La vera ragione dietro l'ansia e la depressione giovanile

Alyssa L. Miller Flickr CC BY 2.0
Fonte: Alyssa L. Miller Flickr CC BY 2.0

Il 16 ottobre, la rivista The New York Times ha pubblicato un articolo di Benoit Denizet-Lewis dal titolo "I bambini che non possono". L'articolo ha documentato un picco sia di ansia da adolescente che di depressione dal 2011 e suggerisce che la causa potrebbe essere l'adozione diffusa di smartphone e social media.

Questo è parzialmente vero, ma la vera ragione è più profonda. Si tratta dell'equilibrio tra cercare la felicità cambiando il sé e l'ambiente anziché adattarsi a ciò che è. A volte è bello modellare il nostro ambiente e le nostre scelte per la nostra comodità e felicità, ma ci deve essere una misura uguale di accettare le carte che ci vengono date. Il problema è che ai giovani viene insegnato a cercare la situazione perfetta e non abbastanza da accettare e adattarsi. Questo tipo di adattamento è chiamato "resilienza". È l'abitudine e l'abilità di essere disposti e capaci di vivere con condizioni che non possono o non devono essere modificate.

Il problema è che la vita moderna mette tutta l'enfasi sull'insieme opposto di abilità. Oltre alla nuova ondata di programmi di formazione finalizzati all'insegnamento della resilienza, chi ha fatto un dollaro vendendo l'accettazione? Praticamente tutto ciò che è commercializzato per i giovani è finalizzato a progettare il sé e l'ambiente per adattarsi meglio a ogni desiderio e preferenza. Le parti del corpo false porteranno felicità. Un colpo del dito elimina chiunque abbia un aspetto non perfetto. Se ti senti bene, fallo, altrimenti perché preoccuparsi? Se includiamo il flusso sanguigno di una persona come parte del loro ambiente, allora pensa alle pubblicità che i bambini sono esposti a promuovere sostanze chimiche che promettono maggiore comfort o felicità. Quale offerta non renderà la vita più facile, meno costosa, più veloce, più divertente o più confortevole. Qualcuna di queste persone procaccia la soddisfazione di uno sforzo prolungato o l'accettazione di limitazioni? Sembra banale, ma la proporzione distorta tra i due poli è drammatica.

Poi c'è l'esposizione che i giovani ricevono a ciò che sembra facile, immediata fama e vittoria. Vedono il loro eroe, vincendo senza fatica il campionato o il concorso. Armano il loro avatar video con le armi più potenti e, con la rapidità di un cervello adolescente, abbattono il nemico. Viene dato loro un assaggio realistico del drive, del focus, delle ore di estenuante pratica, di una fortuna impossibile o di un privilegio straordinario per raggiungere la vetta? Raramente, e quando lo sono, è nel testo dell'avvocato schiacciato sotto le facce sorridenti.

Quindi ragazzi e giovani adulti di oggi imparano che la vita dovrebbe essere incredibilmente facile e portare un successo straordinario senza stress. Con questa prospettiva, non appena la realtà appare, come non sentirsi depressi e ansiosi? E la risposta, ovviamente, non è di adattarsi, ma di cambiare l'ambiente per eliminare quei sentimenti negativi. "Devi avere la depressione." "Hai un disturbo d'ansia sociale." "Prendi una pillola."

Gli psicologi hanno fatto una grande scoperta negli ultimi 30 anni: più si cerca di eliminare l'ansia, più diventa grande e aggressiva. Prestando attenzione all'ansia, gli diamo più potere. Che cosa funziona, come documenta Denizet-Lewis, sta imparando le abilità della resilienza, cioè accettando che l'ansia è parte della vita, e dovrebbe essere riconosciuta, ma non attuata. Tara Brach insegna RAIN "Riconoscere cosa sta succedendo, lasciare che la vita sia così com'è, indagare sull'esperienza interiore con gentilezza e non-iden- tificazione", nel senso che l'ansia è una sensazione ma non chi sei.

L'articolo di Denizet-Lewis continua descrivendo una riabilitazione per l'ansia giovanile che insegna alle persone quelle abilità. Poi c'è la cura più potente: provare volontariamente l'ansia e non agire su di essa. Si chiama "trattamento di esposizione". È quello che i lettori del mio altro blog, Momenti di cambiamento, sanno che devono fare con sentimenti dolorosi e scomodi: attraversarli, si spera in un contesto di connessione e compassione.

E per quanto riguarda la depressione che sta raggiungendo una crescente prevalenza, è causata soprattutto dalla sensazione che le cose "non dovrebbero essere" così. Anche questo è il risultato di essere stati immersi in una facile illusione. Questo porta alla rabbia e la rabbia si trasforma contro il sé. Un risultato è la depressione. Altri sono autolesionisti in molte varietà e rabbia cronica, di solito diretta verso qualcosa di diverso dalla vera fonte.

Quindi la risposta è che una vita sana e felice significa apprendere che l'accettazione delle cose che non possiamo o non dovremmo cambiare dovrebbe essere parte della nostra vita quanto il tentativo di rendere le cose giuste. All'inizio, ciò può sembrare scioccante e sbagliato, ma con la pratica, sia che inizi nella prima infanzia o più tardi nella vita, l'accettazione può essere appresa. Il più delle volte, il modo migliore per impararlo è quando ci imbattiamo in limitazioni che non possiamo proprio superare. Ciò significa che i genitori (e gli operatori sanitari) sanno quando non salvare o promettono che tutti i problemi possono essere risolti. La prima reazione è spesso rabbia e indignazione. Quando proviamo questi sentimenti in compagnia di un amico, un mentore, un terapeuta o un genitore fermi e compassionevoli, allora la rabbia e il dolore alla fine lasciano il posto all'accettazione. Con lezioni del genere, tutti possiamo essere pronti ad accettare le cose come sono oa cercare un cambiamento, a seconda di quale porterà a felicità e soddisfazione veramente durature.

Solutions Collecting From Web of "La vera ragione dietro l'ansia e la depressione giovanile"