La verità di una donna: posizionare il suo bambino per l'adozione

Madre, incinta. Baby, nato. Il piccolo che è cresciuto dentro ora se n'è andato, tra le braccia di qualcun altro. Ma il legame che accade solo nel grembo materno, che rimane ancora. Leggi le parole e le immagini che lampeggiano nella nostra mente. Si riverberano, eco.

Alcune donne scelgono di mettere il loro bambino in adozione e la loro decisione è attentamente pensata, portata avanti con tenerezza e cura. Hanno un sostegno familiare per affrontare il naturale, normale dolore. D'altra parte, per alcune donne il cui figlio è adottato, l'esperienza di arrendersi al loro bambino non è stata affatto una scelta e potrebbe non esserlo stata.

Ci sono stati spettacoli televisivi, tra cui The Locator, Find My Family e Adoption Diaries che hanno evidenziato aspetti del processo. Terri Rimmer si offrì di condividere le sue intuizioni e le sue esperienze * qui sul parto, e decidendo che era meglio che sua figlia fosse adottata da un'altra famiglia. Terri, spiega:

"Per 14 anni non pensavo che sarei rimasta incinta, quindi l'anno scorso, prima di rimanere incinta a 34 anni, non pensavo davvero che avessi qualcosa di cui preoccuparmi ed ero fuori dalla pillola. Quando ho scoperto di essere incinta, è stato a dir poco scioccante e ho capito subito che avrei dovuto mettere il bambino in adozione a causa di motivi finanziari, emotivi e fisici ".

Come hai fatto pace con la tua decisione e questa decisione è stata una scelta?

TERRI: Mi ci sono voluti circa tre anni per fare pace con la mia decisione e l'ho fatto attraverso la terapia e molte preghiere. La decisione in realtà non sembrava una scelta, solo qualcosa che è accaduto nel tempo attraverso un sacco di scrittura, parlando con le altre mamme, legame con la madre adottiva e guida spirituale.

Mi piacerebbe che fingessi che sto solo imparando il linguaggio dell'adozione. Aiutami a capire cosa provi nel lasciar andare un bambino? Puoi spiegare l'amore di quella decisione?

TERRI: Sembra che qualcuno sia morto, come se il tuo cuore e le budella venissero strappate via, il dolore emotivo più atroce che puoi immaginare. Non ho mangiato o dormito per due settimane, praticamente e ho dovuto essere curato. Era come essere in trance per la maggior parte del tempo, con me a malapena in grado di funzionare tranne che per andare al lavoro e anche quella era una lotta, ma sapevo che dovevo farlo per sopravvivere. Anche se sapevo che stavo facendo la cosa giusta, era ancora incredibilmente doloroso e dal momento che soffrivo di depressione mi ci è voluto molto più tempo di quanto facessero molte altre donne per superare il dolore.

L'amore che la decisione scaturisce proviene da una profonda conoscenza della tua anima dal profondo del tuo cuore a ogni centimetro del tuo essere che potresti pensare che sia giusto trascinarti attraverso l'inferno finanziariamente, fisicamente ed emotivamente, ma farlo a un il bambino è un'altra storia. Non potevo essere d'accordo e sapevo che mi sarei pentito se l'avessi fatto.

Spesso l'ambivalenza arriva per il genitore che ha dato alla luce dopo che il bambino è stato adottato. Alcuni genitori considererebbero onesto parlare di questo con il bambino e con il genitore adottivo, magari volendo più tempo con il bambino. Altri non lo vedrebbero in questo modo. Come lo vedi?

TERRI: Penso che la responsabilità del genitore naturale sia quella di essere lì per il bambino, come permesso dai genitori adottivi, ma mai di imporre, intromettersi o mettere i bisogni della nascita al di sopra di quelli del bambino. In altre parole, a prescindere da quanto mi sento depressa o triste e posso ottenere a volte, la cosa più importante è il benessere e la felicità della mia figlia. Non posso rendermi felice o contento a spese della sua felicità e del suo benessere. Questo vale anche per i genitori adottivi. Non posso impormi i miei bisogni su di loro senza riguardo ai loro sentimenti e al loro benessere.

Puoi parlarmi della tua figlia di nascita – quanti anni ha oggi, e se hai una connessione che è in entrambi i modi, com'è? Dato che hai scritto dell'adozione e della tua esperienza, è a conoscenza di questa storia?

TERRI: La mia figlia di nascita ha nove anni. Abbiamo una connessione ma è più come amici che madre e figlia. La vedo due o tre volte all'anno perché abbiamo un accordo di adozione semi-aperto. Vivo in Texas come fa mia figlia.

Ho scritto le sue lettere nel corso degli anni e continuo a fare ciò che la mamma adottiva le darà quando sarà grande abbastanza per comprenderle e affrontarle. Inoltre, prima che lei nascesse, le ho fatto un album che penso che la mamma adottiva abbia accantonato per darle quando sarà più grande. La mia figlia di nascita ha anche visto i suoi "baby tapes" o videocassette / DVD del Placement Day (il giorno in cui è collocata con i suoi genitori adottivi in ​​un ambiente cerimoniale) e il suo tempo in ospedale quando è nata. Li ha guardati più volte e li adora, secondo la sua mamma adottiva.

Dov'è la tua vita adesso? Dove sei? Come hai-se hai trovato un senso di accettazione per te stesso? O hai un senso più profondo di okay adesso?

TERRI: Anche se vorrei poter crescere la mia figlia, non mi pento della mia decisione perché è felice e ben curata. Ora ho un senso più profondo di okayness ma mi irrito ancora e talvolta arrabbiato quando le persone che non sono d'accordo con la mia decisione mi dicono cose che mi sembrano insensibili o ignoranti. Penso che ci sia ancora molta ignoranza riguardo all'adozione e che così tante persone nella società non capiscono che quando le nascite prendono questa decisione non è fatta alla leggera o durante la notte. Uno dei miti che molte persone credono è che la mamma non amasse suo figlio ed è per questo che ha dato il suo bambino per l'adozione. Nulla potrebbe essere più lontano dalla verità.

* Questa intervista ha usato il termine "madre e figlia" per chiarire le madri.


Solutions Collecting From Web of "La verità di una donna: posizionare il suo bambino per l'adozione"