La vera paura nella paura del fallimento: parte III

Nella prima parte della mia serie, Fear of Failure, vi ho presentato la presenza epidemica della paura del fallimento nei giovani di questi tempi. L'articolo descrive quale sia la paura del fallimento e le sue cause. Descrivo anche 3 modi in cui le persone tentano di evitare il fallimento: lasciano qualsiasi cosa causi la paura, causano fallimenti, ma hanno una scusa, o ottengono un discreto successo (anche se non hanno mai successo perché non sono disposti a correre i rischi necessari ). Infine, discuto l'importanza di insegnare alle persone il valore del fallimento.

Ed Bozman
Fonte: Ed Bozman

Nella seconda parte della mia serie, ho descritto il paradosso che ho visto nei giovani con la paura del fallimento che, tuttavia, farebbe cose che garantiscono il fallimento (ad esempio, non essere completamente pronti prima di un test o recital o competizione, non dare loro pieno sforzo, rinunciare dopo l'errore più piccolo). Per risolvere questo enigma, ho introdotto la nozione di fallimento totale (dandogli tutto ciò che hai e non raggiungendo i tuoi obiettivi) come la causa alla base della paura di fallire dei giovani. Ho sostenuto che la paura del fallimento è radicata nel dover ammettere che non erano abbastanza bravi. E nessun giovane ambizioso vuole ammetterlo.

Recentemente, lavorando con un giovane atleta, ho avuto un'altra epifania sulla paura del fallimento che ha portato a un nuovo livello la mia comprensione della paura del fallimento. La vera paura non è il fallimento, il significato che attribuisci al fallimento, o addirittura il fallimento totale. Invece, la vera paura del fallimento riguarda la paura di sperimentare le emozioni dolorose alla base del fallimento totale che i giovani pensano di provare se falliscono. Tutti gli sforzi di questi giovani sono dedicati ad evitare di dover sperimentare quelle emozioni veramente spiacevoli che credono verranno sicuramente col fallimento totale.

Quali sono queste emozioni così negative che i giovani potrebbero effettivamente fallire (ma con una scusa che li protegge da quelle emozioni) piuttosto che dare il massimo degli sforzi e rischiare un fallimento totale: tristezza, depressione, frustrazione, disperazione, devastazione, vergogna , umiliazione, colpa. Com'è possibile per una lista di emozioni da evitare!

Ci sono tre aspetti di questa prospettiva sulla paura del fallimento che sono particolarmente sfortunati. In primo luogo, la percezione dei giovani di provare queste emozioni dolorose è molto probabilmente completamente fuori dalla realtà. Iniziamo con il significato che i giovani attribuiscono al fallimento che causa queste emozioni. Come ho notato nel mio primo articolo di questa serie, i più comuni sono:

  • Loro deluderanno i loro genitori.
  • Ai loro amici non piaceranno più.
  • Saranno ostracizzati dal loro gruppo di pari.
  • Saranno persone senza valore.
  • Tutti i loro sforzi saranno una perdita di tempo.
  • Sperimenteranno la devastazione di non raggiungere i loro obiettivi.

Ma la realtà probabile è che nessuno di questi si materializzerà. Certo, ci sono genitori fuorviati (e talvolta addirittura pazzi) che mostreranno la loro delusione (e forse addirittura ritireranno il loro amore) di fronte al fallimento dei loro figli, ma non ce ne sono molti. A parte questo, i tuoi amici ti apprezzeranno ancora, non sarai respinto dai tuoi pari, ne varrà comunque la pena, il tuo tempo sarà comunque ben speso, e supererai il fatto che potresti non raggiungere tutti i tuoi obiettivi (noi tutti facciamo!). In altre parole, se fallisci, rimarrai deluso, ma starai bene. E, per mettere l'intera discussione in una prospettiva più ampia, se posso essere un po 'politicamente scorretto, non riuscire a diventare bravo in qualcosa è un problema decisamente primo mondo.

Secondo, la tua paura di fallire è completamente controproducente; non ti va affatto bene. Crea una situazione vincente, ma non proprio perdente. Hai vinto (ancora una volta, non proprio) proteggendoti da quelle presunte emozioni dolorose, ma perdi molto tempo. Non raggiungi i tuoi obiettivi. Ti calci per non dare il massimo sforzo. E continui un modello di pensiero, emozioni e comportamento che non solo feriscono i tuoi sforzi immediati, ma continueranno a perseguitarti in ogni aspetto della tua vita in futuro.

Terzo, se potessi lasciare andare la tua paura di fallire e dare veramente tutto, cioè, eseguire con totale impegno, fiducia, coraggio e abbandono, è probabile che tu possa trovare un certo grado di successo. Quanto successo dipende da molte cose non correlate a ciò che accade tra le orecchie. Non posso garantire che finirai su un podio olimpionico o al centro della Carnegie Hall, ma, come dico spesso, le cose belle accadranno se tu dai il massimo.

Inoltre, se si rischia il fallimento totale, contrariamente ad essere devastati da tutte quelle emozioni dolorose di cui ti preoccupi, proverebbero davvero emozioni meravigliose, come eccitazione, gioia, orgoglio e ispirazione. Perché? Perché hai dato il massimo sforzo e hai lasciato tutto là fuori. E, alla fine, questo è tutto ciò che puoi fare.

Una recente email di un lettore ha posto l'ovvia domanda: "Ora capisco perché mio figlio continua a fare a modo suo nel suo sport. Ha paura di fallire! Quindi, cosa posso fare a riguardo? "

Data questa domanda, ho intenzione di estendere la mia serie Fear of Failure a un quarto segmento. Cercalo la prossima settimana

Solutions Collecting From Web of "La vera paura nella paura del fallimento: parte III"