"La tua mano non è cresciuta? Peccato: ti sto chiamando comunque"

I medici in formazione lo chiamano "pimping". Uno studente di medicina o un residente junior viene bruscamente messo sul posto, a volte durante i round del paziente, mentre un istruttore spara domande difficili sull'anatomia, sui protocolli diagnostici o sulle procedure chirurgiche. [1] La pratica è difesa più o meno allo stesso modo in cui vengono difese altre forme di umiliazione, bullismo, nonnismo o punizione: teneteli in punta di piedi! Li dimostrai affari! Ti dà la vita quando altre persone li abusano più tardi! E naturalmente quella vecchia castagna: ne ho sofferto; perché non dovrebbero? [2]

I bambini a scuola sono raramente interrogati con tale ferocia, ma sorgono preoccupazioni morali e pedagogiche simili, con particolare urgenza, appunto, proprio perché sono più giovani: gli insegnanti devono chiedere agli studenti che non hanno indicato di voler parlare e, di fatto, hanno tacitamente indicato che non vogliono parlare?

Recentemente ho suggerito su Twitter che questa pratica – "cold-calling" – è così fondamentalmente irrispettosa nei confronti degli studenti che non sarei incline a prendere consigli su qualsiasi cosa da qualcuno che lo abbia sostenuto. Le reazioni al mio tweet sono cadute in tre gruppi. Il primo gruppo ha sostanzialmente concordato: "È un ottimo modo per far vergognare un bambino". "Troppi insegnanti credono davvero che sia un tratto di un buon insegnante, che possano" far partecipare "le persone". "" Alcuni insegnanti torturano il mio 14 anni con questo. Non ho rispetto per loro ". Uno scrittore ha paragonato" l'uso dei voti come coercizione ", aggiungendo che era particolarmente odioso chiamare (cioè chiamare) uno studente che l'insegnante riteneva non prestasse attenzione.

Il consenso tra queste persone è che la pratica è ripugnante perché un insegnante sta fondamentalmente dicendo: "Sembra che preferiresti non contribuire alla discussione in questo momento, ma non mi interessa la tua preferenza e userò il mio potere per costringervi a contribuire. "Se questo non è irrispettoso, allora quella parola non ha significato. Inoltre, gli effetti nocivi non sono limitati a quel particolare bambino. Come nel caso di "time out", in cui i bambini più piccoli che dispiacciono all'insegnante sono forzatamente isolati, tutti quelli che osservano ciò accadono, pensando: "Potrebbe essere me la prossima volta", sembra meno sicuro.

Sono tentato di chiedere a un insegnante che chiami il freddo, "Come ti sentiresti se un amministratore (in una riunione di facoltà) o un oratore (in un seminario) facesse la stessa cosa per te?" Ma questa non è la domanda giusta perché alcuni insegnanti sono sufficientemente a proprio agio sotto i riflettori che non gli dispiacerebbero. Il punto è che molti adulti, e anche più bambini, fanno attenzione. Il nostro obbligo è di immaginare la prospettiva della persona specifica con cui stiamo interagendo, non la nostra probabile reazione nella loro situazione.

*

Ma è sempre discutibile chiamare i bambini le cui mani non sono all'altezza? Questa è stata la sfida offerta da un secondo gruppo di tweeter. Uno ha detto: "Dipende da come è fatto. Se la relazione è buona, ed è un invito gentile a commentare, potrebbe essere rispettoso, no? "Un'altra domanda:" Che ne dici di creare un clima in cui i bambini si sentono felici e sicuri di alzare le mani, invece? "

Abbastanza giusto: un sorridente, "gentile invito" ("Chris, ho notato che non parli da un po 'di tempo, ti piacerebbe suonare qui?") – e le periodiche rassicurazioni che chiunque può scegliere di passare in qualsiasi momento – è completamente diverso da una domanda non negoziabile a cui tutti devono rispondere. E se il modo in cui lo si fa è rilevante, lo è anche la ragione: alcuni insegnanti vogliono solo aiutare i bambini reticenti a parlare, in particolare quando un pensiero sembra sfarfallare. Altri, al contrario, stanno usando la loro posizione di potere per creare un'aula guidata dalla paura: faresti meglio a essere preparato perché non sai mai quando ti chiamerò!

Non importa quanto possa essere orribile per gli studenti questo secondo ambiente, può sempre essere razionalizzato in nome della "responsabilità" – la stessa parola, ironia della sorte, che viene invocata dai responsabili politici per imporre la loro versione del mio modo di fare o soffrire riforma degli insegnanti. E quando gli studenti sono costretti a parlare o ascoltare, c'è anche un eufemismo per questo: "impegno". Si noti che entrambi i termini, almeno come qui usati, riflettono un paradigma comportamentista. L'obiettivo è produrre un determinato comportamento osservabile; l'esperienza dello studente – la sua vita interiore – è irrilevante.

