La vera psicologia degli alti del mercato azionario

Tutti dicono che l'investitore medio prende decisioni di investimento terribili. Un'intera industria è costruita sulla paura che la circonda.

Ma ciò che tutti dimenticano è che il premio Nobel Harry Markowitz, che essenzialmente ha creato l'idea dell'allocazione degli asset, ha avvertito che il primo passo non era decidere la preferenza per il rischio, ma sapere cosa credi e perché. Il fatto che alla maggior parte degli investitori venga insegnato a credere che il mercato sia un gioco misterioso, troppo complicato da comprendere, li convince a credere di non poterlo fare.

Il fatto è che i nuovi massimi tendono a generare nuovi massimi – più a lungo di quanto affermano tutti gli esperti. Un vecchio detto è "I mercati si arrampicano su un muro di preoccupazione" e quindi, fintanto che le persone sono in TV a parlare di come ora il mercato è troppo costoso, è probabile che andrà più in alto.

Pensaci: chiunque è "long" (detenere azioni) sta facendo soldi. Chiunque non sia nel mercato ma desideri, alla fine arriverà e entrerà. E infine, coloro che sono a corto (o che hanno venduto il mercato perché si aspettano che scenda), devono comprare o ottenere molto prima o più tardi. Ciò crea acquisti incorporati e aumenti dei prezzi incorporati.

La saggezza convenzionale sostiene anche che il mercato predice il futuro dell'economia. Quindi i prezzi di oggi non riguardano oggi, ma quello che accadrà a settembre.

Non paga aspettare fino a quando un titolo – dice Apple – ha avuto un aumento quasi parabolico. Ma quelle sono le situazioni rare. Pensando a perché qualcuno in futuro pagherà di più per le azioni di una determinata società – o ciò che viene chiamato il pensiero della teoria della mente – ha dimostrato di migliorare le prestazioni di investimento.

In breve, non lasciare che gli oppositori ti spengano automaticamente dal mercato. Il segno più sicuro di nuovi massimi nuovi sono ora nuovi massimi.

Solutions Collecting From Web of "La vera psicologia degli alti del mercato azionario"