La verità deprimente sulla disoccupazione

"Che cosa fai per vivere?" Ai disoccupati o ai sottoccupati queste parole possono scatenare un'ondata di ansietà e imbarazzo. I livelli di stress e il disagio emotivo sono alle stelle nel mondo del lavoro. Un recente studio di Rutgers sui lavoratori americani disoccupati ha mostrato che il 77% era stressato, il 64% si sentiva ansioso, il 61% ha riferito di sentimenti di impotenza e il 54% era senza speranza. (Van Horn, 2009) Le turbolenze e le tensioni finanziarie create dalla disoccupazione possono avere un profondo impatto sugli ormoni e sui neurochimici che influenzano le scelte alimentari. Oggi, con la disoccupazione che si aggira intorno al 9%, milioni di americani sono a rischio di depressione e il mangiare emotivo che lo accompagna. Il mangiare emotivo è guidato non solo dal comportamento, ma anche dall'interazione di ormoni dello stress e comunicatori chimici che influenzano l'appetito, lo stoccaggio di grasso e il desiderio di cibo.

La ricerca ha dimostrato che i sentimenti di ansia, sconfitta, rabbia e depressione sono comuni nei senza lavoro. Questi sono sintomi di stress o stress "di minaccia" associati a situazioni esigenti in cui non si hanno le risorse o le capacità di coping necessarie per affrontare il disagio emotivo. Poiché l'identità personale e l'autostima sono spesso ancorate all'occupazione, i fattori di stress delle minacce, come la perdita del lavoro, mettono in discussione il concetto di sé sociale che genera profondi sentimenti di imbarazzo e paura. L'esposizione costante allo stress delle minacce può liberare un'ondata di ormoni potenzialmente in grado di alterare la forma del corpo e le abitudini alimentari. (Adam, TC, 2007)

Lo stress da minaccia, in particolare, è un potente innesco dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA). Una volta attivata l'HPA, i livelli di cortisolo esplodono. Il cortisolo è un potente ormone che alimenta l'appetito per cibi ricchi di grassi, zuccheri e calorie. Questi cosiddetti alimenti altamente appetibili inducono sostanze chimiche come la dopamina e gli oppioidi, che a loro volta innalzano l'umore modificando temporaneamente la risposta dell'HPA. La sensazione di felicità a breve termine provocata dal gelato e dalle patatine fritte può portare sollievo alla persona stressata, ma l'attivazione cronica del percorso della ricompensa può portare ad adattamenti neurochimici che promuovono l'eccesso di cibo.

Un sacco di clienti disoccupati che cercano consigli sulla gestione del peso si sono lamentati del peso della "ruota di scorta" che non riescono a perdere nonostante i loro migliori sforzi. Quindi c'è un legame tra disoccupazione, alti livelli di cortisolo e aumento di peso? Oltre a influenzare l'appetito, il cortisolo favorisce la forma del corpo "mela" dove il peso è impacchettato intorno alla sezione mediana. Alcuni studi hanno dimostrato che i livelli di cortisolo sono, in effetti, elevati nei disoccupati. (Grossi G 2001) Considera anche che l'aumento di peso è un "effetto collaterale" della disoccupazione o anche la minaccia di perdere il lavoro, suggerendo che lo status occupazionale influenza il peso corporeo. (Smith, T. 2009) Ma il cortisolo è solo una parte potenziale del ciclo di guadagno di peso-depressione-disoccupazione.

Cravings, noia, frustrazione, rabbia e stress possono indurre alcuni a fare una beeline per il congelatore più vicino a prendere un ½ gallone di biscotti e crema. Affrontare lo stress alimentando i sentimenti con il cibo può innescare un temporaneo senso di benessere e calma. I cibi ricchi e cremosi stimolano gli oppioidi mentre gli snack zuccherini migliorano la produzione di serotonina. La serotonina, nota come neurotrasmettitore "sentirsi bene", è influenzata dall'assunzione di carboidrati, quindi quando i livelli di serotonina diminuiscono, si verificano spesso voglie di carboidrati famelici. È opinione diffusa che i bassi livelli di serotonina abbiano un ruolo nella depressione. Lo stress cronico, il cortisolo elevato e la mancanza di esercizio sembrano esaurire la serotonina. Per alcuni, questo esaurimento cronico può innescare abbuffate di carboidrati che portano intestino panciuto e cicche ampie.

Considerando la biologia dello stress eating, non sorprende che il mantra di "mangiare solo meglio" non sia ascoltato. Combattere l'aumento di peso della disoccupazione significa affrontare il mangiare emotivo e sopprimere la tempesta di cortisolo.

Mangiare emotivo significa:

  • Mangiare quando non fisicamente affamato
  • Mangiare quando emozioni come rabbia, frustrazione, stress e alto
  • Mangiare quando sei annoiato
  • Mangiare veloce
  • Mangiare da solo a causa di imbarazzo per il tipo o la quantità di cibo mangiato
  • Sentirsi in colpa per eccesso di cibo

Per frenare i comportamenti alimentari emotivi, prova quanto segue:

  • Riconoscere i segnali di fame fisica: lo stomaco sta ringhiando? Ti senti pieno o affamato? La fame fisica si accende lentamente e sarà soddisfatta con qualsiasi cibo.
  • Fai un inventario dei "sentimenti": se ti dirigi verso il congelatore o prendi un sacchetto di patatine, chiediti "Sono affamato o annoiato, stanco, ecc.?" Prendendo nota dei sentimenti, puoi identificare i tuoi inneschi emotivi.
  • Porzionalo. Vuoi delle patatine? Tira fuori dalla borsa e metti via la borsa. Il controllo delle porzioni aiuta a ridurre le calorie consumate e previene il mangiare senza cervello.

Per far fronte al cortisolo:

  • Esercizio: fare una passeggiata .. L'attività fisica aumenta gli oppioidi e sopprime il cortisolo.
  • Portare a spasso il cane. O un cane vicino … gli animali domestici riducono i livelli di stress e la pressione sanguigna.
  • Pratica tecniche di rilassamento. Respira lentamente e con uno scopo.
  • Incorporare proteine ​​a basso costo e carboidrati complessi nella dieta. I cibi altamente appetibili sono alimenti più economici ma a basso costo sono disponibili opzioni più sane. Fagioli, uova, latticini a basso contenuto di grassi e carni magre sono buone fonti di proteine. Le frutta e le verdure surgelate sono piene di nutrienti e più economiche che fresche. La pasta, il pane e i cereali integrali a marchio di fabbrica sono una buona scelta per i carboidrati.
  • Prendi un massaggio. È stato dimostrato che il massaggio riduce il cortisolo e aumenta i livelli di serotonina e dopamina. Il costo potrebbe essere un problema, quindi chiedi al tuo amico di obbligare. Nessun compagno? Massaggi di 15 minuti possono essere trovati per $ 10 nella maggior parte dei centri commerciali
  • Rete. L'interazione con gli altri può aiutare a ridurre lo stress.

La disoccupazione ha effetti di vasta portata sulla salute mentale e fisica. Riconoscere i segni della depressione e cercare aiuto sono importanti. Diverse agenzie ora offrono consulenza a basso costo ai disoccupati. Da un punto di vista nutrizionale, il mangiare emotivo associato ai cambiamenti neurochimici e ormonali può contribuire all'aumento di peso. Modificare i messaggi di consulenza nutrizionale per affrontare lo stato lavorativo può essere più efficace nel cambiare i comportamenti alimentari e l'aumento di peso dell'occupazione.

Solutions Collecting From Web of "La verità deprimente sulla disoccupazione"