La pratica di mandare le risposte degli studenti come strategia di controllo è sostenuta da persone che promuovono aule scolastiche che sono militaristiche anche in altri modi. Sto pensando ad un approccio associato alle scuole charter "No Excuses" (frequentate principalmente da studenti afroamericani e latini a basso reddito) che è stata giustamente descritta come la "pedagogia della povertà": memorizzare fatti, esercitare abilità e obbedire all'autorità . "Parli quando ti chiedo di farlo", – insegnare ai bambini a comportarsi come i sigilli – è, dopo tutto, più coerente con un curriculum di "grappoli di fatti" piuttosto che con uno radicato nella ricerca e nel significato. [3 ] (Non sto parlando qui di insegnanti desiderosi di suscitare la partecipazione in una discussione pensata e aperta – di più su quale tra un momento – ma con quelli che invocano brevi domande che hanno risposte chiare inequivocabili e richiedono che gli studenti sputino fuori quelle risposte di fronte ai loro coetanei.)

Osserva una di queste aule – ci sono un sacco di esempi di spasmi disponibili per l'ispezione su YouTube – e vedrai che i bambini che fanno pressione per contribuire quando non sono pronti si adattano abbastanza bene ad altri valori e pratiche preoccupanti. Quando non è questo il caso, però – quando gli insegnanti sono a disagio con un curriculum basato sui fatti o l'uso di tangenti e minacce, eppure non pensano nulla a mettere gli studenti sul posto – dovrebbero affrontare l'incoerenza. Possono dare con una mano mentre portano via con l'altra. [4]

*

Il terzo gruppo di intervistati alla mia breve riflessione ha approfondito lo scopo di, e si è chiesto delle alternative alla chiamata a freddo. Molti erano turbati dalla prospettiva di aspettare che gli studenti facessero volontariato. Si è espresso il timore che il modello delle mani alzate significhi ascoltare solo "il 20% dei bambini in [quella che dovrebbe essere una] discussione di classe intera". Comprendo certamente questa obiezione. Ovviamente vogliamo creare quello che un altro rispondente chiama "pratica equa in classe". Non vogliamo escludere introversi che sono riluttanti a parlare e lasciare che alcuni studenti dominino ogni conversazione. (Qui stiamo parlando di partecipazione a discussioni vere, non di manipolazione dei bambini per abbaiare risposte corrette).

Tuttavia, credo che la scelta di uno studente di non parlare dovrebbe essere rispettata. Il fatto che ci siano problemi nel sollevare le mani non ci autorizza a ricorrere all'opzione altrettanto difettosa di chiamare il freddo o viceversa. C'è qualcosa di profondamente discutibile nel dire "Devi parlare quando dico che dovresti" così come c'è da dire, nelle parole di un altro rispondente di Twitter, "Puoi parlare solo se te lo dico". Queste due posizioni sono in realtà più complementare che opposto. E la ragione principale per rifiutare il secondo non è che troppo pochi bambini alzeranno la mano. È che l'aula rimane interamente incentrata sull'insegnante. Proprio come con le chiamate a freddo.

Quello che dobbiamo sviluppare – con gli studenti, non solo per loro – è un modello di discussione che incoraggia tutti a parlare quando sono pronti senza costringere nessuno a farlo, e che sostiene la comunità nel diventare autogovernanti piuttosto che dare una persona nella stanza è l'unica autorità a decidere chi parla quando. Accanto alla forte argomentazione morale di abbandonare le mani alzate e le chiamate fredde, il processo di modellare una terza alternativa aiuta gli studenti ad acquisire un'abilità sociale enormemente utile. Dare loro la possibilità di farlo è anche un potente segnale della fiducia dell'insegnante in loro.

A questo punto, vi invito a mettere da parte questo saggio per 14 minuti per vedere un video eccezionale di un'aula scolastica elementare nel Kentucky. Se sei troppo occupato (o non funziona), lo riassumerò per te. L'insegnante inizia l'anno scolastico chiedendo ai suoi studenti di confrontare le caratteristiche del tipo di classe che desiderano avere. Quando uno studente, forse ricordando le voci degli insegnanti nei gradi precedenti, propone diligentemente "Sollevare le mani invece di urlare", l'insegnante non è d'accordo e controlla felicemente quell'elemento nella sua lista mentale di regole che speravo avrebbero suggerito . Invece, si chiede ad alta voce se è davvero necessario alzare le mani. Ci potrebbero essere altri modi per evitare che tutti parlino contemporaneamente, modi che non conferiscono tutto il potere dell'insegnante? Ma gli studenti sembrano sconcertati da qualsiasi scenario diverso da quello che sono stati accuratamente addestrati ad accettare nel corso degli anni, così l'insegnante si ritira – per un po '. Più avanti nell'anno, li invita a rivisitare il problema. A quel punto la maggior parte dei ragazzi si sente pronta a provare un modello di discussione più democratico, e il video termina con la prova di come funziona: un epilogo ci mostra gli studenti che discutono di una storia, educatamente facendo a turno. Piuttosto che controllare la conversazione, l'insegnante ascolta.

