbalistici sul parete. Il fatto che Bowie abbia scelto questo costume per la sua interpretazione di prestigio suggerisce che stava dando un sottile cenno del capo al profondo e duraturo significato metafisico che questo periodo aveva avuto sul resto della sua vita ".

Riferimenti e ulteriore lettura

Ballinger, D. (2016). Il mago che ha venduto il mondo. Fortean Times, 338, 28-33.

Buckley, D. (2005). Strange Fascination: David Bowie – The Definitive Story. Londra: Virgin Books.

Cann, K. (2010). Any Day Now: David Bowie The London Years (1947-1974). Adelita.

Goddard, S. (2015). Ziggyology . Londra: Ebury Press.

Hewitt, P. (2013). Album di David Bowie per album. Londra: Carlton Books Ltd.

Leigh, W. (2014). Bowie: la biografia. Londra: Galleria.

O'Leary, C. (2016). Ribelle ribelle. Alresford: Zero Books.

Pegg, N. (2016). Il completo David Bowie . Londra: Titan Books.

Rogovoy, S. (2013). La storia segreta ebraica di David Bowie. Forward.com, 16 aprile. Si trova all'indirizzo: http://forward.com/culture/174551/the-secret-jewish-history-of-david-bowie/

Seabrook, TJ (2008). Bowie a Berlino: una nuova carriera in una nuova città . Londra: Jawbone.

Spitz, M. (2009). Bowie: una biografia. Archetipo della corona.

Trynka, P. (2011). Starman: David Bowie – The Definitive Biography . Londra: Little Brown & Company.

Solutions Collecting From Web of "La vita agli estremi di David Bowie"