Idealmente, andare oltre la raccolta manuale o la chiamata a freddo fa parte di un progetto in corso di creazione di una comunità di classe democratica e premurosa, in cui gli studenti sono aiutati a provare un senso di appartenenza e hanno dato continue opportunità di prendere decisioni, individualmente e collettivamente. Questo progetto più ampio si svolge durante le normali riunioni di classe durante la quale sono invitati a proporre idee concrete per far sì che le discussioni autonome procedano senza intoppi e in modo equo. Ad esempio, gli studenti potrebbero proporre strategie per incoraggiare i bambini timidi o con un linguaggio tenero che vogliono davvero parlare. Potrebbero fare dei brainstorming per assicurarsi che tutti si sentano in grado di offrire opinioni e domande senza essere derisi. (L'insegnante può anche avvicinarsi a certi studenti individualmente per assicurarsi che il motivo per cui stanno zitti non è perché temono di essere messi in ridicolo e per chiedere se sarebbero aperti a inviti gentili a contribuire.) Gli studenti possono riflettere sul vantaggio di avere opportunità regolari di parlare in coppia e in piccoli gruppi piuttosto che sempre come una classe intera. Come affermano gli esperti di apprendimento cooperativo David e Roger Johnson, "Nessuno viene lasciato fuori da un paio".

Portare i bambini in questo processo non è solo rispettoso e un buon modo per promuovere il loro sviluppo sociale, morale e intellettuale – è anche abbastanza sensato perché produce più idee buone di quelle che ogni individuo, incluso l'insegnante, può inventare o il suo. E mentre l'anno avanza, i bambini possono iniziare a unirsi all'insegnante per estendere quei dolci inviti a un compagno tranquillo: "Randy, avevi intenzione di dire qualcosa proprio ora?"

Allo stesso tempo, gli insegnanti dovrebbero sfidare se stessi. La decisione di evitare la chiamata a freddo e la raccolta di mano non è solo parte di un più ampio sforzo per costruire comunità democratiche, ma anche parte di un progetto più ampio di miglioramento della pedagogia. La maggior parte delle discussioni sulla chiamata a freddo sono incentrate su come suscitare le risposte degli studenti alle domande di un insegnante. Ma fai un passo indietro: perché l'insegnante fa la maggior parte delle domande? La volontà degli studenti di partecipare, per non parlare della qualità del loro apprendimento, potrebbe essere notevolmente migliorata se la maggior parte delle domande (che modellano il curriculum) fossero le loro . [5] Allo stesso modo, gli insegnanti devono resistere alla tentazione di classificare gli studenti sul loro partecipazione di classe, che rende estremamente difficile incoraggiare discussioni autentiche in cui gli studenti sono interessati alle idee. I gradi velenano tutto ciò che toccano, minando la motivazione intrinseca per apprendere e deformare l'intera dinamica della classe.

Una conversazione autogovernata è un compito arduo per i bambini molto piccoli e anche per classi molto grandi (che si prestano all'ascolto piuttosto che all'apprendimento). In tali casi, potrebbero essere necessari aggiustamenti e compromessi. Ma la regola generale è che trattare gli studenti con rispetto – il che significa che non li costringiamo a parlare o determinare unilateralmente chi arriva a farlo – è eticamente appropriato, educativamente benefico e praticamente realistico. . . finché siamo disposti a rinunciare al controllo.

GLI APPUNTI

1. Ad esempio, consultare http://ow.ly/XyoSs o http://ow.ly/XyoHC

2. Questo è un bivio importante nella strada della vita. Alcune persone soffrono per l'oltraggio o addirittura la brutalità di essere maltrattate come novelle, solo per girarsi, una volta raggiunta una certa anzianità, e abusare di chi viene dopo di loro. Altre persone dicono: "Nessuno dovrebbe passare attraverso quello che ho fatto. Ora che ho un po 'di autorità, lo userò per denunciare le tradizioni crudeli e lavorare per cambiare il sistema. "

3. Questo approccio all'insegnamento generalmente si focalizza sull'aumento dei punteggi dei test (piuttosto che sulla promozione del pensiero critico); un obiettivo di suscitare obbedienza senza mente (piuttosto che offrire opportunità ai bambini di prendere decisioni); e un affidamento sulle ricompense e la lode per la conformità, da un lato, e l'umiliazione pubblica per non conformità, dall'altro. Vedi il mio articolo "Povero insegnamento per i bambini poveri … in nome della riforma", Settimana dell'istruzione , 27 aprile 2011.

4. Altri esempi di questo fenomeno: molte scuole cercano di creare un sentimento di comunità e promuovono una risoluzione costruttiva dei conflitti, ma sottoquotano questi sforzi rifiutando di abbandonare interventi punitivi come time-out, detenzioni e sospensioni. Allo stesso modo, i benefici di evitare la punizione sono negati dal continuo uso di premi – "controllo ricoperto di zucchero", come li chiama un ricercatore. E, mentre una mano può offrire un curriculum premuroso, l'altra la riprende usando test (piuttosto che valutazioni più autentiche) per valutare i progressi degli studenti.

5. Ho discusso questo problema in "Chi sta chiedendo?", Educational Leadership , settembre 2015, attingendo al lavoro di Dennie Palmer Wolf, Eleanor Duckworth e altri.

Solutions Collecting From Web of ""La tua mano non è cresciuta? Peccato: ti sto chiamando comunque""